lettera precedente

Impronte di speranza...

lettera seguente

.

FRUTTO...

RACCOLTA...

CAMPO...

ARCOBALENO...

.

Hawaii, Natale 2005

.
Spesso, quando non c’è nessuno, cammino nella nostra campagna, guardo e penso.
.
Mi viene in mente l’inizio di questo progetto, i primi giorni, i primi anni, la gente, i bambini, i visitatori, gli amici che sono passati da qui. Penso alle tante mani che hanno toccato questa terra e le migliaia di impronte lasciate da tutti coloro che qui hanno camminato.
.
Piccole impronte e piccole mani di bambini insieme ad adulti che hanno toccato questa terra speciale e impronte di coloro che hanno vissuto per centinaia d’anni qui, che hanno tenuto cura di questa terra. Impronte che sono rimaste e che hanno cambiato la faccia di questo piccolo angolo del mondo e anche la nostra vita.
.
Questa terra ricorda tutti e specialmente i bambini che hanno piantato, che hanno tenuto cura delle piante, che hanno raccolto con gratitudine, ricorda il loro sorriso e spesso anche il loro dolore e le loro paure. Lei si ricorda di coloro che sono venuti con il cuore e la mente aperta, di coloro che hanno portato gioia e di coloro che sono venuti per cercare conforto, per portare speranza, per condividere la loro vita e i loro sogni
.
Adesso ho capito perché Cristo è venuto. Ha voluto camminare sulla terra, ha voluto lasciare delle impronte che diventano speranza, impronte che non vengono cancellate dal tempo, dai secoli, dai venti ma che restano nell’infinità dell’universo a cui apparteniamo.
.
In questo Natale sarà bello camminare insieme sulle strade del mondo per lasciare impronte di pace e di speranza!
.

Buon Natale, con affetto!

Gigi, Judy e Pomaika'i