lettera precedente   DAL BANGLADESH, P. ADOLFO L'IMPERIO   lettera seguente

"GRAZIE DI CUORE!"

P. Cherubim Bakla, Parroco di Dhanjuri, con alcuni bambini disabili in cura presso il Lebbrosario!

Dhanjuri, 11 Agosto 2009

Carissimi,

l'amico Bruno vi ha scritto il 24 Luglio una "lettera", che sottoscrivo in pieno per un doveroso "Grazie"! Ho riletto la "lettera" diverse volte, pensando se dovevo dire qualcosa... Ieri a Dhanjuri e nella "festa liturgica" di San Lorenzo mi sono ritrovato indietro negli anni, ricordando Mons. Gargiulo Lorenzo, l'Arcivescovo che mi impose le mani sul capo (nel 1967) e mi incoraggiò nella mia scelta di vita. Ebbene, la "liturgia" mi ha ridato ispirazione per nuovamente dirvi "GRAZIE", con le parole di San Paolo ai "Corinzi".

«Carissimi, chi semina scarsamente, scarsamente raccoglierà e chi semina con larghezza, con larghezza raccoglierà.

Ciascuno dia secondo quanto ha deciso nel suo cuore, non con tristezza né per forza, perché Dio ama chi dona con gioia. Del resto, Dio ha potere di far abbondare in voi ogni grazia perché, avendo sempre il necessario in tutto, possiate compiere generosamente tutte le opere di bene, come sta scritto: "Ha largheggiato, ha dato ai poveri, la sua giustizia dura in eterno".

Colui che somministra il seme al seminatore e il pane per il nutrimento, somministrerà e moltiplicherà anche la vostra semente e farà crescere i frutti della vostra giustizia».

Credo che quando le cose non sono chiare ed abbiamo dubbi nell'aiutare, dobbiamo pregare: "Il Signore ama chi dona con gioia!".

Quindi, un "Grazie" di cuore per avermi insegnato a donare, aiutato nello stare vicino a tanti nel bisogno: incoraggiato, nei momenti di paura e di sconforto, a guardare sempre avanti nel vedere coloro che oggi aspettano chi dona con gioia una parola, una carezza, un pane, un sorriso, un libro, un gioco... Vi assicuro di continuare ad esservi vicino, scoprendo l'amore che Dio ha per noi!

P. Adolfo L'Imperio