lettera precedente   DAL BANGLADESH, P. ADOLFO L'IMPERIO   lettera seguente

FESTA DI SANTA TERESINA A DHANJURI (2/10/'11)

RICORDANDO P. SANDRO GIACOMELLI! (18/10/'11)

DA RUHEA, NEL NORD DEL BANGLADESH (21/10/'11)

"TROPPO STRETTI..."

Foto di gruppo, tra i ragazzi del Boarding... Il Centro Padre Manna, a Beldanga! Il refettorio, dopo un pranzo insieme... Tutti pronti per un torneo di ping-pong! Ed ecco la squadra al completo... Con tanti auguri, che vinca il migliore!

Dhanjuri, 27 Novembre 2011

Carissimi Amici,

scrivere mi diventa sempre più difficile, per le tante cose che vorrei dire, ed allo stesso tempo perché manca tempo per riflettere, e vivere di persona quello che si vuole dire!

Il Maestro "Sufita" Al-Ghazali, nel Secolo XI, proponeva la Vigilanza e l’Esame di Coscienza per costruire nella speranza il futuro...

Per noi Cristiani oggi, 27 Novembre, inizia il Cammino dell’Avvento, verso il Natale di Gesù, perché le nostre speranze abbiano a ricevere la Luce per capire, e la gioia di essere operatori di cose nuove!

In questo nostro tempo della mia e vostra vita (io ho superato gli "ottanta"...) abbiamo visto crollare tante sicurezze (Muri, Dittature, eccetera), ultimamente lo sfaldarsi dell’"impero monetario", e di tante altre cose date per scontate. Stiamo assistendo, dicono gli "esperti", ad una "rivoluzione globale", e con questo termine inglobiamo tutti gli esseri viventi del nostro Pianeta.

Quelli che seguono in tempo reale gli avvenimenti, che ci vengono proposti dai "Media" a ritmo accelerato, restano sconcertati dalle notizie negative: Guerre più o meno dichiarate, Alluvioni dovute al cambiamento del clima ma anche all’incuria di chi è chiamato ad essere responsabile del Creato, bambini che muoiono per mancanza di cibo o di assistenza a loro dovuta, giovani che disperano nella ricerca di un lavoro per essere responsabili della loro esistenza, la vita che ha un costo sempre più alto, specie per i poveri...

Allora? La Comunità dei credenti in Cristo è invitata a pregare... "Vieni, Signore Gesù!". "Squarcia i cieli e scendi...". "Perché, Signore, ci lasci vagare lontano dalle tue vie, e lasci indurire il nostro cuore, così che non ti tema?". Vedi bene la discriminazione che operiamo tra di noi; vedi come trattiamo chi è "diverso" da noi, per colore della pelle, per Religione, per provenienza, per cose che ha... e come lasciamo sempre ad altri la responsabilità di essere "Samaritano"!

L’Avvento è un cammino di speranza e di impegno!

Con il vostro aiuto, circa trecento ragazzi e ragazze hanno potuto studiare, avere un pane, un tetto, una guida, perché nel loro domani ci sia una speranza di vita. Grazie di cuore per il vostro interesse per il Progetto "Sostegno allo Studio", che in questi anni abbiamo portato avanti per Dhanjuri ed oltre, con l’impegno di Bruno, Giuliano, Tommaso e tanti altri amici, che sarebbe troppo lungo elencare…

Ed ora, bisogna concretizzare la loro speranza, chiedendo a Padre Paolo Manna di fare in modo che ciò che è piccolo oggi, possa diventare capiente per un domani prossimo.

In un Paese come il Bangladesh, con 150.milioni di abitanti, e con 2.500.000 nuove persone ogni anno, ed un territorio che non può aumentare più di tanto, dare speranza di vita è una cosa veramente seria.

Nel piccolo, il "Centro Padre Manna" di Beldanga vuole dare il suo piccolo contributo alla preparazione di persone giovani, che si impegnino a dare speranza reale alle loro famiglie e Comunità. Avrete notizie circa questo impegno!

Sere fa ho sostato, pregando il Rosario, davanti alla Grotta di Lourdes, a Dinajpur, e mentalmente ho chiesto a Maria di volgere lo sguardo non verso l’alto, come ne ha diritto, essendo l’Immacolata, ma verso il basso, perché quello che sembra impossibile possa diventare possibile. Chiedo forse un Miracolo? Non ho questo ardire...

"Mostraci, Signore, la tua misericordia e donaci la tua salvezza!", dice la Liturgia di oggi.

"Il Signore elargirà il suo bene, e la nostra terra produrrà il suo frutto!".

Con affetto, nella speranza, un caro abbraccio!

P. Adolfo L’Imperio

.

"Paolo Manna Boarding" (Beldanga), 23 Novembre 2011

Carissimi Amici,

"SHUBO BHORODIN!"... "BUON NATALE!".

Vogliamo qui esprimere la nostra gratitudine al Signore, ed anche a voi, che ci aiutate a studiare! Siamo partiti per il nuovo Anno Scolastico in ventuno, e cinque si sono presentati agli Esami, e sono tutti stati promossi... Sette sono i nuovi arrivati!

Abbiamo inoltre ospitato ben quarantanove ragazzi della "Classe VIII" ("Terza Media" da voi), che dovevano affrontare l’Esame.

Noi siamo lieti di essere in questa Struttura, che è, e diventerà, sempre più importante, in quanto è situata in prossimità di Birampur, una città che presto sarà elevata al rango di "Distretto", e che è anche sede di molte "Organizzazioni Non Governative", in prevalenza Cristiane.

Molte sono le famiglie che vengono qui da noi quando, alla Domenica, nel nostro "Boarding" viene celebrata la Santa Messa.

Noi abbiamo anche la possibilità di coltivare un po’ di terreno, adiacente al "Boarding", che ci permette di diminuire notevolmente i costi. Sarebbe, d’altronde, impossibile per tutti noi frequentare uno dei tanti costosi "Boarding", che sono a Birampur, ma siamo anche consapevoli che le possibilità che abbiamo noi, in termini di vita comunitaria e di formazione, non sono accessibili agli altri...

Nell’augurarvi un Felice Natale ed un prospero Anno Nuovo, vi salutiamo con gratitudine!

Gli Studenti del "Boarding" di Beldanga

("Traduzione" di Bruno Guizzi).

.

Dinajpur, 28 Novembre 2011

Carissimi Amici,

dal 3 Novembre al 24 Novembre di questo 2011, noi Studenti della "Classe VIII" ("Terza Media" in Italia) siamo stati chiamati per gli Esami, che il Governo ha stabilito con la nuova Legge sull’Educazione!

Questo Esame ci qualifica per una scelta verso la professione o lavoro, o continuare altri quattro anni alla "Scuola Superiore" ("Licei").

Dai "Boardings" di Dhanjuri, siamo stati in quarantanove ragazzi e ventuno ragazze, ed altri venticinque dal Villaggio, a presentarci al "Birampur Government College" per gli Esami.

Per non fare ogni giorno sei chilometri a piedi, da Dhanjuri a Birampur, siamo stati accolti a Beldanga, nel "Padre Manna Center", dai nostri fratelli che studiano al "College". Per le ragazze, si è provveduto al viaggio in "risciò" avanti ed indietro ogni giorno!

Stando a Beldanga, oltre a risparmiare il costo del viaggio, abbiamo potuto usare il tempo per prepararci agli Esami con serenità. Abbiamo avuto anche il tempo (non molto) di giocare a "pallavolo".

Però, come sapete, il "fabbricato" di Beldanga ha al piano terra lo studio ed un piano di dormitori, che ospitano sino a venti giovani studenti. Per questo, siamo stati "STRETTI"... Con tutta la buona volontà, ci siamo stretti in quarantacinque dove ce ne sono venti, e gli altri venti si sono stretti nel "camerone" adiacente, fatto dormitorio di "emergenza", con paglia per letto!

Meno male che il clima è stato buono, senza pioggia, ma freddo di notte. La signora che ha cucinato per noi merita un elogio. Abbiamo mangiato bene ed abbastanza, grazie anche a voi, amici! La veranda ha funzionato da refettorio con due turni, come pure i turni per lavare i piatti, e tenere pulito ed in ordine il tutto.

Padre Peter e Padre Cherubim ci hanno dato la gioia di avere l’Eucarestia quasi tutti i giorni! Anche qui "stretti", utilizzando metà dello studio come Cappella; ma Gesù non ha avuto obiezioni al riguardo... Lui si adatta sempre, pur di stare vicino a noi!

Sognare è doveroso, perché pensiamo che fra due anni alcuni di noi saranno a Beldanga, per continuare il "Liceo".

Padre Adolfo e Padre Cherubim ci hanno detto del vostro "Progetto" di sviluppare il "Centro Padre Manna". Dire grazie è poco, anche perché sappiamo che anche in Italia ci sono giovani senza lavoro, e famiglie che hanno bisogno di aiuto!

Oltre a sognare, vogliamo pregare perché il Padre ci assista in questa nuova avventura, e che Padre Manna interceda per noi...

Rientrati a Dhanjuri, la sorpresa è stata una giornata di giochi, organizzata dai nostri fratelli delle "Classi X" e "IX". Una giornata piena di gare e di tanta gioia, con premiazione per tutti: perdenti e vincenti! Domani si parte per casa, in attesa dei risultati ufficiali degli Esami, che saranno a metà Dicembre. Vi terremo informati!

I Ragazzi della "Classe VIII" del "St. Benedict Boarding" di Dhanjuri

("Traduttore" libero: P. Adolfo L’Imperio).