lettera precedente     DAL BANGLADESH, P. MICHELE BRAMBILLA     lettera seguente

UNA PICCOLA STORIA...

Fedeli Cristiani in Preghiera a Kodbir, nella Diocesi di Dinajpur...

Kodbir, "Santo Natale 2011"

Carissimi amici,

voglio farvi gli auguri di "Natale", raccontandovi una piccola storia che ha segnato questo tempo di "Avvento", almeno il mio!

Come ogni anno, durante il periodo "Pre-Natalizio", ho fatto visita ai nostri Villaggi Cristiani per preparare il "Natale"... Tra di essi ce ne uno che si chiama Parnatpur, dove vivono quaranta famiglie, di cui due Cristiane. Al mio arrivo, sono stato informato di quello che è accaduto durante la notte! Intorno alle due, si è presentata la Polizia e ha portato via una vedova, lasciando solo il figlio di sedici anni. Il motivo, una contesa sui terreni, che dura da quindici anni. Mentre ascoltavo, ecco comparire il figlio che, aiutato da qualche donna, si affretta a preparare qualche ricambio per la madre e un po’ di cibo, poi esce e raggiunge la madre in Prigione. Continuo il mio "programma": Confessione, Messa, Catechesi... Al termine, ecco il giovane tornare, mi si accosta per celebrare il Sacramento della Riconciliazione e al termine, saltando tutto il "Cerimoniale", gli do la Comunione. Nel momento di silenzio penso a lui, a sua madre e a nostro Signore! Certamente, in questo momento, è più vicino a loro due di chiunque altro. Faccio coraggio al giovane, e lo invito a pregare! Nel tragitto di ritorno in Missione, penso al fatto... Una donna, vedova da qualche mese, in Prigione per un fatto da poco conto, e comunque che non sarà mai risolto, come tanti problemi di terreni in Bangladesh, ed un figlio lasciato solo, che si chiederà il perché di tutto questo. Mi viene da pensare a Lui che, nato tra i deboli, i poveri, i sofferenti, continua a trovare in questo ricco mondo le stesse situazioni, e nonostante tutto condivide, a modo suo, le loro fatiche, oppressioni ed angosce!

"Buon Natale" e "Felice Anno Nuovo"!

Un abbraccio!

P. Michele Brambilla, "Pime"