"MISSIONE GIAPPONE"

PRECEDENTE     Sessant’anni     MISSIONE AMICIZIA
nel Paese del "Sol Levante"!

Nel 2010, il "Pime" celebra i suoi sessant’anni di presenza in Giappone.
Un "visitatore" d’eccezione, Padre Alberto Zamberletti,
ci racconta le sue impressioni e descrive la realtà della "missione",
in questo affascinante "Paese" dell’"Estremo Oriente".

Luci e colori a Tokyo, Capitale del Giappone...

P. ALBERTO ZAMBERLETTI, Missionario del Pime in Guinea Bissau, e Assistente Generale a Roma!

Lungo il fiume, la Cupola della bomba atomica, nella città di Hiroshima...

P. ALBERTO ZAMBERLETTI
("Missionari del Pime", Settembre 2010)

Sono partito il 28 Maggio da Fiumicino, alla volta di Tokyo, su invito del Superiore Regionale per predicare gli Esercizi Spirituali dei 21 Missionari del "Pime" presenti in Giappone. Ero anche curioso di scoprire un popolo e una missione completamente diversi dagli scenari Africani a cui ero abituato da quasi 40 anni. Sono tornato a casa con la netta sensazione che il Giappone mi manca. L’efficienza e la gentilezza tanto dei Missionari quanto della popolazione locale hanno reso il mio viaggio particolarmente emozionante.
Per molti aspetti il Giappone è considerato un Paese misterioso e difficile da penetrare. Lo sanno bene i nostri Missionari, che per leggere e capire i rudimenti della scrittura devono frequentare due anni di Corsi Universitari. Altri tre ne servono per essere fluenti nel comunicare. Tuttavia il Giappone mantiene un fascino di tradizioni millenarie e paesaggi naturali che infondono un senso di tranquillità e pace.
Pur trattandosi di un Arcipelago formato da 4 Isole principali, le grandi distanze che separano le nostre missioni vengono facilmente superate dalla disponibilità dei mezzi di trasporto. Le presenze missionarie del "Pime" si distribuiscono in 5 delle 16 Diocesi del Paese:
Yokoama, Hiroshima, Fukuoka, Saitama e Tokyo.
Sono ancora abbastanza numerose le presenze missionarie nella vasta Diocesi di Yokoama, il Piano Pastorale è sempre ben organizzato e le responsabilità distribuite in seno alla
Comunità Cristiana. Quello che mi ha impressionato è l’impegno dei laici nelle Parrocchie, sia nella collaborazione ai vari servizi che nella partecipazione finanziaria.
Un’attenzione particolare ha meritato la Diocesi di Hiroshima dove, con i due missionari del Pime che vi lavorano, ho potuto incontrare il Vescovo e visitare la Cattedrale, Memoriale per la Pace nel mondo, il Monumento e il Museo della Pace.
La Diocesi di Fukuoka si trova nell’Isola di
Kyushu, dove San Francesco Saverio ha portato il Vangelo nel Secolo XVI. Nagasaki è il centro storico delle prime Comunità Cristiane dell’Estremo Oriente. Qui l’esempio di tanti gloriosi Martiri ha mantenuto e fatto crescere lo spirito missionario. Nella diocesi di Fukuoka tanti Missionari del "Pime" lavorano da ormai sessant’anni e continuano l’opera di evangelizzazione con spirito di grande abnegazione anche in età avanzata. 
I giovani Missionari presenti nella Diocesi di Saitama sottolineano la necessità di un’apertura maggiore della
Chiesa Giapponese ai problemi sociali. Pur essendo impegnati nel Ministero delle Parrocchie a loro affidate, ascoltano i bisogni della gente anche in quelle aree di frontiera dove le persone soffrono pur vivendo in una società apparentemente "perfetta".
Tokyo è una metropoli molto estesa lungo la Costa Orientale dell’Isola. La sua popolazione, comprese le periferie, è di 35 milioni di persone, quasi il 30% della totale popolazione del Paese. Ogni area presenta le sue caratteristiche e ognuna è come una piccola città: Shibuya,
Shinjuku, Asakusa, affascinante soprattutto per il più antico Tempio della città dedicato alla Dea Kannon.
Chi vive in Giappone è affascinato non solo dalla sua bellezza materiale ma anche da quella spirituale. Nella tradizione Giapponese convivono due insegnamenti di alta levatura spirituale: Shintoismo e Buddhismo. In tutti i grandi centri urbani e in particolari luoghi significativi del territorio Giapponese (ad esempio, sul Monte Fuji) è facile incontrare Templi Buddhisti e Shintoisti. Alcuni nostri Missionari si sono dedicati a uno studio approfondito di questi pensieri e partecipano alla Commissione Inter-diocesana di Dialogo Inter-religioso.
Se da una parte l’attenzione verso gli altri ha sviluppato nel Giapponese tante forme di gentilezza e un forte senso del bene comune, tuttavia sussistono non pochi aspetti problematici.
La solitudine è uno dei grandi rischi a cui vanno incontro le persone Giapponesi in varie fasi della loro vita. A poco valgono la programmazione e la pianificazione che rasentano il perfezionismo e rischiano di soffocare la libertà e l’iniziativa personale.
La Chiesa Cattolica, pur presentando numeri piccoli, non si considera per nulla insignificante, né tanto meno fallita. I Missionari del Pime continuano da sessant’anni la loro presenza in questo mondo estremamente tecnologizzato e ricco non solo economicamente ma anche culturalmente con la piena coscienza di essere nella missione "ideale" come un piccolo seme di speranza.

Quale futuro per il "Pime" in Giappone?

Nella sua presenza in Giappone, il "Pime" ha attraversato varie fasi...
1) Il tempo del "dissodamento" (1951-1971): si iniziò in due Province di "periferia". A Saga, nel Sud (Isola del Kyushu), le due Parrocchie iniziali ben presto divennero sette; a Kofu – quasi al centro del Giappone, non lontano da Tokyo – vi era una sola Parrocchia e ben presto divennero quattro. Fu un tempo di difficoltà, ma anche di grande entusiasmo nel lavoro missionario: costruzioni di Chiese, Asili, case, Centri Sociali, fondazione di nuove Comunità Cristiane.
2) La fase delle "vie nuove"(1972-1983). La condizione economica del Giappone cambia a un ritmo accelerato, grazie anche alle nuove infrastrutture introdotte dagli Americani per sostenere la Guerra in Vietnam, e tutta la società ne risente. Con il nuovo benessere, le conversioni iniziano a diminuire. Sotto la spinta del "Vaticano II", i giovani Missionari vogliono uscire dallo schema della piccola Parrocchia con poche decine di fedeli. Si tentano "vie nuove" per aver maggior contatto con la vita della gente, con il mondo del lavoro, dei "media".
3) Una terza fase (1984-2000) è di graduale affidamento delle attività missionarie all’Autorità Diocesana. Gli Istituti Missionari spingono perché i Vescovi assumano la direzione globale del lavoro e pian piano Missionari stranieri e Preti locali cominciano a operare insieme. Da allora anche i Padri del "Pime" iniziano a lavorare in nuove Parrocchie, accanto a Sacerdoti Giapponesi.
4) La fase attuale: da poco prima del 2000 ad oggi, nuove situazioni sfidano la Chiesa e i Missionari. Anzitutto, il numero dei Missionari stranieri è drasticamente calato: non però per quelli del "Pime" che sono tuttora, come sempre, sopra la ventina.
La "policy" di estendere la presenza del Missionario anche nei centri minori non è più sostenibile; ci si deve ritirare nei grossi centri. Un altro nuovo problema è costituito dall’immigrazione. Dopo la Guerra, molti Giapponesi erano emigrati in America Latina. Verso la metà degli "Anni Novanta", inizia il fenomeno contrario: la prosperità economica del Giappone e la scarsità di manodopera a basso costo spingono un numero sempre maggiore di lavoratori ad entrare in Giappone. Molti di questi immigrati sono Cristiani (si stima che la metà siano Cattolici). Con il risultato che, là dove sono concentrati, perché ci sono le fabbriche o i cantieri, diventano una maggioranza spesso esuberante e dinamica, e i fedeli Giapponesi, pochi e riservati nel comportamento, si trovano stranieri in casa loro. Si aggiunga che i Preti Giapponesi non hanno facilità per le lingue Latine, per cui sono tentati di demandare la cura di questi immigrati ai Missionari stranieri. Attualmente i Missionari del "Pime" devono usare tre lingue: il Giapponese, lo Spagnolo (e magari anche il Portoghese per i Brasiliani), l’Inglese per i Filippini.
Ora il Giappone sta vivendo una crisi economica (e politica) più forte della nostra: "vivere" è sempre più stressante per tutti. Cosa potranno fare i Missionari per il Giappone? Il vero scopo della missione è portare ogni singola persona a percepire che la fondamentale soluzione ai problemi umani viene dalla fede in Gesù; ma per arrivarci, quali sono le vie più efficaci?
Il Giappone resta dunque, con il suo immutabile "fascino", un terreno di grandi sfide!