Parola di Luglio

Parola di vita
agosto 2017

Parola di Settembre

www.focolare.org 

.

«Buono è il Signore, verso tutti: la sua tenerezza si espande, su tutte le creature!»
(Sal 145,9)

.

Questo “Salmo” è un canto di gloria, per celebrare la regalità del Signore, che domina tutta la storia: è eterna, e maestosa, ma si esprime nella giustizia, e nella bontà, e somiglia più alla vicinanza di un padre, che alla potenza di un dominatore!

È Dio, il protagonista di questo inno, che rivela la sua tenerezza, sovrabbondante, come quella materna: Egli è misericordioso, pietoso, lento all’ira, grande nell’amore, buono verso tutti... La bontà di Dio si è manifestata verso il Popolo di Israele, ma si espande su quanto è uscito dalle sue mani creatrici, su ogni persona, e su tutto il Creato!

Al termine del “Salmo”, l’autore invita tutti i viventi ad associarsi a questo canto, per moltiplicare il suo annuncio, in un armonioso coro, a più voci...

“Buono è il Signore, verso tutti: la sua tenerezza si espande, su tutte le creature!”.

Dio stesso, ha affidato il Creato, alle mani operose dell’uomo, e della donna, come “libro” aperto, in cui è scritta la sua bontà... Essi sono chiamati a collaborare all’opera del Creatore, aggiungendo pagine di giustizia, e di pace, camminando secondo il Suo disegno di amore!

Purtroppo, però, ciò che vediamo, intorno a noi, sono le tante ferite, inferte a persone, spesso indifese, ed all’ambiente naturale... Questo, a causa dell’indifferenza di molti, e per l’egoismo, e la voracità, di chi sfrutta le grandi ricchezze dell’ambiente, solo per i propri interessi, a scapito del bene comune!

Negli ultimi anni, nella comunità Cristiana, si è fatta strada una nuova consapevolezza, e sensibilità, a favore del rispetto del Creato; in questa prospettiva, possiamo ricordare i tanti appelli autorevoli, che incoraggiano la riscoperta della natura, come specchio della bontà divina, e patrimonio di tutta l’umanità!

Così, si è espresso il Patriarca Ecumenico, Bartolomeo I, nel suo “Messaggio per la Giornata del Creato”, dello scorso anno: “È richiesta una vigilanza continua, formazione, e insegnamento, in modo che sia chiara la relazione, dell’attuale crisi ecologica, con le passioni umane, [...] il cui [...] risultato, e frutto, è la crisi ambientale, che viviamo! Costituisce, pertanto, unica via, il ritorno alla bellezza antica, [...] della moderazione, e della ascesi, che possono condurre alla saggia gestione dell’ambiente naturale... In modo particolare, l’ingordigia, con la soddisfazione delle necessità materiali, porta, con certezza, alla povertà spirituale dell’uomo, la quale comporta la distruzione dell’ambiente naturale!” (Patriarca Ecumenico Bartolomeo I, “Messaggio per la Giornata del Creato”, 1 Settembre 2016).

E Papa Francesco, nel Documento “Laudato si’”, ha scritto: “La cura per la natura è parte di uno stile di vita, che implica capacità di vivere insieme, e di comunione! Gesù ci ha ricordato, che abbiamo Dio, come nostro Padre comune, e che questo ci rende fratelli... L’amore fraterno, può solo essere gratuito [...]! Questa stessa gratuità, ci porta ad amare, e accettare il vento, il sole, o le nubi, benché non si sottomettano, al nostro controllo! [...] Occorre sentire, nuovamente, che abbiamo bisogno, gli uni degli altri, che abbiamo una responsabilità, verso gli altri, e verso il mondo, che vale la pena di essere buoni, e onesti!” (Papa Francesco, Lettera Enciclica “Laudato si’”, 24 Maggio 2015, “nn. 228-229”).

Approfittiamo, allora, dei momenti liberi, dagli impegni di lavoro, o di tutte le occasioni che abbiamo, durante la giornata, per rivolgere lo sguardo, verso la profondità del cielo, la maestà delle vette, e l’immensità del mare, o anche solo sul piccolo filo d’erba, spuntato al margine della strada... Questo ci aiuterà a riconoscere la grandezza del Creatore, “amante della vita”, e a ritrovare la radice della nostra speranza, nella sua infinità bontà, che tutto avvolge, ed accompagna!

Scegliamo, per noi stessi, e per la nostra famiglia, uno stile di vita sobrio, rispettoso delle esigenze dell’ambiente, e commisurato sulle necessità degli altri, per arricchirci di amore... Condividiamo i beni della terra, e del lavoro, con i fratelli più poveri, e testimoniamo questa pienezza di vita, e di gioia, facendoci portatori di tenerezza, benevolenza, riconciliazione, nel nostro ambiente!

Letizia Magri