lettera precedente

P. Pietro: Buon Natale dal Brasile!

MISSIONE AMICIZIA

.

"Un Bambino di nome Gesù,
che ci chiede di nascere nel nostro cuore..."

.

P. Pietro Anderloni, Missionario del Pime in Brasile, celebra la Santa Messa, tra i cuori della Missione...

.

Nioaque , 8 Dicembre 2010

.
Un Felice Natale a tutti!
Come sempre, in Dicembre, ci risentiamo per augurarci un Santo Natale! È una luce nel mezzo di tanti fatti che ci accompagnano, è una luce che alimenta la nostra speranza nel credere in un mondo migliore. Non sto parlando di belle idee o di sentimenti "buonistici", ma di un Bambino di nome Gesù, che ci chiede di nascere nel nostro cuore: sì, perché Lui è già nato ma desidera abitare dentro di noi, come è successo con Maria, che ha accolto il Figlio di Dio come Mamma. Lasciamo che questa iniziativa di Dio succeda in noi, ed il cuore di pietra diventerà cuore di carne. È la luce che rischiara l’oscurità della vita. È la gioia che non permette tristezza. È la pace che vince la guerra. È il perdono che ci libera dall’odio. È la fede di credere in un Bambino come risposta ai tanti perché della vita. Ed allora, Buon Natale a te, che hai questa fede; il Dio della pace regni nel tuo cuore!
Il Profeta Isaia esprime questa fede così: "Su di lui scenderà lo spirito di Dio: spirito di saggezza e di discernimento, spirito di consiglio e fortezza, spirito di scienza e timore di Dio... Il lupo e l’agnello vivranno insieme, il vitello e il leone mangeranno insieme, il toro e il leone si alimenteranno con lo stesso fieno, la mucca e l’orso pascoleranno insieme...".
Un po’ di "notizie"... Io continuo a lavorare nel paese di Nioaque, nel Mato Grosso del Sud, con il P. Gianmario, e grazie a Dio ci troviamo bene! La gente è buona e la Comunità Cattolica cammina bene. Sono particolarmente contento per ciò che è successo durante l’Anno 2010, a favore di bambini che hanno bisogno di un "orientamento educativo".
È nato un piccolo gruppo di persone che, con molta buona volontà, ogni Sabato si incontrano con i bambini, per insegnare loro i valori paratici della vita: disegnare, cantare, pregare, dialogare, studiare, giocare...
È nato un gruppo di signore, che tutti i Venerdì preparano un cena, da offrire ai bambini del Quartiere più dimenticato dalle Istituzioni Statali.
È nato un gruppo che organizzerà la Festa della Patrona: "Santa Rita di Cassia".
È nata una Chiesetta di "San Francesco", nella periferia del paese.
È nato un piccolo gruppo di persone, che stanno accompagnando la crescita di alcuni neonati.
Non c’è molta propaganda di tutte queste "Benedizioni" di Dio, ma sono fatti che ci dicono come Gesù continui a nascere nel cuore delle persone!
Quest’anno, ho conosciuto la Signora Laura, una vedova: l’unica sua ricchezza e preoccupazione è suo figlio di otto anni, è tutto quello che ha, non le è rimasto più nulla. È malata, non riesce a ricevere la pensione, vive della Provvidenza di Dio. Ciò che la sostiene è la fede in Dio. Nella Bibbia, c’è scritto: "Dio protegge la vedova e l’orfano...".
Incontriamo molte persone, ma ci sono alcuni incontri che dovrebbero richiamare la nostra attenzione perché, volendo o non volendo, ci parlano di Dio, ci ricordano che siamo suoi figli e proprio per questo il futuro si riempie di speranza, C’è sempre qualcuno che ti sta aspettando ed invitando, dicendoti: "Non temere, perché ecco, io vi annunzio una grande gioia: oggi nella Città di Davide è nato un Salvatore, è il Messia Signore!".
Desidero augurare un Santo Natale a tutti, ed un Felice Anno Nuovo!
Con gratitudine!
.

P. Pietro Anderloni

.
P. S. : Chiedo sempre una Preghiera: "Obrigado"!