PRECEDENTE     Sì, la gente ha "nostalgia" di una «vita buona»...     SEGUENTE

La "Carità" di tanti "Giovani", nei più diversi ambiti della nostra "Società",
testimonia l’"Amore" di Dio.

Don Nicolò Anselmi
Responsabile del Servizio Nazionale della Pastorale Giovanile
don.nico@libero.it

Nei giorni scorsi, ho avuto il dono di essere invitato a un Incontro Diocesano di Formazione per Giovani; il Tema generale era: «La Vita Cristiana e l’Impegno nella Società». L’Incontro faceva parte di un Cammino per Ragazzi già impegnati nel Mondo Ecclesiale, e quindi con un Cammino di Vita Cristiana avviata! Mi hanno accompagnato tre giovani, due dei quali recentemente sposati, che hanno offerto la testimonianza della loro esperienza nell’ambito della Politica, del Lavoro e della Società in qualità di Fidanzati, e poi di Sposi Cristiani...
All’Incontro, erano presenti circa 50-60 Giovani, tre Sacerdoti, un Seminarista, una giovane Suora; i giovani erano per lo più di età compresa fra i 22 e i 30 anni, Studenti Universitari e Lavoratori; tutti impegnati nella Comunità Cristiana, molti obbligati ad alzarsi presto, per andare a studiare o a lavorare fuori Sede! Si è parlato di Vocazione, di Vita Spirituale e di presenza Laicale nella Società, di Valori Umani e di Valori Cristiani, di annuncio esplicito e di amore, di giustizia, di rispetto, di fatti e di parole, di tensione, di fretta, di rabbia, di profitto...
Una giovane Studentessa di Scienze Infermieristiche ha raccontato le sue prime esperienze di "Praticantato" in "Corsia", con i malati, i parenti dei malati, i Medici, i Colleghi Infermieri. La dimensione della sofferenza interroga molto la Fede! Nella più totale semplicità, con un sorriso gioioso, ha raccontato che, un giorno, una malata le chiese se andava a Messa; lei rispose affermativamente; a quel punto, la donna riprese il dialogo, dicendo che lo aveva capito, dal «modo con cui mi pulivi e mi lavavi!».
Nei giorni passati, al "Gate" di un Aeroporto, in attesa di un "Volo" per Genova, ho incontrato una giovane, che conosco da molto tempo, ma che da un po’ non vedevo. Mi ha raccontato che, finalmente, aveva un figlio: da alcuni mesi, le era stata data la possibilità di adottare un bimbo di due anni! Mentre mi mostrava le foto, sentivo il suo cuore battere di gioia; insieme, abbiamo ricordato che, qualche anno fa, già due nostri «amicissimi» comuni avevano adottato due bambini. La gioia, la dolcezza e la generosità di questa mamma mi ha commosso...
La Grazia di Dio opera nei cuori delle persone in modo meraviglioso! La bontà di tanti Cristiani Laici, nelle "Corsie" di un "Ospedale" e nella Società, sono una testimonianza luminosa dell’Amore e dell’esistenza di Dio. Le persone hanno una grande nostalgia della "vita buona" del Vangelo... A noi Sacerdoti, il compito di donare loro il Vangelo e Gesù, "vivo" nell’Eucaristia!

("Avvenire", 25/1/’11)