VERSO LA "GMG" DI RIO 2013...

PRECEDENTE     Un "anno" di "risparmi" e "sacrifici"...     SEGUENTE
Ma ne vale la "pena"!

Organizzare "pranzi" e "cene comunitarie", oltre ad essere un’occasione di "fraternità",
per i "ragazzi", diventa un modo per "auto-finanziarsi" il
"Viaggio" in Brasile,
l’"Estate" prossima.

Papa Benedetto XVI attende tutti i giovani del mondo in Brasile, a Rio de Janeiro, per la Giornata Mondiale della Gioventù del 2013...

Don Nicolò Anselmi
Responsabile del Servizio Nazionale della Pastorale Giovanile
don.nico@libero.it

L’Estate è iniziata; le attività Estive sono avviate; molti gruppi giovanili si stanno preparando a vivere insieme Pellegrinaggi, Campi, Vacanze, esperienze Missionarie; anche la "Gmg" di Rio de Janeiro, non è poi così lontana! I giovani sanno che è necessario risparmiare qualche soldo, per poter partecipare a queste Iniziative; per guadagnare qualcosa, ed evitare di chiedere soldi ai propri genitori, molti ragazzi, durante l’Estate, vanno a lavorare, oppure svolgono dei piccoli servizi; per i gruppi giovanili, la più classica modalità di "auto-finanziamento", è organizzare dei pranzi, o delle cene. Il mangiare insieme, porta con sé molti valori: primo fra tutti, lo stare in Comunità...
Durante una cena "comunitaria", in genere, si respira una gradevole sensazione di uguaglianza, grazie alla semplicità di un fatto quotidiano, che ci accomuna tutti. I giovani, che organizzano una cena, diventano cuochi, "chef", "lava-piatti", camerieri, animatori, gentili e servizievoli; spesso, i ragazzi scoprono di saper fare cose, che non immaginavano! Una cena di "auto-finanziamento", che voglia mettersi al servizio delle persone, e non solo del guadagno, va preparata bene, ci vogliono tempo ed amore... È necessario programmarla con anticipo, coinvolgere la Parrocchia, il "Consiglio Pastorale Parrocchiale", progettarla tenendo conto degli invitati, dei loro gusti, degli orari; il luogo e le persone, che devono essere massimamente accoglienti: i camerieri vanno formati ed educati, il cibo va selezionato, la tavola imbandita con attenzione; il "menù", i "segna-posti", la Preghiera, all’inizio e alla fine, i dettagli vanno preparati, e curati; potrebbe essere pensato un "ricordino", che ognuno si porta a casa! Deve esser chiara la finalità dell’"auto-finanziamento" ed, eventualmente, prevedere di destinare una parte del guadagno a situazioni di difficoltà; che bello accogliere i poveri che, eventualmente, desiderano pranzare!
Organizzare una cena, o un pranzo, di "auto-finanziamento", non è una cosa da sottovalutare: può diventare un’occasione di fraternità, molto importante; pranzare insieme, potrebbe essere la continuazione della Santa Messa della Domenica: dalla "Mensa Eucaristica", si passa alla "mensa fraterna"; e diventare uno stile comunitario...
La mia Parrocchia di origine è dedicata a
"San Pietro" e, come ogni anno, il Parroco ha organizzato una sorta di "Ristorante"; la coincidenza, con la "Finale" dei "Campionati Europei di Calcio", l’ha obbligato ad attivare un "maxi-schermo", fatto in casa; il risultato Sportivo, come è noto, non è stato consolante! Ma è stato bello, vedere ragazzi, adolescenti e giovani, darsi da fare, fra penne all’amatriciana, tortellini, salsicce, carne alla brace, seppie in umido, e crostate... Da lassù, gli Angeli, i Santi e le Divine Persone, sorridevano, ne sono certo!

("Avvenire", 11/7/’12)

Dal 14 al 30 Luglio 2013: Giovani Pime alla GMG di Rio de Janeiro...

GMG 2013 A RIO: IN BRASILE CON IL PIME!