MISSIONE SPERANZA

DALLA GUINEA BISSAU...

RITAGLI     TRA "BICI" E "VANGELO"!     MDI - GUINEA BISSAU

Suor Ornella racconta il "viaggio", per incontrare Anso,
con il suo "desiderio" di conoscere Ges¨, ed iniziare il "Cammino".

SR. ORNELLA GARZETTI
("Missionarie dellĺImmacolata", Novembre-Dicembre 2012)

Durante la riunione dei Catechisti delle "Tabanche" (Villaggi), all'inizio dell'Anno Pastorale, ci siamo chiesti se stiamo rispondendo alle domande delle persone che ancora non conoscono Ges¨! La passione Missionaria ci spinge ad andare anche lÓ, dove l'annuncio del "Vangelo" non Ŕ ancora arrivato?
Ande, Animatore della "Tabanca" di
Cunte, che collabora con noi da pi¨ di vent'anni, mi dice che c'Ŕ Anso, un uomo di un Villaggio vicino, che vuole iniziare il "Cammino"... ╚ cosý che chiamano il percorso per conoscere Ges¨, per entrare nella Chiesa Cattolica! Ande dice che Ŕ disposto ad andare a trovarlo, ma vorrebbe che ci andassimo insieme!
Dopo qualche tempo, sono a Cunte, a circa dodici chilometri da
BissorÓ... Tiago, il figlio di Ande, mi presta la sua bicicletta! Partiamo insieme verso Bidur, per incontrare Anso. Seguo Ande per un sentiero in mezzo alla foresta: attraversiamo alcuni Villaggi, di Etnia "Mandinga", fino ad arrivare a Bidur. Durante il cammino, Ande mi racconta la storia di Anso: nel 1994, Suor Maria Mattiazzo, "Missionaria dell'Immacolata", aveva iniziato a parlare di Ges¨ nel Villaggio di Faith, e si recava lÓ tutte le settimane, accompagnata da Ande, il Catechista.
La piccola ComunitÓ cresceva con entusiasmo, ma un giorno cominciarono a morire alcune ragazze, ed il "ComitŔ" (l'AutoritÓ Locale) and˛ dal "Djambacos" (l'AutoritÓ Religiosa della Religione Tradizionale Africana), per scoprire l'origine di queste improvvise morti.
Purtroppo, tutto questo caus˛ pi¨ paura e disordine! Morý improvvisamente il fratello del "ComitŔ", e molti altri nel Villaggio! Qualcuno inizi˛ a pensare che si trattasse di un "feticcio", che il "Djambacos" aveva messo segretamente sulla porta di casa del "ComitŔ"... Quello che si sa con certezza Ŕ che il Villaggio si svuot˛, e tutte le famiglie si trasferirono in altre "Tabanche" dei dintorni, per far perdere le "tracce" all'"Iran" (lo "Spirito"), che uccideva le persone.
A
Libar, la bicicletta di Tiago mi lascia a piedi... Ande cerca qualcuno per aggiustarla! Ci consigliano di lasciarla, e ci prestano un'altra bicicletta. Anso ci viene incontro con gioia, e ci invita a sederci all'ombra di una pianta in mezzo al cortile. Si avvicinano due donne, che Anso ci presenta: sono le sue mogli! Subito corre a prendere il suo "Vangelo", ed i suoi Libri di Catechesi. Sono ancora in buono stato: tra le pagine, la fotografia della ComunitÓ Cristiana di Faith, con Suor Maria. Dopo poco, si raduna attorno a noi un gruppo di persone... Anso dice che vorrebbero cominciare il Cammino di Fede, e sarebbero felici che le Suore andassero a visitarli! Dice anche che le donne sarebbero interessate ad un corso di "taglio e cucito", e alla scuola di "alfabetizzazione". Ascolto, e dico che non posso decidere da sola, devo consultare l'"Equipe Missionaria", ed invito Anso a fare una riunione con tutti i membri del Villaggio e, se tutti saranno d'accordo, potranno venire a fare domanda ufficiale a Padre Alberto, Parroco a BissorÓ!
Io parlo il "Criolo", ed Ande traduce nella Lingua Locale, il "Balanta". Spiego che il nostro obiettivo Ŕ portare la Parola di Dio! Il resto sarÓ frutto della Parola seminata, ascoltata ed accolta con Fede. Ci salutiamo, mi promettono che presto si riuniranno... Anso ci invita a mangiare, poi riprendiamo la strada del ritorno!

Percorrendo, in bicicletta, le strade della Guinea Bissau...