PIETRO E IL MONDO

Comincia domani la "visita" di Benedetto XVI in "Repubblica Ceca",
nazione in cui il "laicismo" ha forte presa.
Alla "vigilia", parla l’Arcivescovo della capitale:
«La "Chiesa" è stata protagonista delle "battaglie" di libertà,
ma molti poi hanno dimenticato la trasformazione dei "cuori"».

RITAGLI     Il Papa a Praga     DOCUMENTI

Card. Vlk: «Una scossa salutare al Paese "secolarizzato"».
«Si rivolgerà a credenti e uomini di buona volontà di tutta l’Europa,
sullo sfondo il ventesimo "anniversario" della caduta del "comunismo"».

Dal nostro inviato a Praga, Luigi Geninazzi
("Avvenire", 25/9/’09)

È il "motto" scelto da Benedetto XVI per la "visita" che comincia domani nella "Repubblica Ceca": «L’amore di Cristo è la nostra forza». Ma si adatta perfettamente alla personalità dell’Arcivescovo di Praga, il Cardinale Miloslav Vlk, che si prepara ad accogliere il Santo Padre. «Sarà una scossa salutare per la nostra società "ultra-secolarizzata"», si dice convinto.
Per lui sarà il sigillo di una lunga attività "pastorale" al vertice della "Chiesa Ceca". Ordinato Vescovo nel 1990, insediato a capo della Diocesi "praghese" nel 1991, nominato Cardinale nel 1994. Tra breve, a 77 anni compiuti, lascerà l’incarico, anche perché «i limiti canonici d’età li ho già superati da oltre due anni».
Vlk è un uomo saggio e pacato, ha guidato la Chiesa locale nella difficile transizione "post-comunista" puntando sui "laici" e sui "movimenti". In gioventù, il "regime" gli tolse il permesso di Parroco e così, per dieci anni, si ridusse a fare il "lava-vetri" nei negozi di Praga. «Guardavo Cristo sulla Croce e m’identificavo pienamente con lui, celebrando "Messa" clandestinamente nelle case. Sono stati gli anni più benedetti della mia vita», confessa con un timido sorriso, prima di rispondere alla nostre domande.

Eminenza, quello del Papa in "Repubblica Ceca" sarà un viaggio «nel cuore dell’Europa», come lui stesso ha detto Domenica scorsa. Sarà l’occasione per un "messaggio papale" a tutto il "Continente"?

La visita in "Repubblica Ceca" è il primo viaggio internazionale che il Santo Padre compie dopo la pubblicazione dell’Enciclica "Caritas in veritate". Penso dunque che Benedetto XVI riprenderà quelle riflessioni, che entrano nel vivo delle problematiche del nostro tempo. Parlerà ai "credenti" ed agli uomini di buona volontà del mio Paese e di tutta l’Europa, sullo sfondo del ventesimo "anniversario" della caduta del "comunismo". Una ricorrenza che per noi "cechi" è strettamente legata alla "canonizzazione" di Sant’Agnese di Praga, avvenuta il 12 Novembre del 1989. Per la prima volta nella storia del "regime comunista" 10mila "pellegrini" poterono uscire dalla Cecoslovacchia e recarsi a Roma per la cerimonia. Pochi giorni dopo a Praga ci fu la "manifestazione studentesca", repressa duramente dalla polizia, che segnò l’avvio della cosiddetta "rivoluzione di velluto". Un cambiamento epocale che molti subito chiamarono "il miracolo di Sant’Agnese".

Eppure, oggi la "Repubblica Ceca" è considerata la nazione più "secolarizzata" d’Europa. Quali sono i motivi di questo diffuso "laicismo"?

Ci sono ragioni storiche che risalgono ai tempi di Jan Hus, il "riformatore" boemo finito sul rogo cui venivano condannati gli "eretici". Poi ci fu la guerra dei "Trent’anni", che acuì i contrasti religiosi, quindi il lungo dominio degli Asburgo e la supposta complicità della "Chiesa Cattolica" nel soffocare le aspirazioni nazionali. In realtà, molti Sacerdoti, continuando a predicare nella lingua "ceca", contribuirono a salvare l’identità popolare. E l’idea che Chiesa e nazione fossero in netto contrasto venne poi ripresa e propagandata dopo la "prima guerra mondiale" e più tardi anche dai "comunisti".

Ma "laici" e "credenti" si ritrovarono insieme nella lotta contro il "regime" a partire dagli "Anni Settanta". Non è rimasto nulla di quella straordinaria "collaborazione"?

La "Chiesa Cattolica" è stata protagonista delle battaglie per la libertà alla fine del "comunismo". Ma raggiunto l’obiettivo la politica ha preso un’altra strada, concentrandosi sulle trasformazioni dell’economia e dimenticando quella che io chiamo la necessaria "trasformazione del cuore". Ed oggi i sentimenti "anti-religiosi" si rinnovano nel tentativo di ridurre la questione dei rapporti tra Stato e Chiesa al problema dei "beni ecclesiastici", come a dire che la Chiesa vuole il potere. Non è così. Noi non abbiamo chiesto la restituzione di tutti i "beni" confiscati alla Chiesa nel 1948 e ci siamo dichiarati disponibili ad accettare meccanismi di "compensazione finanziaria" che garantiscano il funzionamento delle nostre istituzioni.

A che punto è la "questione"?

Noi dialoghiamo con lo Stato ma i vari "Governi" che si sono succeduti in questi quindici anni non hanno mai voluto affrontare seriamente il problema. Recentemente, sembrava che si stesse per aprire uno spiraglio. L’ultimo "Governo" guidato da Topolanek aveva avanzato una proposta: la Chiesa lascia le sue antiche proprietà nelle mani dello Stato dietro un rimborso di 83 miliardi di "corone" (circa 3 miliardi di "euro"), rateizzato nei prossimi 60 anni. Ma poi il progetto è stato bocciato in sede di commissione per il repentino cambio d’idea di uno degli esponenti governativi. E così siamo di nuovo al punto di partenza.

Tutto questo avrà ripercussioni sull’imminente "visita" del Papa?

No, non credo che Benedetto XVI ne parlerà nei suoi "discorsi", anche se ha ben presente il problema. Ma forse l’argomento verrà affrontato nel colloquio che il Segretario di Stato Vaticano avrà con il Primo Ministro "ceco".

La "visita" del Papa potrà contribuire ad appianare la strada verso una soluzione?

La "Repubblica Ceca" si trova in uno stato di grande confusione. E la Chiesa è oggetto di tanti "pregiudizi". Le dico solo questo: il nostro Presidente Vaclav Klaus, quand’era Primo Ministro negli "Anni Novanta", definì spregiativamente la Chiesa come un "club turistico". In questo quadro "nerissimo", ecco che adesso arriva una figura "bianca" e luminosa che, senza imporre nulla, parlerà delle cose più importanti che riguardano la vita degli uomini e della società. E richiamerà i "credenti" a essere meno timidi e ad avere più coraggio, testimoniando il "Vangelo" in una società "secolarizzata" che ha bisogno di toccare con mano e di fare esperienza della novità "cristiana".