La "morte" non ha preso tutto

PRECEDENTE     È il momento di "puntare lo sguardo"     SEGUENTE
e "aprire il cuore"

Tendiamo anche noi la mano, perché ad Haiti la vita continui...

Davide Rondoni
("Avvenire", 24/1/’10)

Haiti vivrà. Può sembrare quasi assurdo dirlo ora, mentre immagini di ogni tipo di "scempio" continuano ad arrivarci dalla isola "tormentata". Ma Haiti vivrà, e la "catastrofe" non avrà l’ultima parola.
Ora sembra che la "rovina" e che la "disperazione" coprano tutto l’arco del "visibile". Sì, ci riempiono gli occhi, ci tolgono il respiro e le parole dalla bocca. Ma sempre, sempre, anche quando l’"inferno" sembra dominare in terra, tra morte degli "innocenti" e scene di ogni indecente "ferocia", occorre guardare bene. E decidere su che cosa tenere puntato lo sguardo. Perché c’è il "novantanove per cento" di morte e "distruzione", ma non il "cento per cento". C’è quasi tutto in "malora". Ma non tutto. Ad esempio, ben più di cento hanno resistito per giorni sotto le "macerie": le hanno sconfitte, e sono vivi. Decine e decine di migliaia sono morti, e il dolore per tutto questo, lo sgomento e la pena sono una "montagna" sul petto. Ma c’è chi ce l’ha fatta. E poi ci sono gli occhi dei bimbi: hanno commosso il mondo, che subito si è agitato per dare loro una casa in qualche modo. Quegli occhi sono pieni di "disperazione", ma sono bambini. Sono cioè "luce" del futuro.
Haiti vivrà, perché in lei qualcosa ancora vive. Non solo possiamo vedere la grande per quanto confusa "macchina" – o, meglio, chiamiamolo "polmone" o "anima" – degli "aiuti" che si è mobilitata. Non solo per questa poderosa gara di bene e di "solidarietà" possiamo dire Haiti vivrà, ma lo possiamo, lo dobbiamo dire per la "luce" di dignità che vediamo nei "sopravvissuti", e in quei bimbi che saranno i giovani "haitiani" di domani. Quando ci sono "catastrofi" così immense, ci si riempiono gli occhi di immagini di morte, e possono sorgere due "atteggiamenti" prevalenti. Uno è quello di chi si abbandona allo "sconforto" e tira via gli occhi, decide di non guardare. Sa che esiste l’"orrore" ma cerca riparo in altre "visioni". Sa che l’"orrore" è grande, e maledettamente vicino in questo mondo che ci ha reso tutti "co-inquilini" anche se non tutti "fratelli". E però appunto decide di girare lo sguardo, di "rifugiarlo" in qualche cosa di "carino", di consolante, di tranquillo. E poi ci può essere l’atteggiamento di chi, preso dallo "sconforto" e pur sinceramente commosso da quanto accaduto, si "pasce" per così dire di tutto questo "dolore".
C’è nell’uomo, lo sappiamo, un sinistro piacere del "dolore", una possibile tendenza a fare "pasto" di ciò che fa pena. Come se a furia di "ingurgitarne" a grandi dosi se ne diminuisse il sapore "amaro", e si potesse sopportare, "anestetizzare" un po’. Ci sono questi due "atteggiamenti", in maggioranza. Li vediamo intorno a noi, li sentiamo nei "commentatori tv", li sorprendiamo in noi stessi a volte.
Ma c’è anche un’altra possibilità: puntare lo sguardo a ciò che non è stato vinto dall’"orrore", a ciò che non è distruzione ed è scampato alla "furia" della "strage", o è stato più forte di lei. Anche nell’"inferno" di Haiti (ma no, non chiamiamolo più così, si abbia almeno questo rispetto delle parole), anche nella "distruzione" di Haiti, c’è qualcosa che non è sottomesso alla parola "fine". Gli "scampati", i ragazzini che hanno futuro. Haiti vivrà. Dipende dagli "haitiani" come vivrà. E dipende anche da noi. Chi guarda la "distruzione" ma non solo la "distruzione" sente una doppia "responsabilità". Stare vicino ad Haiti ora, perché lotti con la "prova" immensa a cui è sottoposta. E stare con Haiti già puntando sul suo futuro, perché la morte ha colpito duro, ha colpito forte, ma non ha preso possesso di tutto. Ci sono quei "sopravvissuti", e quei bambini…