Due "forme" del "Messale", una sola "Liturgia"

RITAGLI    Una "lezione" di stile "Cattolico"    DOCUMENTI

Papa Benedetto XVI, in Preghiera di Adorazione, ci aiuta a riportare lo sguardo su Gesù, unico Maestro per la nostra Fede...

Pierangelo Sequeri
("Avvenire", 14/5/’11)

Potrà un gesto di pacata saggezza "Magisteriale" restituirci al senso della Fede che ci è comune? E anche, se mi è consentito, ricondurci al senso delle proporzioni, nelle discussioni in materia di Liturgia e Tradizione?
L’
"Istruzione" diffusa ieri dalla "Pontificia Commissione Ecclesia Dei", puntualizza dettagliatamente, con toni fermi e sereni, la questione relativa alla teoria e alla pratica della forma Liturgica precedente, e costituisce ora, a questo scopo, un autorevolissimo punto di riferimento.
Nell’evidenza di un eccesso di drammatizzazione dell’adeguamento Liturgico ufficiale, il
Papa Benedetto XVI (come del resto già il "Beato" Giovanni Paolo II) ha giustamente difeso, a più riprese, la sua piena legittimità: «Non c’è nessuna contraddizione tra l’una e l’altra Edizione del "Messale Romano". Nella storia della Liturgia c’è crescita e progresso, ma nessuna rottura!». Il giudizio, naturalmente, vale dai due lati. Non esiste alcuna ragione per qualificare pregiudizialmente come una deviazione il giusto adeguamento Liturgico che la Chiesa autorevolmente procura alla Tradizione vivente della Fede (la Liturgia sarà finalmente perfetta solo in Cielo). Così come non esiste alcun motivo per lasciar intendere che un tale sviluppo comporti necessariamente una sorta di "ripudio" per ciò che nella Tradizione Liturgica è stato "Sacro e grande". E tale rimane. La comprensione per la Venerazione della forma precedente, e la regolata accoglienza del suo esercizio nella Chiesa odierna, confermano esattamente il principio "ermeneutico" confermato da Benedetto XVI.
L’effettiva percezione di una diffusa sensibilità, fra Sacerdoti e Fedeli, per il sostegno Spirituale loro offerto dalla pratica dell’Antico Rito, lascia però intuire che quella sensibilità può essere gravemente manipolata (già è avvenuto, come si sa): persino in termini Cattolicamente inaccettabili. Quella sensibilità, infatti, può essere pretestuosamente forzata a intendersi come "baluardo" della Dottrina Liturgica autentica contro una forma Liturgica – di per sé altrettanto ufficiale e in continuità con la Tradizione Apostolica – che ne rappresenterebbe la corruzione e la distruzione. O peggio, la sua rivendicazione, in termini a sua volta materialmente esclusivi di ogni vitale adeguamento delle forme, potrebbe essere persino esaltata come simbolo per una linea di resistenza e di lotta al Magistero recente, che reagisce a un processo di generale corruzione della Dottrina e della prassi della Chiesa Cattolica.
Corruzione alla quale gli stessi Sommi Pontefici non sarebbero in grado – o addirittura non avrebbero l’intenzione – di opporsi con la necessaria efficacia.
La continuità dell’affezione nei confronti di una forma Rituale Venerabile e Sacra, che innumerevoli generazioni hanno abitato come espressione dell’immutabile Tradizione Apostolica, è dunque autorevolmente riconosciuta, in base a princìpi sempre condivisi e mai revocati in dubbio, come espressione legittima di una vera sensibilità Cattolica. Il criterio ultimo della sua legittima "ospitalità Ecclesiale", raccomandata al saggio discernimento dei Vescovi, appare in tutta evidenza nel "Prologo" del "Documento". Nulla deve ferire la concordia di ogni Chiesa Particolare con la Chiesa Universale: nella Dottrina della Fede, nei Segni Sacramentali, e «negli usi universalmente accettati dalla ininterrotta Tradizione Apostolica». Interesse rigorosamente comune e principio sicuro di pace Ecclesiale.
Di qui in avanti, unire le forze per restituire alla Liturgia l’incanto possente della Fede che sta al cospetto dell’unico Signore deve apparirci, in questi tempi difficili, l’unica cosa veramente necessaria allo splendore della Tradizione della Fede. E se fosse proprio questo ciò che ci fa difetto? Da dove viene – e dove ci porta – questa assuefazione all’investitura "fai-da-te", che "impanca" chiunque a salvatore del
Cristianesimo, e guida sicura delle sue guide insicure? Umiltà e obbedienza non sono virtù essenziali alla Tradizione della Fede? Se ce ne fossimo dimenticati, antichi o moderni quanti siamo, questo "Testo" non ci istruisce soltanto. Ci dà una lezione di stile. Cattolico!