ASPETTANDO IL "CONVEGNO" DI ROMA...

RITAGLI     La Liguria incontra i «Testimoni digitali»     SEGUENTE

Ieri, a Genova, con Pompili, la "tappa" di "preparazione".
In vista del "Convegno Nazionale" di Aprile,
i "responsabili" delle "comunicazioni sociali" della "regione" si sono riuniti,
con Careggio, Arcolao e Cimaschi.

"TESTIMONI DIGITALI" : ROMA - 22/24 APRILE 2010...

Da Genova, Adriano Torti
("Avvenire", 14/3/’10)

Il "Convegno" «Testimoni digitali» è «una "chance" per la "Chiesa Italiana"», un obiettivo «ambizioso» che implica il passaggio «dal semplice "fare rete", al più impegnativo "essere rete"». Ad affermarlo è stato Monsignor Domenico Pompili, "Direttore" dell’"Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali" della "Cei", nel corso dell’incontro di "presentazione" del "Convegno" che si è svolto ieri pomeriggio a Genova, presso il "Cineclub Nickelodeon". Presente, tra gli altri, Monsignor Alberto Maria Careggio, "Vescovo" di Ventimiglia-Sanremo e "Delegato" per la "cultura" e le "comunicazioni sociali" della "Conferenza Episcopale Ligure".
«Il "Convegno" – ha aggiunto Pompili – ha registrato un picco di "attenzione" in tutto il "Paese", tanto che saranno mille i partecipanti ai "due giorni iniziali" e circa ottomila i presenti all’"Udienza" con
Benedetto XVI». «Questo – ha proseguito – è segno di una evidente voglia di "partecipazione" e di "approfondimento"». La sfida successiva, ha aggiunto Pompili, sarà di tradurre i "frutti" che emergeranno dal "Convegno" e di raccogliere il desiderio di stare dentro il "continente digitale" accostando la "comunicazione" alla vita "ordinaria" delle nostre "Parrocchie" e delle nostre realtà "ecclesiali".
«"Internet" – ha spiegato ancora il "Sacerdote" – sta plasmando l’"umano" e riplasmando vecchi e nuovi "media"», al punto che «chi annuncia il
"Vangelo" può farlo ormai solo nella lingua "corrente" dentro il nuovo contesto "digitale"». Per questo «sarà interessante cogliere come la "pervasività" e l’"istantaneità" dei "social network" cambino connotato alla "comunicazione"».
Ad accogliere i partecipanti all’incontro che si è svolto ieri a Genova è stato
Carlo Arcolao, "Direttore" dell’"Ufficio Comunicazioni Sociali e Stampa" della "Diocesi" di Genova e incaricato "regionale" delle "comunicazioni sociali", che ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa quale occasione di "confronto" e di "approfondimento" in preparazione al "Convegno" di Roma. Il "Presidente" dell’"Associazione Cineguida" e "coordinatore" degli "animatori" della "Comunicazione" e della "Cultura" della "Diocesi" di Genova, Enrico Cimaschi, ha invece affermato che «"Testimoni digitali" è la chiave di volta per portare il mondo delle "Parrocchie" e dell’"associazionismo cattolico" verso una "comunicazione" sempre più efficace e partecipata e, in quest’ottica – ha notato – , penso che siano vitali le "sinergie" con la "rete" delle "sale" della "comunità"».