"NUOVA EVANGELIZZAZIONE"...

RITAGLI     LA PERENNE VERITÀ DEL "VANGELO"!     DOCUMENTI

A Roma, Piazza San Pietro, luogo simbolo per il Papa e Città del Vaticano...

Sr. Gabriella Tripani
("Missionarie dell’Immacolata", Agosto-Settembre 2010)

Il Colonnato di San Pietro è in fase di restauro. Le Aziende "sponsor" possono pubblicizzarsi con grandi affissioni. Oggi tre teli gialli campeggiano sulla Piazza per rendere nota una delle Imprese che sostengono il Progetto. Si direbbe che abbiano cercato con cura parole "adatte": parole che descrivano uno "sponsor" laico, e tuttavia non stonino a fare da sfondo agli "Angelus". Sono costruiti attorno a tre parole. Il primo dice: "Rispetto", è una parola indispensabile. Il secondo: "Ricerca", è una parola che richiede passione. Il terzo: "Internazionalità", è una parola che parla di Popoli che si incontrano.

"Rispetto, ricerca, internazionalità". Sono stati selezionati valori accettabili, probabilmente ritenuti importanti per chi legge, sufficientemente laici, sufficientemente Sacri?

Contemporaneamente ai teli, la novità annunciata da Benedetto XVI: la creazione di un nuovo Dicastero della Santa Sede, un "Consiglio per la Nuova Evangelizzazione".

"Vi sono regioni del mondo – ha detto il Papa – che ancora attendono una prima Evangelizzazione; altre che l'hanno ricevuta, ma necessitano di un lavoro più approfondito; altre ancora in cui il Vangelo ha messo da lungo tempo radici, ma dove negli ultimi secoli – con dinamiche complesse – il processo di secolarizzazione ha prodotto una grave crisi del senso della fede Cristiana e dell'appartenenza alla Chiesa". Davanti a questa situazione, "ho deciso di creare un nuovo Organismo con il compito di promuovere una rinnovata Evangelizzazione nei Paesi dove è già risuonato il primo annuncio della fede, ma che stanno vivendo una sorta di eclissi del senso di Dio, vera sfida a trovare mezzi adeguati per riproporre la perenne verità del Vangelo di Cristo". Era la Vigilia di San Pietro e Paolo, quando il nuovo Dicastero è stato ufficialmente annunciato. Pietro e Paolo, Evangelizzatori di altri contesti, ma di uguali fatiche: la Piazza di Atene ha riso a sentire di Resurrezione; Giudei osservanti insistevano sulla circoncisione e hanno spinto al primo Concilio della Chiesa; interlocutori intelligenti, i Greci cercavano la sapienza e irridevano la follia della Croce... porte aperte e alte mura nelle culture, ieri come oggi! Una delle "regioni del mondo" che necessita di una nuova Evangelizzazione forse è proprio quella che si muove inquieta e in attesa tra le Colonne in restauro, che ogni giorno riempie la Piazza e disegna una fila senza fine. Le parole impresse sui teli gialli sulla sua testa l'affascinano ancora. Valori che sono anche varchi per un di più, varchi sul Vangelo.

Ecco la nuova Evangelizzazione: "ri-annunciare" con coraggio oggi e qui, tra le "colonne" della vita, a partire da parole ancora capite, la novità di Gesù, vita del mondo!