MISSIONE SPERANZA

LA CORSA DELLA PAROLA...

RITAGLI     Quali "discorsi", lungo la via?     ALGERIA

«E, quando fu in casa, chiese loro: "Di che cosa stavate discutendo, lungo la via?".
Ed essi tacevano...
Per la via, infatti, avevano discusso, tra loro, chi fosse il più grande!
Allora, sedutosi, chiamò i Dodici, e disse loro:
"Se uno vuol essere il primo, sia l’ultimo di tutti, e il servo di tutti!"»
(Mc 9,33-35).

"Non ardeva forse in noi il nostro cuore, mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?"...

SR. GABRIELLA TRIPANI
("Missionarie dell’Immacolata", Gennaio-Febbraio 2014)

Questo discutere, lungo la via... Anche Gesù, lo fa: cammina, e parla! Parla in casa, in barca, sulla riva... E, un luogo di parole, è anche la strada! Ci invita a fare lo stesso: "Strada facendo, annunciate il Vangelo!". In qualche modo, Gesù domanda di non annunciare seduti, ma camminando; di non testimoniare da fermi, ma in movimento!
I Discepoli avevano un oggetto di discussione... Ma non hanno chiesto l’opinione, a Gesù! E, anzi, quando lui s’informa, non rispondono. Tacciono, perché si sentono stonati, non accordati con il cuore di Gesù. Avevano discusso, di chi fosse il più grande, e hanno l’impressione che questo, a Gesù, non interessi. È come un’intuizione: a Gesù, questa preoccupazione non va!
Succede, anche a noi? Lamentarci, criticare con asprezza, parlar male, discutere solo di affari nostri, di "beghe" interne... Sono cose che, a volte, facciamo, lungo la via! E non le portiamo in preghiera, perché ci sembra che non siano accordate. Indoviniamo che Gesù parlerebbe, piuttosto, di comprensione, perdono, scelte coraggiose, orizzonti larghi...
"Ma, quando fu in casa...". Gesù sa, di cosa parliamo: è inutile, far finta di niente! Non vuole essere tagliato fuori dai nostri discorsi, a fiato corto e scartamento ridotto, perché vuole spalancare finestre. E parlare di tutto, con lui: quello, sì, è risolutivo! Parlarne solo tra noi, come fanno i Dodici sul cammino, o i due verso
Emmaus, intristisce, inacidisce, peggiora, fa sentire impotenti... Parlarne con lui: che spazio, si apre! Un’altra prospettiva, un capovolgimento, un fuoco!
In questo tempo, la
Chiesa d’Algeria sta vivendo un "Anno Inter-Diocesano", in preparazione all’Assemblea delle quattro Diocesi, Algeri, Orano, Costantina e Ghardaia, che si terrà nel Settembre prossimo... È un cammino a tappe, e la prima tappa, di questi mesi, è la condivisione delle risposte alla questione: "Di che parlate, lungo la via?". In filigrana, il cammino verso Emmaus, quando Gesù ha fatto raccontare ai due quello che li ingombrava, ha detto a sua volta la sua, e nei due è cresciuta la fede, ed è cresciuta la voglia di tornare in mezzo alla vita, alla gente: di rallentare la fuga e il ripiegamento, triste e preoccupato, di sé... Ognuno è invitato a rispondere, e non da solo! Gruppi di fede, o Biblici, o d’impegno sociale, Comunità Religiose, Gruppi Parrocchiali, di studenti, di Cristiani che vivono in un particolare ambiente, sono invitati a riflettere, e rispondere: "Di cosa, parliamo?". E a inviare, ciascuno, un racconto, qualche fatto, esperienza personale, che dica che momento di Chiesa stiamo vivendo... In questo mese di Gennaio, una prima Assemblea di Delegati delle quattro Diocesi raccoglie il frutto della prima tappa, e rilancia il cammino, verso l’Assemblea di Settembre!
Ma pensiamoci tutti, perché ciascuno di noi è il Discepolo, a cui Gesù chiede: "Di cosa state discutendo, lungo la via?".