SOLENNITÀ DI TUTTI I SANTI

BENEDETTO XVI

RITAGLI   ANGELUS   DOCUMENTI

Piazza San Pietro
Lunedì, 1° novembre 2010

"Siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato!"

Cari fratelli e sorelle!

La Solennità di Tutti i Santi, che oggi celebriamo, ci invita ad innalzare lo sguardo al Cielo e a meditare sulla pienezza della Vita Divina che ci attende. "Siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato!" (1 Gv 3,2): con queste parole l’Apostolo Giovanni ci assicura la realtà del nostro profondo legame con Dio, come pure la certezza della nostra sorte futura. Come figli amati, perciò, riceviamo anche la grazia per sopportare le prove di questa esistenza terrena – la fame e sete di giustizia, le incomprensioni, le persecuzioni (cfr. Mt 5,3-11) – e, nel contempo, ereditiamo fin da ora ciò che è promesso nelle "Beatitudini Evangeliche", "nelle quali risplende la nuova immagine del mondo e dell’uomo che Gesù inaugura!" (Benedetto XVI, "Gesù di Nazareth", Milano 2007, 95). La Santità, imprimere Cristo in sé stessi, è lo scopo di vita del Cristiano. Il Beato Antonio Rosmini scrive: "Il Verbo aveva impresso se stesso nelle anime dei suoi discepoli col suo aspetto sensibile... e con le sue parole... aveva dato ai suoi quella grazia... con la quale l’anima percepisce immediatamente il Verbo!" ("Antropologia soprannaturale", Roma 1983, 265-266). E noi pregustiamo il dono e la bellezza della Santità ogni volta che partecipiamo alla Liturgia Eucaristica, in Comunione con la "moltitudine immensa" degli Spiriti Beati, che in Cielo acclamano in eterno la salvezza di Dio e dell’Agnello (cfr. Ap 7,9-10). "Alla Vita dei Santi non appartiene solo la loro Biografia terrena, ma anche il loro vivere ed operare in Dio dopo la Morte. Nei Santi diventa ovvio: chi va verso Dio non si allontana dagli uomini, ma si rende invece ad essi veramente vicino!" (Enciclica "Deus caritas est", 42).

Consolati da questa Comunione della grande Famiglia dei Santi, domani commemoreremo tutti i Fedeli Defunti. La Liturgia del 2 Novembre e il pio esercizio di visitare i Cimiteri ci ricordano che la Morte Cristiana fa parte del cammino di assimilazione a Dio e scomparirà quando Dio sarà tutto in tutti. La separazione dagli affetti terreni è certo dolorosa, ma non dobbiamo temerla, perché essa, accompagnata dalla Preghiera di Suffragio della Chiesa, non può spezzare il legame profondo che ci unisce in Cristo. Al riguardo, San Gregorio di Nissa affermava: "Chi ha creato ogni cosa nella sapienza, ha dato questa disposizione dolorosa come strumento di liberazione dal male e possibilità di partecipare ai beni sperati!" ("De mortuis oratio", IX, 1, Leiden 1967, 68).

Cari amici, l’Eternità non è "un continuo susseguirsi di giorni del Calendario, ma qualcosa come il momento colmo di appagamento, in cui la totalità ci abbraccia e noi abbracciamo la totalità!" (Enciclica "Spe salvi", 12). Alla Vergine Maria, guida sicura alla Santità, affidiamo il nostro Pellegrinaggio verso la Patria Celeste, mentre invochiamo la sua Materna intercessione per il Riposo Eterno di tutti i nostri fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della Risurrezione!

Dopo l'Angelus...

Ieri sera, in un gravissimo Attentato nella Cattedrale "Siro-Cattolica" di Baghdad, ci sono state decine di morti e feriti, fra i quali due Sacerdoti e un Gruppo di Fedeli riuniti per la Santa Messa Domenicale. Prego per le vittime di questa assurda violenza, tanto più feroce in quanto ha colpito persone inermi, raccolte nella Casa di Dio, che è Casa di amore e di riconciliazione. Esprimo inoltre la mia affettuosa vicinanza alla Comunità Cristiana, nuovamente colpita, e incoraggio Pastori e Fedeli tutti ad essere forti e saldi nella speranza. Davanti agli efferati episodi di violenza, che continuano a dilaniare le Popolazioni del Medio Oriente, vorrei infine rinnovare il mio accorato Appello per la Pace: essa è dono di Dio, ma è anche il risultato degli sforzi degli uomini di buona volontà, delle Istituzioni Nazionali e Internazionali. Tutti uniscano le loro forze affinché termini ogni violenza!

Infine, saluto con affetto i Pellegrini di Lingua Italiana, in particolare i Partecipanti alla Manifestazione "La Corsa dei Santi", promossa dai "Salesiani" per sostenere Progetti di Solidarietà in situazioni di estremo bisogno, come ad Haiti e in Pakistan. Saluto inoltre il Gruppo di Ragazzi di Modena che si stanno preparando al Sacramento della Confermazione. A tutti auguro Pace e serenità nella Spirituale Compagnia dei Santi!

© Copyright 2010 - Libreria Editrice Vaticana