DIARIO  Emmaus il quattro novembre 2001

     Caro Aki/ Asha, ciao.

Giovedi' scorso Giorget e Marta hanno avuto la seconda figlia, bella e tranquilla; pesa 3 chili, che in questo paese non e' poco.  E' stata una gravidanza sofferta e si e' conclusa con qualche settimana di anticipo con un taglio cesareo: entrambi stanno bene. Ieri ho saputo che il fratello di Giorget, Belal e' conosciuto anche col nome di Hitlar; lavora tuttora nella ONG  (Tengamara?) retta da quella
donna che prima era uomo; adesso hanno 2 figli. L'altro fratello Dulal ha trovato lavoro nella clinica accanto al diabetic hospital, con una paga migliorata rispetto al posto precedente. Marta sta tessendo la tela per farlo sposare con una infermiera cattolica del mission hospital, una certa Rupali. Scilon e' sempre impegolato nel caso intentatogli contro e quindi non riesce a trovare alcun lavoro stabile; porta la nipote Borni a scuola al YMCA. Rakhi fara' presto il rito di fidanzamento con un giovane di Bamihal (Bogra-Sherpur) che ha finito il corso teologico di pastore, ma intende mantenere la sua cattolicita' con la grinta che conosci. Il matrimonio e' previsto per gennaio. Madre e figlia mangiano una quantita' enorme di medicine, ma al confronto di qualche anno fa stanno bene. Alcuni osservatori politici affermano che la vittoria del BNP e partiti fondamentalisti sia stata pilotata dall'America; in realta'  se adesso questi partiti fossero all'opposizione, te lo immagini il casino che farebbero contro i cristiani?  Qualcosina succede comunque contro di noi, ma nell'altra ipotesi staremmo davvero bersaglio. Con i police in casa, non mi sono allontanato per niente per 10 giorni, considerandomi agli arresti domiciliari (grihobondhi), ma poi con il loro consenso ho cominciato a girare per la citta'. In quei giorni ho intensificato i contatti coi vicini, compreso un medico che ha sposato una ragazza russa e rossa anche di capelli; e anche un avvocato che e' rimasto immobilizzato su una sedia a rotelle a causa di un incidente; suo padre e' pure avvocato e presidente del comitato della moschea: sono in una botte di ferro!!??
Tutto e' provvidenziale per coloro che credono.
Carissimi, vi ho presentato alcuni punti sui quali focalizzare. 

    Vostro fratello in Cristo. Carlo