DIARIO       Bogra 8 ottobre 2001  

Carissimi, ciao.
              Alla notizia del primo bombardamento in Afganistan, il capo dei poliziotti di Bogra,  ha pensato bene di stazionare qui  ad Emmaus 4 dei suoi poliziotti, giorno e notte si daranno il turno; ho sentito che tra loro parlottavano di proteggere anche l'altra missione, protestante e magari anche lo Ymca. Una delle prime cose che ho chiesto e' stata se dovevo nutrirli io, e la risposta e' stata assicurante, infatti prima di sera e' arrivato il tiffin box con la cena per i vigilanti della nostra sicurezza.
Ho informato Dhaka, P. Canton dice che la polizia e' stata a Mirpur dicendo che ad ogni pericolo devono informare che correranno; la stazione di polizia e' vicina, come anche a Mohammadpur.
Anche da L'imperio ho saputo che a Dinajpur non c'e' stato alcun approccio della polizia.
La situazione politica sta' avviandosi verso la normalita': domani lo speaker del parlamento uscente, che e' un Awami league, guidera' la cerimonia di giuramento di fedelta' alla costituzione dei nuovi
parlamentari; quelli del suo partito avevano detto che non avrebbero partecipato alla cerimonia, ma la
notizia di stasera e' piu' incerta.
Finora e' invece confermato l'oborodh (un tipo di sciopero orientale, cioe' violento) per il 10 ottobre, mercoledi'. Il nuovo Primo Ministro continua a fare dei proclami di rispetto della legge e di volere il bene comune, non solo del suo partito; di voler eliminare la violenza-mafia dalla societa' e di volere la collaborazione di tutti. Vuole cominciare una nuova era di fare politica, senza acrimonia, insulti
e dispetti. L'altra signora le risponde che le parole sono belle, ma intanto i sostenitori del suo partito continuano ad essere aggrediti ed uccisi.
Speriamo che con la presa ufficiale del mandato, vengano messe in pratica velocemente le promesse della nuova capa.
Grazie del supporto di preghiera del gruppo, aki.  fraternamente in Cristo vostro  p. carlo

Bogra 6 ottobre 2001

Carissimi, saluti in Cristo,
                                    stiamo attraversando momenti di persecuzione dei cristiani e delle minoranze in generale, considerati a torto e a ragione sostenitori del partito perdente. Anche i giornali riportano fatti del genere, inoltre notizie di gente di Bogra che ha parenti a Dhaka e nel sud riferiscono di famiglie
costrette ad abbandonare la casa sotto la pressione e angherie dei vincenti.
Il partito del governo uscente ha avuto piu' voti sia in percentuale che in totale come partito unico=40%, ma la coalizione ha ottenuto di piu'=47%. Questo di piu' sembra che sia frutto di schede gia' preparate; al momento del conteggio i rappresentanti del goveno uscente sono stati fatti uscire in molti posti allo scopo. Un esercizio di democrazia locale.
Ecco perche' vi e' grande amarezza e la presupposta raggiunta maturita' democratica del paese diventa in molti casi una beffa. Gli osservatori stranieri hanno visto la partecipazione al voto molto entusiasta e pacifica, e percio' invitano i perdenti ad accettare il risultato.
Ma per chi crede nella democrazia, accettare il dato di fatto equivale a lasciare andare in fumo anni di lotta e sacrifici. Ecco perche' finora rifiutano di partecipare alla cerimonia di giuramento e quindi di far parte del parlamento. Per lunedi' hanno proclamato un oborodh. I loro aderenti sono derisi e alcuni perseguitati e uccisi. I dormitori delle universita' sono gia' stati occupati dai nuovi vincitori, come pure i terminal dei bus e le stazioni; i mafiosi cambiano bandiera con gran disinvoltura.
In superficie la nuova Primo Ministro ha invitato i suoi a rispettare tutti, perche' vuole essere il governo di tutti i cittadini.  Qualche nuovo mp e' andato a trovare e consolare chi si era schierato contro per
instaurare un rapporto di collaborazione leale; anche la P.M.  ha deciso di andare a trovare a casa la perdente. Inoltre ha proclamato che non fara' parte del consiglio dei ministri chi ha la fama di god-father. Ha promesso al paese di liberare la societa' dal terrorismo e dalla corruzione. Propositi santi, ma non corroborati dal metodo di conquista del potere. Tra l'altro era stato candidato a mp un accusato nel massacro della famiglia del padre della patria. Quindi verra' trovato il sistema di
liberarlo e farlo sedere nel parlamento. 

Pregate per noi. Qui a Bogra, isola della vittoria, non abbiamo sentito di attacchi a cristiani, ma solo a qualche focoso Awami; ma cosa ci riserva il futuro, il Signore lo sa. 

               ricordandoci in Lui   Carlo


Bogra 3 ottobre 2001


                                cari amici, come state? qui stiamo male, in quanto la leader perdente ha convocato il direttorio del partito e hanno deciso di non accettare i risultati delle elezioni: "crude rigging", ha detto;
e hanno dato tempo fino al 10 ottobre per indire nuove elezioni; per far capire che fanno sul serio hanno gia' proclamato uno sciopero generale e un oborodh prima della data.
La commissione elettorale aveva dichiarato non ufficialmente questi risultati:
awami 63, bnp 185, jamat 16, jatio 14 e 5 altri (un jatio monju, uno sromik e 3 indipendenti).
Nell'annunciare i risultati veniva detto che nel collegio elettorale 2, 5, ecc. sezioni avevano il conteggio sospeso perche' erano avvenute irregolarita', ma nella maggior parte dei casi il vantaggio del candidato
vincente era cosi' massiccio, che si poteva proclamare il vincitore. In 16 collegi elettorali tuttavia le iregolarita' erano state talmente gravi da far decidere la commissione di rifare le elezioni.
Aspettavamo da mesi il giorno delle elezioni per tornare alla vita normale, ma a quanto pare il travaglio del parto doveva continuare. 

Che ci siano state irregolarita' ne abbiamo avuto la prova anche a Bogra; Marta che e' incinta, ha fatto la fila per piu' di 2 ore sotto il sole per sentirsi dire, quando e' arrivato il suo turno di votare, che il suo voto era gia' stato dato. Anche il cuoco che era andato a Bonpara a votare, mi ha detto che molti
suoi conparrocchiani hanno fatto la stessa esperienza.
Il partito sconfitto afferma che durante la campagna elettorale avvenivano fatti che pregiudicavano l'andamento del voto, e di aver segnalato il tutto alle autorita' competenti, ma che costoro non hanno
prestato orecchio. Ad esempio esistenza di schede elettorali al di fuori delle sezioni.
La citta' di bogra ha festeggiato la vittoria con schiamazzi e lancio di coloranti, come fanno in alcune aree ai matrimoni; mi chiedo come reagiranno adesso...


Chiedo una preghiera particolarmente focalizzata in questi giorni. ciao, Carlo