PRECEDENTE   FLORIANOPOLIS (BRASILE SUD)   SEGUENTE

MISSIONE BRASILE

Nuova "Diocesi" per "Dom José"!

Lo scorso Febbraio, il Papa ha nominato Vescovo della "Diocesi" di Blumenau (Brasile)
Monsignor Giuseppe Negri, Missionario del "Pime",
già Vescovo "titolare" di Puppi e "ausiliare" di Florianópolis.

MONS. GIUSEPPE NEGRI, Vescovo del Pime in Brasile!

A cura della "Redazione"
("Missionari del Pime", Aprile 2009)

Un Vescovo giovane per una "Diocesi" giovane. Monsignor Giuseppe Negri, 49 anni, è stato chiamato da Papa Benedetto XVI alla "guida pastorale" della "Diocesi" di Blumenau, al posto di Mons. Angelico Sandalo Bernardino, ritiratosi per motivi di età. Blumenau, nel Sud del Brasile, è una sede "suffraganea" dell’Arcidiocesi di Florianopolis ed è stata costituita il 19 Aprile 2000. Conta circa 450mila battezzati su 600mila abitanti. Comprende la città di Blumenau e il suo territorio è suddiviso in 37 parrocchie.
Un "curriculum" di tutto rispetto quello di Monsignor Negri, o "Dom José", come lo chiamano in Brasile: ordinato "presbitero" il 7 Giugno del 1986; dall’87 al ’95 è stato formatore nei Seminari del "Pime"in Brasile Sud. Dall’87 al ’90, oltre all’impegno in Seminario, è stato parroco di San Giuda Taddeo e San Giovanni Battista, nella "Diocesi" di Florianopolis. Ha poi proseguito gli studi all’"Università Gregoriana", in Roma, ottenendo la Licenza in "Psicologia". In seguito è stato formatore nei Seminari di Monza e Brusque, sempre nel Brasile del Sud. Nel 2005 è stato infine nominato parroco della nuova parrocchia di San Giuda Taddeo, adiacente al "Seminario Filosofico" del "Pime" a Brusque. A metà Febbraio, infine, il nuovo incarico a Blumenau.
«Già nel 2006 chiedevo ai lettori di "Missionari del Pime" di sostenermi con le loro preghiere – commenta Monsignor Negri – . A maggior ragione rinnovo la mia richiesta ora che le responsabilità sono aumentate! Non mi aspettavo, infatti, di vedermi assegnata una "Diocesi" così presto. E forse, dentro di me, pensavo a una "Diocesi" più "missionaria". Ma mi sono presto reso conto che anche Blumenau rappresenta per me una grande "missione", perché è una città che sta vivendo una forte "urbanizzazione", con tanta gente che dai campi si riversa qui in cerca di lavoro. Con tutte le sfide che ne conseguono, a livello sociale e religioso. E allora la mia "missione" sarà proprio questa: cercare di essere un’"anima missionaria" anche in mezzo al "materialismo" e al "consumismo" dilaganti, in sintonia con il
"Documento di Aparecida", che sottolinea l’impegno dei Vescovi a far crescere sempre più la "coscienza missionaria" nelle loro "Diocesi"».