DAL CAMERUN

MISSIONE AMICIZIA    Passaggio di consegne    SEGUENTE

Avvicendamenti nella missione del Nord Camerun:
Padre Antonio Michielan rientra in Italia
e Padre Saverio Ambati diventa parroco di Moutourwa.

P. ANTONIO MICHIELAN e P. SAVERIO AMBATI, Missionari in Camerun...

P. Antonio Michielan e P. Saverio Ambati
("Missionari del Pime", Maggio 2008)

Carissimi amici, vi scriviamo dalla missione di Moutourwa. Questa volta siamo in due: Padre Antonio Michielan e Padre Saverio Ambati. Eh sì, perché dall’inizio del 2008 Padre Saverio è il nuovo parroco della missione cattolica di Moutourwa. Infatti io, Padre Antonio, sono stato chiamato dai Superiori per un servizio in Italia per un periodo di tre anni a partire da Giugno 2008. Non so ancora quale, ma sono disponibile ad andare dove c’è più bisogno.
Con questa lettera, dunque, vi comunichiamo che fin d’ora il responsabile e corrispondente per le adozioni sarà Padre Saverio Ambati e non più Padre Antonio Michielan.
È d’obbligo una breve presentazione da parte di Padre Saverio, perché lo conosciate meglio.
Sono Padre Xaviour Babu Ambati, nato il 14 Maggio 1968 a Nandigama (India). Sono entrato in Seminario a Eluru nel Settembre 1992. Dopo due anni di prima formazione, ho completato gli studi di filosofia a Pune e infine la teologia nel Seminario del "Pime" a Monza. La mia ordinazione sacerdotale per la missione è avvenuta il 27 Luglio 2004. Subito dopo mi sono recato a Parigi per lo studio del francese e dopo un anno, esattamente nel mese di Ottobre 2005, sono giunto finalmente nella missione dell’estremo Nord del Camerun, a Moutourwa, diocesi di Yagoua, come "coadiutore" di Padre Antonio Michielan.
Il mio primo impegno è stato quello di seguire la pastorale in due zone della parrocchia: Damai e Titing. Inoltre avevo la responsabilità di seguire i giovani e con loro ho impostato una formazione sia a livello spirituale sia di aggregazione.
Da quest’anno pastorale, sono divenuto responsabile della parrocchia di Moutourwa, visto che Padre Antonio Michielan è stato chiamato a rientrare in Italia. Vivo in comunità con Fratel Domenico Vicari e Sara, una laica dell’
"Alp" ("Associazione Laici Pime"), con i quali condivido lo svolgimento delle varie attività che animano la vita della parrocchia.
E ora veniamo alle vostre adozioni e ai tanti bambini che, grazie a voi, continuiamo a seguire. Come ogni anno, ci sono tantissimi bambini delle scuole elementari e giovani del liceo che vengono alla missione per chiedere un aiuto per riprendere la scuola. Noi collaboriamo con diverse scuole pubbliche e cattoliche della zona, ma non sempre è facile rispondere a tutti i bisogni: scuole "fatiscenti", costi d’iscrizione, libri di testo, materiale didattico, grembiule, ecc…
Anche se la realtà è dura e a volte soffocante, qui la gente è sempre contenta. Non è solo il sintomo di un atteggiamento "fatalistico" ma il frutto di una grande fiducia nella Provvidenza, perché sanno che da soli non possono farcela. Noi Missionari siamo qui per dire loro che possono contare sulla solidarietà e la bontà di tutti voi, amici miei e, ormai da tempo, anche loro.
La gente di qui non sempre riesce a far fronte alle difficoltà legate al soddisfacimento dei bisogni primari, come l’acqua, il cibo, i vestiti, le medicine, la scuola. Ecco perché abbiamo bisogno di voi. Adottare un bambino, infatti, rappresenta anche la soluzione a tanti problemi.
Carissimi amici, anche se oggi sembra che tutto ci allontani da Dio, sentiamo il bisogno di ritrovare lo slancio verso orizzonti più ampi per non lasciarci imprigionare dal "fare" e dall’"avere". Abbiamo bisogno di essere qualcuno e non qualcosa. Se riusciamo a sollevare il nostro sguardo ci accorgeremo che Dio non è poi così lontano. Ma noi quanto siamo lontani da Dio? Il nostro mondo rischia di estraniarci da questo grande mistero che è il suo Amore infinito.
Abbiamo cercato, in poche righe, di rendervi partecipi della nostra vita e di farvi sapere che continuiamo ad avere bisogno delle vostre preghiere e del vostro sostegno materiale. Io, Padre Antonio, ho lavorato 16 anni qui a Moutourwa e le persone ormai fanno parte di me. Questa "mia" gente ora l’affido a Dio e a voi tutti, e affido voi a Padre Saverio Ambati, perché è lui ora l’"angelo custode" dei vostri bambini qui in Camerun, nella missione di Moutourwa.
Un abbraccio a tutti e per molti un arrivederci a Giugno 2008.