DAL "PIME" FILIPPINE...

PRECEDENTE      P. GIANCARLO BOSSI:      SEGUENTE
"GOODBYE, BOSS!"

Nella Parrocchia di Payao, la locandina col rapimento del Missionario! Agli inizi della Missione, tra i Padri del Pime delle Filippine, a Basilan... Santa Messa nella Cappella di un Villaggio, a Sibuco! P. GIANCARLO BOSSI (1950-2012), Missionario del Pime nelle Filippine... Benedizione di una bimba, a Paranaque City, vicino a Manila! Braccio di ferro con P. Luciano Benedetti, anche lui rapito, a Mindanao... P. Giancarlo, con la famiglia, al suo rientro in Italia, dopo il sequestro!
Dalla liberazione,
al ritorno in Cielo...
  P. Giancarlo Bossi,
testimone di fede e speranza!
L'abbraccio tra P. Giancarlo Bossi e Papa Benedetto XVI, all'Agorà dei Giovani di Loreto! P. Giancarlo indica, sulla cartina, la zona Filippina del suo rapimento... Foto di gruppo, a Scuola, dagli anni del Liceo! Il Missionario racconta il suo cammino di prigionia, a tutti gli amci che lo hanno atteso... Veglia di Preghiera per la liberazione, ad Abbiategrasso! Testimone della salvezza che viene da Dio, nella fede che lo ha fatto resistere al sequestro... P. Giancarlo, nelle Filippine, insieme ad un piccolo amico!

P. Fernando Milani "Pime"

Padre Giancarlo Bossi è morto questa mattina, alle tre! Era ricoverato all’Ospedale "Humanitas" di Rozzano (Milano). Lo ricordiamo qui con alcune parole, scelte ed inviate da lui ai suoi amici in Italia, qualche anno fa...

«Mi è capitata tra le mani una "Preghiera-Poesia" di Origene: "Possa, il Signore Gesù, toccare i nostri occhi, per renderci capaci di guardare non ciò che si vede, ma quello che non si vede! Possa aprirli, questi occhi, perché contemplino non il presente, ma l’avvenire, e possa donarci gli occhi del cuore, con cui possiamo vedere Dio, attraverso lo Spirito!"».

Parole che, nelle sue "mani", hanno fatto bene le cose...

Cosa scrivere di Padre Giancarlo Bossi, ora che ci ha lasciato "fisicamente"? Tante persone l’hanno conosciuto, e poi ne hanno sentito parlare, dopo il suo "Rapimento", nel 2007... Per me è stato uno dei miei migliori amici, e con lui ho passato trentotto anni, da quando siamo entrati insieme, compagni in "Prima Teologia" al "Pime" di Monza, fino all’ultima volta che ci siamo visti, lo scorso Giugno, a casa sua. Di avventure e risate ne abbiamo fatte tante, insieme agli altri compagni del "Pime Filippine", specie i primi anni, con Padre Luciano BenedettiPadre Gianni Re... Il "Vangelo" di questa Domenica, in cui è morto, lo descrive molto bene! Gesù disse ai suoi: "Chi accoglie uno di questi bambini nel mio nome, accoglie me!".

Giancarlo amava i piccoli, i poveri, i "diseredati"... Con facilità, sapeva avvicinarli e comprenderli! Per loro era capace di fare grandi sacrifici, e perfino rischiare la vita. Probabilmente gli veniva spontaneo, perché anche lui si considerava piccolo e povero, di fronte al Signore: anche se in Italia, al tempo della partenza, qualcuno lo chiamava "Bud Spencer", per la sua corporatura e risata "altisonante"!

Nelle Filippine, aveva passato un po’ tutte le esperienze! Al nostro primo arrivo, siamo stati insieme a Tondo, tra i "baraccati"... Là abbiamo studiato il "Tagalog", la prima Lingua, e si cercava di capire cosa fosse il meglio per quella gente, che viveva in una povertà creata completamente dall’oppressione e dall’egoismo di pochi. Quando il "Pime" ha lasciato la Parrocchia di Tondo, insieme studiammo la Lingua "Bisaya", a Mindanao, per poi lavorare nella "Prelatura" di Ipil. Furono anni duri, che hanno provato il fisico di Giancarlo! Sempre su e giù per i monti, a visitare le varie Comunità. A Siay, ne avevano una settantina... Poi si impegnò nella costruzione della Parrocchia e Missione di Payao, con le varie strutture, in una zona dove a malapena si arriva con una moto da "cross"! E poi a Sibuco, a Zamboanga, a Bayog ed ancora a Payao, dove venne rapito, cinque anni fa. Il rapimento lasciò un segno in lui... A me sembrava cambiato! Più stanco, a volte più indeciso, ma anche più generoso, e pronto sempre a servire, dove ci fosse bisogno, specie tra i poveri. Lo scorso Febbraio, aveva chiesto alla "Comunità Regionale" di poter tornare a Mindanao, anche se era cosciente degli acciacchi che la malattia iniziava a mettergli addosso. E così, venne destinato ad Arakan, quasi a sostituire Padre Fausto Tentorio, ucciso lo scorso anno. Poi il rientro, alquanto inaspettato, e la malattia finale!

Per me sono tanti i ricordi, e le vicende passate insieme, e mi ci vorrà del tempo per considerarlo un passato che non continua, perché Giancarlo "fisicamente" non lo vedrò più qui, in questa vita! Ma la sua voce forte e dal tono basso, la sua risata disarmante, le sue battute in Dialetto Milanese, e la sua capacità di ascoltare e confortare, non scompariranno dalla mia vita...

Arrivederci, "Boss", e dammi ancora una mano, come hai fatto tante volte in passato! Ora lo potrai fare ancora meglio, anche se più "misteriosamente"... "Ciao!".

Nando.

Questa mattina, Domenica 23 Settembre 2012, alle 3 e 30, è deceduto, alla Clinica "Humanitas" di Rozzano (Milano), P. Giancarlo Bossi.
Nato ad Abbiategrasso (Milano), il 19 Febbraio 1950, entra nel "PIME" a Genova nel 1973, come vocazione adulta. Emette il giuramento perpetuo il 3 Febbraio 1978, e viene ordinato Prete il 18 Marzo 1978, da Mons. Aristide Pirovano. Destinato alle
Filippine, studia l’Inglese a Watford (Inghilterra). Dopo aver lavorato per molti anni a Siay e Payao, viene richiamato in Italia per un servizio nella Casa di Rancio (1996-1999). Ripartito per le Filippine nel 2000, risiede dapprima a Bayog e poi a Payao (Ipil, Zamboanga del Sud). Rapito il 10 Giugno 2007, viene liberato il 19 Luglio. Tornato in Italia per rimettersi dallo "shock" del sequestro (tra l’altro, ha l’opportunità di incontrare il Santo Padre, a Loreto), riparte per le Filippine, risiedendo a Parañaque (Metro Manila) per un anno, e poi nella Diocesi di Mindoro Occidentale. Per motivi di salute, nel 2010 deve di nuovo tornare in Italia. Le cure lo rimettono in piedi, al punto che può ripartire per le Filippine, con residenza a Manila, ma all’inizio del 2012 la salute peggiora di nuovo, e deve far ritorno in Italia.
I
Funerali si svolgeranno nella Parrocchia di origine, Castelletto di Abbiategrasso, Martedì 25 Settembre.

P. GIANCARLO BOSSI A LORETO, 2007

VEGLIA MISSIONARIA 2007, MILANO