MISSIONE AMICIZIA    DALLA THAILANDIA, P. CLAUDIO CORTI...    SEGUENTE

MISSIONE

"Briciola" dalla Thailandia

P. CLAUDIO CORTI, Missionario in Thailandia!

P. Claudio Corti
("Missionari del Pime", Agosto-Settembre 2007)

Carissimi amici, un saluto tutto speciale dalla missione di Fang!
Vi mando questa lettera che chiamo una "briciola" perché quello che scrivo è solo una parte di quello che Dio sta portando avanti qui a Fang. È però un pezzettino di "pane di vita" che fa parte della mensa di Dio e alimenta la gente della missione e anche voi che, da lontano, ci siete vicini.
Il cammino di evangelizzazione nella missione di Fang continua. Lo Spirito Santo fa sentire la Sua presenza che è corroborata dalle vostre preghiere. Nei primi mesi dell’anno ho avuto la gioia di benedire e celebrare la prima Messa in tre piccole chiesette (due in villaggi Akha e una in un villaggio Lahu). La gente le ha costruite con bambù e paglia. Il pavimento è di terra battuta. Ogni chiesetta, anche la più semplice, rappresenta il primo segno tangibile della fede della gente: si mostra il desiderio di avere la presenza stabile di Dio all’interno del villaggio.
La gente si raccoglie nella chiesetta tutte le domeniche per pregare e leggere il Vangelo. Un catechista guida le preghiere e fa un breve commento al vangelo del giorno. Quando vado al villaggio celebro l’Eucaristia, anche se ancora pochi sono i battezzati. In questi tre villaggi la gente ha appena iniziato un cammino per approfondire la propria fede. Tra qualche anno, quando saranno pronti, riceveranno il Battesimo.
Eccovi ora qualche altro aggiornamento. Continua la sistemazione dell’ambiente che verrà utilizzato come "scuola preparatoria" per i bambini che non sono ancora in grado di frequentare le elementari perché non conoscono a sufficienza la lingua "thai". Ai primi di giugno 13 bambini e 17 bambine sono venuti a vivere nella missione di Fang per frequentare questo corso preparatorio. Le suore, con due giovani ragazze e altre due maestre, seguono in modo speciale questi bambini.
Grazie alla preziosa collaborazione delle suore continua il progetto di "aiuto alla vita". Sono ormai diversi i genitori che portano i loro figli neonati alla missione. Con pazienza si ascoltano i loro problemi, li si incoraggia e viene loro dato latte, omogeneizzati, qualche vestitino... a seconda del bisogno.
A tutti e a ciascuno di voi va il mio grazie e la mia preghiera.