PRECEDENTE     Cari ragazzi, ciò che conta è «servire» gli altri!     SEGUENTE

Aiutare il prossimo, così come fanno anche le suore,
che aprono le loro case ai sofferenti del mondo,
delle periferie cittadine, degli ospedali e della strada…

Don Nicolò Anselmi
Responsabile del Servizio Nazionale della Pastorale Giovanile
don.nico@libero.it

Di fronte all’uscita di una delle sedi della "Conferenza Episcopale Italiana" qui a Roma c’è un "cavalcavia" sopra all’"Aurelia"; superato il "cavalcavia", una rampa scende sulla sinistra in direzione del centro. Quasi in fondo alle rampe, tutte le sere si ritrovano, illuminate da un’anonima luce gialla dei fanali stradali, un gruppo di ragazze, minorenni, che si prostituiscono. Poco più in alto, nella "penombra", alcune donne, sulla strada, nella medesima situazione. Qualche sera fa sono passato in macchina con un mio carissimo amico d’infanzia su quella rampa; ho rallentato leggermente per guardare i volti delle ragazze: erano tre e avranno avuto 15-16 anni. Due ore dopo, ho riportato il mio amico all’albergo e le ragazze non c’erano più. Ho provato una sensazione terribile immaginandole in chissà quale situazione sgradevole, vergognosa, "disumana". Come un lampo mi sono sentito protagonista della "Parabola" del "Buon Samaritano", nella parte del sacerdote che tira dritto di fronte a chi soffre. Altre volte mi sono trovato in situazioni simili; ne ricordo in particolare due. Un giorno, sugli scalini del "Centro di Pastorale Giovanile" della mia diocesi trovai, sdraiata, una ragazza "tossicodipendente", "fatta", come si dice in gergo. Le sono stato vicino fino a quando si è sentita un po’ meglio; mi ha confidato la sua disperazione dicendo che si guadagnava la dose "vendendosi". A quel punto avevo bisogno di una «Locanda del Buon Samaritano» dove portarla. Mi è venuta in mente una comunità di suore che vive nel "centro storico". L’ho accompagnata fino là; sono stato con loro, abbiamo cenato e pregato insieme; le suore l’hanno accolta e io ho lasciato loro una piccola offerta, ringraziandole e assicurando un ricordo nella Messa. Ho rivisto la ragazza alcuni mesi dopo; stava meglio, era stata una settimana in ospedale per togliersi l’astinenza e mi diceva di essere in ricerca… Da allora non ne ho saputo più nulla.
Una seconda volta, sempre in centro, mi ha raggiunto una ragazza dell’Est, disperata, dicendomi che il suo compagno la obbligava a prostituirsi picchiandola, che era scappata e aveva paura. La accompagnai in una comunità di suore, che avevo conosciuto da "vice-parroco". L’hanno tenuta nascosta per alcuni giorni, poi le hanno offerto un "alloggio protetto" in una città a parecchi chilometri di distanza. "Grazie suore!". Forse ve lo diciamo poco! Spesso siete voi e il vostro cuore il primo "rifugio" caldo e sicuro per tanti disperati, giovani e adulti. Le vostre case sono la "locanda" per tantissimi sofferenti, del mondo delle "favelas" e delle periferie cittadine, degli ospedali e della strada. "Grazie!". Tante ragazze dicono che la Chiesa è "maschilista", che le donne non possono accedere al sacerdozio e quindi al potere, dimenticando che nel cuore di Dio ciò che conta è il servizio, che chi vuol essere primo sia l’ultimo; forse dovremmo ascoltarvi di più, darvi più spazio… scusate… se non ci foste voi…

("Avvenire", 17/6/’08)