A partire dalla "Trinità" il Papa dà indicazioni "fascinose"

RITAGLI     Mistero "ragionevole"     DOCUMENTI
che spiega come siamo fatti

Papa Benedetto XVI, con semplicità, ci spiega l'Amore di Dio...

Giacomo Samek Lodovici
("Avvenire", 9/6/’09)

Davvero molto profondo e illuminante, nonostante la brevità, il Discorso di Benedetto XVI che ha preceduto l’"Angelus" di Domenica scorsa, Festa della "Trinità". Diceva il "medievale" Riccardo di San Vittore che, essendo impossibile essere felici da soli, e dato che Dio è la felicità assoluta, è ragionevole pensare che Dio non sia in se stesso una sola "Persona", bensì che sia una comunione amorosa di "Persone". In modo simile e complementare, il Papa ha spiegato che Dio «non vive in una splendida "solitudine"», bensì è una realtà di amore in cui «tre "Persone" […] sono un solo Dio perché il Padre è amore, il Figlio è amore, lo Spirito è amore. Dio è tutto e solo amore, amore purissimo». E, come ogni "Persona" divina è "Relazione" sussistente, così (anche dal punto di vista della "fisica"), sia nel "macro-universo" (i pianeti, le stelle, le galassie), sia nel "micro-universo" (le cellule, gli atomi, le particelle elementari), «in tutto ciò che esiste», ovviamente in modo diverso, «è in un certo senso impresso il "nome" della "Santissima Trinità", perché tutto l’essere, fino alle ultime particelle, è essere in relazione, e così traspare il "Dio-Relazione"». Ma Benedetto XVI ha sottolineato (nella logica dei "De Trinitate"; si pensi per esempio, a Sant’Agostino) che è soprattutto nell’uomo che si rintraccia il rinvio al Dio "Uno e Trino": «La prova più forte che siamo fatti ad immagine della "Trinità" è questa: solo l’amore ci rende felici, perché viviamo in relazione per amare e viviamo per essere amati». E, se nei Discorsi di "Pasqua" il Papa aveva attinto dalla "fisica", dicendo che l’uomo in comunione con Dio può portare «il giorno di Dio» nelle notti della storia e sperimentare una «nuova forza di gravità» (quella della verità e dell’amore), Domenica, con una suggestiva analogia, tratta dalla "biologia", ha aggiunto che «l’essere umano porta nel proprio "genoma" la traccia profonda della "Trinità", di "Dio-Amore"». In tal modo, Benedetto XVI non solo ha indicato (ovviamente in breve) un argomento in favore della ragionevolezza della "Trinità", ma ha altresì esposto una "teologia" da cui ricavare indicazioni esistenziali cruciali per l’essere umano. In effetti, l’infelicità è una condizione di "solitudine" durevole e continuativa: è vero che abbiamo bisogno di momenti in cui stare da soli, ma un uomo che non intrattiene mai relazioni significative con alcuno è terribilmente infelice. Ci sono uomini soli che vivono in pace con se stessi, ma la loro è meramente una condizione di assenza di "turbamento", di eliminazione delle possibili "ferite" che possono derivare dagli altri.
Tuttavia, se forse è abbastanza chiaro che essere amati da qualcuno (e da "Qualcuno") è necessario per essere felici, invece è molto meno chiaro che venire amati non è una condizione sufficiente per la felicità, che ci sfugge se non imitiamo le "Persone" divine, che si amano reciprocamente e amano l’uomo, ci sfugge se non amiamo a nostra volta: dunque, per essere felici, anche noi dobbiamo amare anzitutto Dio, e, poi, gli altri. Ma l’incomprensione diffusissima e anche la difficoltà, che determina il fallimento di molti rapporti amicali, affettivi e coniugali, riguarda proprio l’amore, che non è solo e principalmente "trasporto", attrazione, "stare bene insieme" (tutte cose che possono sovente venir meno e su cui è errato incentrare i rapporti "inter-personali"), bensì consiste nel volere e cercare il bene dell’altro, nel donarsi, come fa quel "Dio-Trinità" che, lo ha ricordato il Papa Domenica, è amore «che incessantemente si dona».