PACE IN KENYA

PRECEDENTE    Due mesi vissuti sull’orlo del genocidio    SEGUENTE

Un Paese «cerniera» nel cuore del continente,
"dilaniato" da odi tribali e interessi internazionali.

Claudio Monici
("Avvenire", 29/2/’08)

Fortunatamente per il Kenya, Kofi Annan non ha "gettato la spugna". Dopo un mese di estenuante trattativa, nonostante in questi ultimi giorni si fosse dimostrato visibilmente "frustrato" e sull’orlo della crisi, con il reale pericolo di una nuova esplosione di violenza, lo sforzo diplomatico sotto la "bandiera" dell’"Unione Africana" dell’ex segretario generale delle "Nazioni Unite" si è rivelato conclusivo. Almeno nelle intenzioni dei protagonisti e per ora sulla carta dove ieri sono state apposte le firme dei "rivali" Mwai Kibaki e Raila Odinga. Un accordo che dovrà portare alla "suturazione" di una grave ferita, che resta "sanguinante" di un pesante bilancio di vittime e altrettanti sfollati interni, che sono la conseguenza del "controverso" e contestato risultato elettorale del 27 dicembre dello scorso anno. Ma anche esito "nefasto" di vecchie ferite "tribali" di un trascorso coloniale irrisolto, di un potere economico in mano a pochi "clan" familiari padroni di terre e risorse, e di una "campagna elettorale" pesantemente condotta sulla "scoscesa" strada della "rivalsa" etnica nella quale sono stati trascinati i keniani. E così anche le ultime vittime delle violenze "politico-tribali", tre morti e cinque feriti, che ancora ieri hanno insanguinato l’ovest del Kenya dove si sono dati battaglia usando archi e frecce. Un esito di sangue che è stato e sarà un lungo "choc" da curare per un Paese conosciuto per essere una nazione di accoglienza di profughi. Una violenza che nei suoi "prodromi" ha più d’un soggetto e così la stampa locale, incurante di soffiare sul fuoco, non ha esitato a "enfatizzare" paragonandola a un "genocidio". Come avvenne nel 1994 per il Ruanda e così facendo diffondendo la sindrome del "machete" e la paura in cittadine e sovraffollate "baraccopoli". Per iniziare a porre fine a quasi due mesi di tensioni, violenze e devastazioni, per far pronunciare le parole «pace» e «riconciliazione», dette nei discorsi ufficiali di ieri, la pressione internazionale è stata fortissima, soprattutto in queste recenti settimane. Non ultima – e particolarmente «attenta» – quella imposta dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna che nella posizione geografica del Kenya vedono un territorio "strategicamente" importante, servito da porti e vie di comunicazione, da e per l’Africa centrale. E altresì per tutto ciò che si apre sull’Oceano Indiano e la regione del "Corno d’Africa" affacciata sui Paesi Arabi. Un "Paese cerniera", il Kenya, che quando era in preda ai giorni della violenza come diretta conseguenza provocava il "soffocamento", e non soltanto economico, di nazioni confinanti quali l’Uganda, il sud Sudan, Burundi e Ruanda, e l’est della Repubblica democratica del Congo. «Un compromesso era necessario per la sopravvivenza del Paese», diceva ieri un soddisfatto Kofi Annan, che a inizio settimana aveva sospeso i colloqui con le delegazioni accusandole di incapacità di "compromesso", aggiungendo che da quel momento avrebbe parlato solo con Kibaki e Odinga. Ma una "spinta" decisiva c’è stata con la "mossa" del "Segretario di Stato  Americano Condoleezza Rice che mentre sosteneva «non ci sono ragioni per non chiudere l’intesa», sottolineava anche un «prenderemo le misure necessarie» in caso di fallimento. Anche gli ambasciatori dell’"Unione Europea" a Nairobi, come tutta la "diplomazia", hanno chiesto un’intesa immediata per salvare il Kenya, altrimenti «chi la bloccasse dovrà risponderne». Adesso si tratta di vedere se l’intesa saprà trovare la strada della pace.
Soprattutto in quella degli interessi che restavano celati dietro gli scontri etnici "fomentati" nella disperazione delle "baraccopoli".