IDEE

Il filosofo Spaemann mette in guardia
da chi accusa le religioni di fomentare l’odio e il terrore:
all’origine dei tre monoteismi vi è una divinità
che si rivolge all’uomo attraverso il «logos».
La ragione, dunque, appartiene al credente in quanto relazione con l’altro.
Chi rifiuta questa dimensione dialogica apre la strada alla conflittualità.

RITAGLI     Ma Dio non è violenza     DOCUMENTI

«Troppo spesso ancora nel mondo musulmano vince la via sanguinaria.
Anche l’islam deve intraprendere la strada del dialogo comune».

Robert Spaemann
("Avvenire", 18/7/’07)

Non è un caso che il "discorso di Regensburg" abbia aperto un controverso dialogo con l'Islam. Senza il colpo di avvertimento costituito dalla citazione di un imperatore bizantino, più di trenta famosi professori islamici forse non avrebbero mai pensato di accettare l'invito al dialogo, di prenderlo sul serio, di rispondere gentilmente e di cominciare subito ad avanzare delle critiche invece dei soliti scambi di cortesie. Che altri musulmani abbiano reagito con un atto di violenza sanguinaria conferma che la questione del rapporto fra fede e violenza resta per l'Islam un problema aperto. Il Papa ha facilitato l'apertura di un dialogo serio ammettendo senza "infingimenti" apologetici che anche la cristianità ha avuto questo problema per tanto tempo e che spera che l'Islam compia lo stesso processo di apprendimento che ha compiuto la Chiesa. Oggetto di tale dialogo sarà verificare se il Corano favorisca un tale processo allo stesso modo del Nuovo Testamento. Metterlo inizialmente in dubbio fa parte di un onesto inizio di dialogo.
Ci si potrebbe chiedere perché bisogna discuterne e forse scontrarsi. Se i musulmani avessero un altro Dio rispetto ai cristiani un tale scontro sarebbe privo di senso. I cristiani potrebbero solo ribadire che non credono all'esistenza di "quel" Dio. In effetti tanti cristiani ritengono che Allah sia un altro Dio rispetto a quello dei cristiani. Se fosse così non avrebbe alcun senso scontrarsi rispettosamente su come si debba pensare e parlare correttamente di Dio. Ma in conformità col suo grande predecessore medievale Gregorio VII e col Concilio Vaticano II,
Benedetto XVI parte dal presupposto che gli ebrei, i cristiani e i musulmani pregano lo stesso Dio uno e unico.
La lezione magistrale di Regensburg parla soprattutto della differenza che nel mondo di oggi salta agli occhi. Essa riguarda il tema «Dio e violenza». Ricollegandosi alle riflessioni di un imperatore bizantino, il Papa collega questo all'altro tema: «Dio e ragione». La ragione è quello "step beyond ourselves" la cui possibilità la modernità nega. Ho cercato, riferendomi a Nietzsche, di mostrare che questa possibilità dipende dall'esistenza di Dio e proprio di un Dio che nella sua essenza è "luce". La ragione dunque non è uno strumento di sopravvivenza dell'"homo sapiens", ma partecipazione alla luce divina e un vedere il mondo in questa «luce che illumina ogni uomo che viene in questo mondo» (Gv 1,9). Questa luce, come dice Platone, fa vedere il bene come il "koinon", «ciò che è comune a tutti» (cfr. Platone, "Fedone"). Non a caso Eraclito parla a questo riguardo del "logos", e "logos" significa anche «parola».
Soltanto attraverso la parola, soltanto attraverso la lingua, attraverso il parlare con gli altri, noi ragioniamo. La violenza però è l'esatto contrario del parlare con gli altri. Lo scopo del discorso è l'intesa tramite la comune sottomissione al criterio del vero, lo scopo della violenza è la sottomissione dell'altro alla volontà di colui che si dimostra fisicamente più forte. Michel Foucault, che nega l'intelligibilità del mondo, deve di conseguenza minimizzare la differenza tra dialogo e violenza. Siccome non esiste un qualcosa che sia verità, anche nel dialogo può trattarsi solo di misurare le forze nella lotta per il potere. Così già pensavano d'altronde i "sofisti" con i quali si scontrò Socrate. Soltanto quando si dà verità come "koinon" si dà un'alternativa alla violenza. Il criterio della forza fisica non ha nulla a che fare con quello della verità. E la vittoria nello scontro violento solo per caso può anche essere la vittoria del migliore. C'è la forza legittima dello Stato, la cui ragione risiede nell'impedire la violenza tra gli individui, c'è la forza legittima del potere statale per la difesa contro la violenza di un'ingiusta aggressione. Ma lo scatenarsi della violenza, la trasformazione del dialogo in violenza è sempre il fallimento della ragione, e la probabilità che una situazione violenta possa essere migliorata con la violenza è scarsa.
Ma è soprattutto la violenza nel nome di Dio che è condannata inequivocabilmente da Benedetto XVI. Dio come Signore della storia agisce attraverso tutto ciò che succede e anche la violenza dei violenti alla fine dovrà servire al Suo scopo. Ma lo serve solo come tutto ciò che è malvagio. La Sua volontà è fatta sempre e dappertutto. Non deve chiedere il permesso. Ma non dappertutto sulla terra succede come in cielo, e cioè attraverso il conformarsi della volontà degli angeli e degli uomini alla volontà di Dio. Mefistofele, nel "Faust" di Goethe, confessa di essere parte «di quella Forza che sempre vuole il male e sempre il bene crea». Noi preghiamo affinché la volontà di Dio non sia fatta sulla terra così, ma «come in cielo», e questo significa anche: non tramite la violenza. Anche il popolo di Israele, a questo riguardo, ha compiuto un processo di apprendimento che si conclude soltanto con Gesù. E nonostante questa conclusione, la cristianità nel Medioevo ha creduto ancora di dover punire con pene temporali fino alla condanna a morte almeno l'apostasia e l'eresia: un punto di vista che vige ancora oggi nei Paesi islamici.
Ma non si può costringere a rimanere nella luce con i mezzi delle tenebre. Laddove dei cristiani vengono perseguitati in quanto cristiani, essi, seguendo il loro Signore, rinunciano a restituire la violenza. Dove dei cristiani, d'altronde, difendono legittimamente la "civitas terrena" in qualità di cittadini di essa, sanno che il processo della violenza, nei suoi esiti, è indifferente alla giustizia e all'ingiustizia. Non si presenteranno dunque in nome di Dio e in nome del bene per punire i cattivi e terranno l'odio che avvelena l'anima fuori dallo scontro. Dove vige la violenza, la ragione tace e l'unica forma della sua perdurante presenza può essere soltanto quel rispetto dei nemici che anticipa già la riconciliazione.
Non sempre possiamo decidere se avere o no nemici. A volte può essere giusto smitizzare l'idea del nemico, a volte no. Dobbiamo verificare l'idea che abbiamo del nemico confrontandola con la realtà. Ma ciò che invece possiamo decidere è di chiedere la forza di amare i nemici. Tale forza trasforma lo "status" della violenza che si oppone a Dio ed è il suo modo supremo con cui la luce può illuminare le tenebre, la luce della ragione e dell'amore, il cui massimo testimone è nel nostro tempo Papa Benedetto XVI.