CASA SAN GIUSEPPE 

MISSIONE - SANTO VIAGGIO AL CUORE DELL'UOMO

DIARIO

.

Ballata delle cose misteriose

Ballata delle cose piccine

.

CONDUCIMI, DOLCE LUCE...

.
.


Il viaggio più lungo è il viaggio interiore.


Dag Hammerschold

.

.

.
Fa’ che continui a cercarti...

Per quanto ho potuto,
per quanto tu mi hai concesso di potere,
ti ho cercato
e ho desiderato vedere con l'intelletto
quel che ho creduto,
e molto ho disputato e faticato.

Signore Dio mio,
mia unica speranza,
esaudiscimi, perché non cessi di cercarti
vinto dalla fatica,
ma continui a cercare il tuo volto
continuando ad ardere.

Donami le energie per cercarti,
tu che ti sei fatto trovare, tu che mi hai dato 
sempre più speranza di trovarti.
Davanti a te stanno la mia fermezza
e la mia infermità:
custodisci la prima e guarisci la seconda.

Davanti a te stanno la mia scienza
e la mia ignoranza: dove mi apristi la via, 
accetta che entri; dove mi hai chiuso,
apri al mio bussare.
Fa’ che mi ricordi di te,
che ti comprenda,
che ti ami.

S. Agostino, De Trinitate
.

.
Se un uomo vuole essere
certo della strada su cui cammina, 
deve chiudere gli occhi 
e procedere al buio.


San Giovanni della Croce


A lungo durerà il mio viaggio
e lunga è la via da percorrere.

Uscii sul mio carro ai primi albori
del giorno, e proseguii il mio viaggio
attraverso i deserti del mondo
lasciai la mia traccia
su molte stelle e pianeti.

Sono le vie più remote che portano più vicino a te stesso;
è con lo studio più arduo che si ottiene
la semplicità d'una melodia.

Il viandante deve bussare
a molte porte straniere
per arrivare alla sua,
e bisogna viaggiare
per tutti i mondi esteriori
per giungere infine al sacrario
più segreto del cuore.

I miei occhi vagarono lontano
prima che li chiudessi dicendo:
"Eccoti".

Il grido e la domanda: "Dove?"
Si sciolgono nelle lacrime
di mille fiumi e inondano il mondo
Con la certezza: "Io sono!".

Rabindranath Tagore


I
n questo trapasso epocale segnato da una cultura senza centro
in cui l’uomo si sente sempre più incapace 
di trovare significati ultimi al suo andare,
forse noi credenti un messaggio umile e immenso possiamo ancora darlo.
Senza l’arroganza di chi strumentalizza le paure della gente
e ne enfatizza i fallimenti con visioni apocalittiche:
Dio non costruisce il proprio regno sulle ceneri dell’uomo.
Facendoci compagni di strada, ministri di condivisione e di misericordia,
e indicando con una esistenza pulita prima che con le parole,
che lo zenit e il nadir della storia coincidono in Lui, nostro ineffabile amore,
alfa e omega dell’universo, principio e fine di tutte le cose.
Coloro che si accompagneranno al nostro cammino 
volgeranno lo sguardo a Cristo
solo se il profumo del Vangelo si sprigionerà dalla nostra vita.

Tonino Bello


I
l centro è ciò che Dio fa per me, non ciò che io faccio per Lui.

Ermes M. Ronchi


P
iù andiamo verso Dio più saremo uniti.
Gli esseri umani non sono paralleli ma convergenti e Dio è il loro fuoco.

Léon Bloy