CARLO CARRETTO
Beata te che hai creduto
madonnadelcarrettino.jpg (365445 bytes)

La Madonna del carrettino « Rachele piange i suoi figli» La vita e il dolore
Ave Maria Nazaret È risorto
Dio mio, figlio mio Fate quello che vi dirà Pregare con Maria

PREGARE CON MARIA

Dopo aver tentato di dir qualcosa su Maria di Nazaret vorrei cercare di entrare con te nella sua preghiera.
La tradizione più antica del popolo cristiano, la forma più popolare e semplice ha sempre visto lo sforzo di scegliere qualche giorno per fare da soli o in comunità un cammino di fede rendendo ci disponibili all' azione dello Spirito invocato proprio per intercessione di Lei che con lo Spirito Santo ebbe tanta intimità di vita.

La scelta di un periodo di
9 giorni è quella che più ricorre soprattutto nella vita del popolo, cioè di chi non ha delle storie per la testa ma prega per vivere e cerca di andare a fondo delle cose.
Il libro e le meditazioni sono proprio articolate su impegno di 9 giorni che propongo anche a te con semplicità, come faceva mia
madre che quando eravamo nel bisogno diceva: « Facciamo una novena alla Madonna ».
La preghiera segue chiaramente due indirizzi che io credo essere sostanziali per una autentica devozione Mariana:

1) L'indirizzo biblico.

2) L'indirizzo contemplativo.

L'indirizzo biblico ha lo scopo di nutrire l'anima della Parola di Dio, parola che diventa a sua volta ispirazione teologica e mette l'uomo nella vera luce della rivelazione tenendolo lontano dalle deformazioni pietistiche e dalla superficialità sentimentale.

L'indirizzo contemplativo batte un' altra strada e, dand9 per scontato il nutrimento biblico e teologico, impegna l'uomo nell' amore che esprime con formule semplici iterative, litaniche come il rosario, le giaculatorie ecc. Il tipo di questa preghiera è quasi sempre ritmico, semplice, povero e ripete, ripete le stesse cose.

A tutta prima, una preghiera di questo genere può apparire come immatura, formale, non intelligente ed invece per chi capisce è esattamente il contrario: preghiera matura, spontanea e dotata della più alta intelligenza che è l'intelligenza del cuore. Se la sposa dice allo sposo: «Ti amo », non è una brutta cosa. E se glielo dice cinquanta volte di seguito non credo che lo sposo s'offenda e consideri la sposa stupida perché ripete le stesse cose.
È proprio dell' amore ripetersi col ritmo delle parole semplici e calde. Quindi per concludere: se tu senti il bisogno di nutrire la tua preghiera con testi biblici fa' pure, però se t'accorgi che tornando dal lavoro ti trovi bene e in pace nel prendere in mano il rosario e diffonderti in una preghiera ritmica e iterativa sii contento.

E ricordalo: se riesci a dir tutto il rosario senza preoccuparti di pensare, ma solo contento di stare in pace con la Madre di Gesù, sii felice perché certamente sei sotto l'azione dello Spirito e questo è ciò che conta quando Si prega.

ROSARIO

Per chi non capisce niente della vita spirituale il rosario è sinonimo di una preghiera retorica, stupida, inutile.
Per chi è « spirituale », per chi è arrivato avanti nel cammino della preghiera, il rosario è il modo più semplice per aiutarsi a vivere la preghiera in modo concreto e prolungato.
Non temo nell'affermare che chi ama questo tipo di preghiera e si trova a suo agio nel dire il rosario è un contemplativo o certamente sulla via della contemplazione.
Quindi: attenti nel parlar male di cose che
non si conoscono.
Il rosario è un modo universale di preghiera; difatti lo troviamo in tutte le religioni rivelate.
Te ne indico 3 che possono essere usati da
te in questo periodo.

Rosario mariano: è il nostro.

È fatto da 50 grani sistemati e suddivisi in 5 decine e intercalati da un grano più grosso. È un vero piccolo ufficio della Madonna, un modo semplice per aiutare il popolo a pregare. Nella tradizione cattolica ha avuto un ruolo fondamentale. Per molti poveri è stato l'unico aiuto per mantenere la fede in tempi duri e aridi.
Il rosario è il tentativo di riunire nello spazio di 15 minuti un piccolo itinerario di meditazione sulla vita della Vergine intercalandolo con la preghiera iterativa, litanica dell' Ave Maria.
L'itinerario di meditazione batte tre piste
molto semplici:

- La gioia di Maria
- Il dolore di Maria
- La gloria di Maria

e si articola su 5 quadri chiamati misteri (il termine è medioevale quando venivano chiamati « misteri» le rappresentazioni sacre). Per uscire dalla monotonia l'indicazione era:

Lunedì

gioia di Maria

Misteri gaudiosi

Giovedì

Martedì

dolore di Maria

Misteri dolorosi

Venerdì

Mercoledì

gloria di Maria

Misteri gloriosi

Sabato

Domenica

Ed ecco l'itinerario dei 15 Misteri:
Misteri gaudiosi

1) L'Annunciazione
2) La visita ad Elisabetta
3) La nascita di Gesù
4) La presentazione al T empio 
5) Il ritrovamento di Gesù

Misteri dolorosi

1) L'agonia di Gesù
2) La flagellazione
3) L'incoronazione di spine 
4) Il viaggio al Calvario 
5) La morte di Gesù

Misteri gloriosi

1) La Risurrezione
2) L'Ascensione
3) La discesa dello Spirito Santo 
4) L'Assunta
5) Il Paradiso

Rosario bizantino

Diciamo « rosario» per intenderci, ma in realtà nella liturgia bizantina è chiamato « Cotki » e in russo « Comvolojan ».
È un rosario di lana con 100 grani che si fanno scorrere sotto le dita dicendo ad ogni grano:
«
Signore Gesù Cristo
Figlio del Dio Vivente
abbi pietà di me, peccatore
».

È la stessa origine della famosa Preghiera di Gesù del Pellegrino Russo:
« Signore pietà

sono peccatore!
».

Questo ripetere, ripetere questa preghiera è un modo molto utile per « addormentare» la fantasia e l'immaginazione.
Come la mamma addormenta il bambino cullandolo, così il ritmo e la monotonia placano queste due « matte» di casa che sono sempre pronte a distrarre la preghiera.

 

Rosario islamico (Subha)

È indubbiamente il più semplice e il più perfetto. È la preghiera del deserto delle lunghe marce, dell' adorazione e della lode prolungata.
Formato da 99 grani (corrispondenti alle 99 lodi di Dio) e si fa scorrere sotto le dita con un'unica invocazione scelta tra le 99.
È veramente una fonte straordinaria di
preghiera.
Chi è innamorato di Dio non si sazia di
ripeterlo.
Andando nei paesi islamici vi sarà facile vedere i «credenti» camminare tenendo in mano il rosario e facendo scorrere i grani sotto le dita mentre le labbra sussurrano:
«
Dio mio come sei grande»
oppure
« Dio sei il misericordioso ».
Sovente l'espressione scelta è tenuta come
«segreto» personale.
Io ad esempio non sono mai riuscito a farmi dire da qualcuno, anche se amico, l'espressione usata nella preghiera.
lo invece ve la dico perché ho meno
pudore:
«
Dio mio ti amo
abbi pietà di me
»
e penso non esista al mondo nessuna sposa che abbia detto al suo sposo più di me «io ti amo».

Ecco le 99 lodi di Dio

Il Benefattore 
Il Misericordioso 
Il Re
La Bellezza
La Pace
Il Fedele
Il Difensore
Il Potente
Il Riparatore
Il Grande
Il Fecondo 
Il Creatore 
Il Vigilante
L'Indulgente 
Il Dominatore
Il Donatore
Il Dispensatore 
Il Vittorioso
La Conoscenza 
Colui che apre 
Colui che chiude 
Il Veggente 
L'Attento
Il Giudice
Il Giusto
Il Sottile 
L'Osservatore 
Il Clemente
Il Magnanimo 
Il Piacevole
Il Glorificato
Il Magnifico
Il Guardiano
Il Dispensatore
La Provvidenza
Il Maestoso
Il Generoso
La Sentinella
Colui che vede
Colui che esaudisce 
Il Saggio
Lo Splendido 
L'Amantissimo
Colui che abbassa 
Colui che innalza 
Colui che dà la dignità
Colui che toglie 
L'Invincibile
Il Santo
Il Degno di ogni lode 
L'Onnisciente
Il Principe
La Risurrezione
Il Padrone della morte 
Il Vivente 
L'Opulento
La Novità
L'Immutabile 
L'Unico
L'Eterno
Il Bene
La Carità
Il Prudente
Colui che produce 
Colui che previene 
Il Primo 
L'Ultimo
Il Manifestato
Il Nascosto
Il Protettore
Il Degnissimo 
L'Onnipotente
Il Testimone
La Verità
Il Forte
Il Diritto
Il Perdono
Il Giudice
Il Buono 
L'Amabile
Il Regno
Il Signore della Maestà
Il Signore della Generosità
L'Equo
Colui che raduna 
Il Sufficiente
Il Ricco
Colui che detiene i beni
Colui che li separa 
Colui che li distribuisce
La Luce
Il Compassionevole 
Il Glorioso 
L'Universale
La Guida
Il Perfetto
Il Sublime
Il Paziente
La Dolcezza

La centesima lode è tenuta nascosta e Dio la rivela personalmente a chi vuole.

 

Troverai quindi il progetto di 9 giorni di preghiera.
L'indirizzo biblico ti è indicato nella prima parte con le Lodi, Vespro e Letture.
L'indirizzo contemplativo di seguito con il suggerimento di formule, impegni.
Tu scegli con semplicità, adattandoti a ciò che ti interessa di più.
In un caso o nell' altro cerca non tanto la cultura ma l'amore.
È sempre la maniera più vera e più sicura per affrontare il divino ritmo della preghiera.

1 GIORNO 
Indirizzo biblico

1 GIORNO 
Indirizzo contemplativo


MARIA, 
SORELLA MIA


Il tema di oggi è Maria nella mia storia. 
È un tentativo. 
Può darsi ti sia facile, può darsi di no. 
Fallo con semplicità. Leggi il primo capitolo del libro dove io racconto la mia esperienza. 
Tu racconta la tua. 
Poi cerca di pregare.

Ti indico due strade:

Lodi: 
Salmo 8
Salmo 13
Cantico di Mosè (Esodo 15, 1-20)

Vespro: 

Salmo 4
Salmo 11
Cantico di Anna (Samuele 2, 1-11)

Letture: 

Genesi 1 
Isaia 59 
Giovanni 1

T'insegno un modo nuovo di adoperare la corona: alla maniera orientale.
Prendi la corona e la scorri sotto le dita. Ad ogni grano di'
AVE MARIA
ogni decina intercali la giaculatoria con l'Ave Maria detta per disteso.
Oppure

« MADRE MIA, FIDUCIA MIA»

oppure
« SIA FATTO DI ME SECONDO LA TUA PAROLA»

In giornata loda Maria così:

O mio unico sollievo, 
divina rugiada, 
refrigerio alla mia arsura, 
pioggia che scende da Dio sull' arido mio cuore, 
lampada risplendente nell' oscurità della mia anima, 
guida del mio cammino,
 
sostegno della mia debolezza, 
abito della mia nudità, 
ricchezza della mia estrema miseria, 
medicina delle insanabili mie ferite, 
termine delle mie lacrime e dei miei gemiti, 
liberazione da ogni sventura, 
sollievo dei miei dolori, 
liberazione dalle mie schiavitù, 
speranza della mia salvezza...

Così sia, o mia Signora; 
così sia, o mio rifugio,
mia vita e mio aiuto,
mia difesa e mia gloria, 
speranza mia e mia fortezza. 

Germano di Costantinopoli
(1)

[1] Questa preghiera e le sei che seguono (eccetto lo Stabat Mater, il Magnificat e Salve o stella del mare) sono tratte da Lodi alla Madonna nel primo millennio delle Chiese d'Oriente e d'Occidente a cura di COSTANTE BERSELLI e GEORGES GHARIB, Edizioni Paoline, Figlie di San Paolo, Roma 1979.

2 GIORNO 
Indirizzo biblico

2 GIORNO 
Indirizzo contemplativa

A VE MARIA

Il tema è l'Annunciazione.

Ho cercato di portare la Madonna il più vicino possibile alla nostra vita.

Annunciazione significa innanzitutto Dio che interviene nella nostra vita: è il Dio con noi.

Significa anche vocazione, chiamata, invito a compiere il nostro Esodo verso la liberazione.


Maria 
ci insegna il coraggio 
e la forza nella fede.

Lodi:
Salmo 16 
Salmo 18 
Cantico di Mosè 
(Deut. 32, 1-43)

Vespro:
Salmo 17 
Salmo 19 
Cantico di Maria 
(Luca 1,46-55)

Letture:
Esodo 17 
Colossesi (tutta) 
Luca 1

 

L'ANGELO DEL SIGNORE PORTÒ L'ANNUNCIO A MARIA
ED ESSA CONCEPÌ PER OPERA DELLO SPIRITO SANTO
ECCO LA SERVA DEL SIGNORE
SIA FATTO DI ME SECONDO LA TUA PAROLA
E IL VERBO DI DIO SI FECE CARNE 
ED ABITÒ TRA DI NOI

A VE MARIA...

Oppure:
Rallegrati o Maria, madre del Signore, perché hai ricevuto la buona novella.
Rallegrati o benedetta fra tutte le donne, 
per ché tutte le generazioni ti cantano beata.

Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la vivono.

Rallegrati o Maria, umile serva del Signore,
perché hai creduto alle sue promesse.
Rallegrati tu che sei colma dell' amore di Dio,
perché di te si rallegra ogni creatura.

Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la vivono.

Rallegrati o Maria, madre del Messia, perché Cristo è risorto dai morti.
Rallegrati, figura della Chiesa, perché Gesù ha fatto di te la Madre dei credenti.

Beati coloro che ascoltano la parola di Dio e la vivono.

Oppure:
Con la Vergine Maria, madre del Signore, la nostra anima magnifica il Signore e trasale di gioia in Gesù nostro salvatore. Benedetto nei secoli il Signore!
Con Maria, la figlia umile di Dio, il nostro cuore canta e grida: 
Dio è con noi! Benedetto nei secoli il Signore!
Con Maria, la serva del Signore, abbandonia mo la nostra vita in Dio e diciamo: sia fatta la sua parola in noi. Benedetto nei secoli il Signore!
Con Maria, donna vestita di sole, diamo al mon do un segno della venuta prossima del Signore. Benedetto nei secoli il Signore!
Con Maria, la madre dell'Emmanuele, lasciamo che il Verbo si faccia carne in noi e ponga noi nella sua tenda.
Benedetto nei secoli il Signore!

Oggi puoi scorrere la corona dicendo a scelta la formula dell' Angelus. Soprattutto questa:
Ecco la serva del Signore
Sia fatto di me secondo la tua parola.

Prima di notte loda Maria così:

Salve, canto dei cherubini
e lode degli angeli.
Salve, pace e gioia
del genere umano.
Salve, giardino di delizie,
salve, o legno della vita.
Salve, baluardo dei fedeli
e porto dei naufraghi.
Salve, richiamo di Adamo,
salve, riscatto di Eva.
Salve, fonte della grazia
e dell'immortalità.
Salve, tempio santissimo,
salve, trono del Signore.

Salve, o casta, che hai schiacciato
la testa del drago
precipitandolo nell' abisso.
Salve, rifugio degli ,afflitti,
salve, riscatto della maledizione.
Salve, o Madre del Cristo,
Figlio del Dio vivo,
cui conviene gloria, onore,
adorazione e lode
ora e sempre e dappertutto.
Amen e nei secoli.

Efrem Siro

3 GIORNO
Indirizzo biblico

3 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

DIO MIO, FIGLIO MIO

Dio nasce in Maria e nasce nella nostra realtà. È il capovolgimento 
di tutti i valori. L'infinitamente lontano diviene 
l'infinitamente vicino. 
È l'intimità che si sostituisce alla paura, nasce la confidenza.

Il massimo è poter dire a Dio: « Figlio mio », cioè aver avuto il coraggio di generarlo nella fede.

Lodi: 
Salmo 23 
Salmo 26 
Cantico di Giona 
(Giona 2, 3-10)

Vespro:
Salmo 25 
Salmo 24 
Cantico di Maria 
(Luca 1,46-55)

Letture:
Isaia 35 
Giovanni 13 
Luca 2

Oggi riempi gli spazi vuoti della tua giornata 
scorrendo il tuo rosario all'«orientale» con la formula:

DIO MIO, FIGLIO MIO

pensando in verità che la fede ha il potere di « generare» Dio nella tua vita sotto il grido della tua fede - della tua speranza - del tuo amore.

LODE

Salve, madre della gioia celeste
Salve, tu che alimenti in noi un gaudio sublime, 
Salve, sede della gioia che salva,
Salve, tu che ci offri la gioia perenne,
Salve, o mistico luogo della gioia ineffabile, 
Salve, o campo degnissimo della gioia indicibile.
Salve, o sorgente beata della gioia infinita, 
Salve, o tesoro divino della gioia senza fine, 
Salve, o albero ombroso della gioia che dà vita, 
Salve, o Madre di Dio, non sposata,
Salve, o Vergine, dopo il parto integerrima, 
Salve, spettacolo mirabile, al disopra di ogni prodigio.

Chi potrebbe descrivere il tuo splendore?
Chi potrebbe raccontare il tuo mistero?
Chi sarebbe capace di - proclamare la tua grandezza?

Tu hai ornato la natura umana,
Tu hai superato le legioni angeliche...
Tu hai superato ogni creatura...
Noi ti acclamiamo: Salve, o piena di grazia! 


Sofronio di Gerusalemme

4 GIORNO 
Indirizzo biblico

IV GIORNO 
Indirizzo contemplativo

IL CAOS 
DELLA STORIA

Oggi mediterai sulla debolezza di un Dio che rinuncia alla sua onnipotenza per entrare nella storia e accettarne le conseguenze.
Il massacro degli Innocenti è il sunto di un inesplicabile caos che Gesù accetta per salvare gli uomini, ma è anche il segno che la volontà di Dio si compie al di là e nonostante la prepotenza dell'uomo.

Lodi:
Salmo 28 
Salmo 30 
Cantico di Abacuc 
(Abacuc 3)

Vespro:
Salmo 29 
Salmo 31 
Cantico dei tre fanciulli 
(Daniele 3,52-90)

Letture:
Geremia 9 
Osea 2 
Luca 15

Oggi la tua giaculatoria è:

TUTTO È POSSIBILE A DIO

 

LODE:

L'anima mia glorifica il Signore
e il mio spirito esulta di gioia 
in Dio mio salvatore. 
Perché ha rivolto i suoi sguardi 
all'umiltà della sua ancella.
Ecco, da questo momento, 
tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Poiché grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente; 
Santo è il suo nome.
E la sua misericordia si estende di età in età 
su coloro che lo temono.
Egli ha compiuto un prodigio col suo braccio, 
ha disperso gli orgogliosi e i disegni da loro concepiti. 
Ha rovesciato i potenti dai loro troni 
e ha innalzato gli umili.
Ha saziato di beni gli affamati 
e ha rimandato i ricchi a mani vuote.
Ha soccorso Israele suo servo, 
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva predetto ai nostri Padri,
a favore di Abramo e della sua discendenza 
per sempre.

Luca 1, 46-55

 

5 GIORNO 
Indirizzo biblico

5 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

NAZARET

La meditazione su N azaret è abissale ed è la più vicina alla tua, alla mia vita.

N azaret è il modo di vivere su questa terra sotto l'azione della fede. Nazaret significa Dio con noi, significa la divinizzazione delle cose semplici come il lavoro, i rapporti umani. Significa preghiera ventiquattr'ore su ventiquattro.

Guarda che è fondamentale questa giornata.

Lodi:
Salmo 33 
Salmo 37 
Cantico 
(Colossesi 2, 6-11)

Vespro:
Salmo 34 
Salmo 39 
Cantico del Siracide 
(Siracide 42-43)

Letture:
Isaia 53 
Lettera Efesini 
Luca 4

 

Oggi potresti tentare di dire il rosario. 
Lo sai come è il rosario della tradizione.
Annunci il Mistero e poi reciti 10 volte l'A VE MARIA.

Ti segno qui i 5 misteri gaudiosi:
1) L'Annunciazione
2) La visita ad Elisabetta
3) La nascita di Gesù
4) La presentazione al Tempio
5) li ritrovamento di Gesù

LODE

Salve, o stella del mare, 
gloriosa madre di Dio;
o Vergine santa, Maria,
o porta spalancata sul cielo!
L'angelo che il cielo ti manda porta un messaggio di Dio. 
Tu lo accogli:
cambia allora il destino di Eva e al mondo sorride la pace.
Spezza le catene di ogni oppressione, 
offri la tua luce a chi non vede,
allontana il male da ogni uomo, 
chiedi per ciascuno tutto il bene.
Sentano tutti che sei nostra madre. 
Presenta tu a Cristo
le nostre preghiere;
ed egli, che si è fatto tuo Figlio, 
clemente le accolga.
Vergine eccelsa, dolce e amata, liberaci dalle nostre colpe,
rendici umili e puri.
Donaci giorni tranquilli,
veglia sul nostro cammino
fino a che incontreremo il tuo Figlio, lieti nel cielo.

Inno popolare del secolo IX

 

6 GIORNO 
Indirizzo biblico

6 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

FATE QUELLO CHE VI DIRÀ

 

È la meditazione sull'impegno, sull'apostolato, sul servizio.

Che cos'è l'apostolato? È fare ciò che ci dice ìl Cristo. Non un vuoto agitarsi. Maria ci aiuta a stare vicino a Gesù e a provocarlo con la nostra preghiera e forzargli la mano con la nostra carità.

Lodi:
Salmo 40 
Salmo 46 
Cantìco 
(Isaia 26, 9-21)

Vespro:
Salmo 42 
Salmo 47 
Cantico di Maria 
(Luca 1, 46-55)

Letture:
Esodo 19-20 
Ezechiele 34 
Giovanni 15

Potresti scorrere oggi il tuo rosario all'« o rientale » con giaculatoria sull' apostolato.

È ìl tema del giorno:

- PADRE - MANDA OPERAI NELLA TUA MESSE
- PADRE - SAL VACI SIAMO PERDUTI
- PADRE - VENGA IL TUO REGNO

Ecco la LODE serale:

O Maria, vastìtà del cielo,
fondamento della terra,
profondità dei mari, luce del sole,
bellezza della luna,
splendore delle stelle del cielo...
Il tuo seno portò Iddio
dalla cui maestà l'uomo è intimorito.
Il tuo grembo contenne il carbone ardente. 
Le tue ginocchia sostennero il leone,
la cui maestà è terribile.
Le tue mani toccarono
Colui che è intoccabile
e il fuoco della divinità che è in lui.
Le tue dita somigliano alle molle incandescenti con le quali il profeta ricevette il carbone dell' oblazione celeste.
Tu sei il canestro di questo pane di ardente fiamma
e il calice di questo vino.
O Maria, che produci nel tuo seno
il. frutto dell' oblazione...
ti preghiamo insistentemente
perché ci custodisca dal nemico che ci insidia
e perché, come non si divide
la misura dell' acqua dal vino,
così noi non ci separiamo da te e dal tuo Figlio, Agnello di salvezza.

Anafora etiopica

7 GIORNO 
Indirizzo biblico

7 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

IL MORIRE 
DI GESÙ

Questa è la meditazione fondamentale per capire il pensiero intimo di Gesù. 


E la scoperta del Volto del Servo sofferente delineato da Isaia e realizzato dal Cristo.

Capire o non capire questo atteggiamento significa entrare o non entrare nella Buona Novella del Vangelo.

 

Lodi:
Salmo 22 
Salmo 51 
Cantico Zaccaria 
(Luca 1, 68-79)

Vespro:
Salmo 55 
Salmo 57
Cantico del Servo 
(Isaia 49)

Letture:
Geremia 14-15
Isaia 53
Giovanni 18-19

 

Potresti impegnarti con la recita del rosario sui misteri dolorosi:
1) Il Getsemani
2) La flagellazione
3) L'incoronazione di spine
4) La condanna
5) La morte di Gesù sulla croce.

Se vuoi recitare il rosario alla maniera orienta le, 
eccoti alcune giaculatorie:

Padre
- non la mia volontà ma la tua si faccia
Dio mio
- perché mi hai abbandonato.

ST ABAT MATER

Addolorata, in pianto 
la Madre sta presso la Croce da cui pende il Figlio.
Immersa in angoscia mortale geme nell'intimo del cuore 
trafitto da spada.
Quanto grande è il dolore della benedetta fra le donne, 
Madre dell'Unigenito!
Piange la Madre pietosa contemplando le piaghe del divino suo Figlio.
Chi può trattenersi dal pianto davanti alla Madre di Cristo 
in tanto tormento?
Chi può non provare dolore davanti alla Madre
che porta la morte del Figlio?
Per i peccati del popolo suo ella vede Gesù 
nei tormenti del duro supplizio.
Per noi ella vede morire il dolce suo Figlio, solo, nell'ultima ora.
O Madre, sorgente di amore, fa' ch'io viva il tuo martirio, 
fa' ch'io pianga le tue lacrime.
Fa' che arda il mio cuore nell' amare il Cristo-Dio, per essergli gradito.
Ti prego, Madre santa: siano impresse nel mio cuore 
le piaghe del tuo Figlio.
Uniscimi al tuo dolore per il Figlio tuo divino che per me ha voluto patire.
Con te lascia ch'io pianga il Cristo crocifisso finché avrò vita.
Restarti sempre vicino piangendo sotto la croce: questo desidero.
O Vergine santa tra le vergini, non respingere la mia preghiera, e accogli il mio pianto di figlio.
Fammi portare la morte di Cristo, partecipare ai suoi patimenti, 
adorare le sue piaghe sante.
Ferisci il mio cuore con le sue ferite, stringimi alla sua croce, 
inèbriami del suo sangue.
Nel suo ritorno glorioso rimani, o Madre, al mio fianco, 
salvami dall' eterno abbandono.
O Cristo, nell' ora del mio passaggio fa' che, per mano a tua Madre, io giunga alla mèta gloriosa.
Quando la morte dissolve il mio corpo aprimi, Signore, 
le porte del cielo, accoglimi nel tuo regno di gloria.

VIII GIORNO 
Indirizzo biblico

8 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

È RISORTO

 

Cosa significa per me credere che Cristo è risorto dai morti?
Maria te lo dice.
Usciamo dalla retorica e dal sentimentalismo o dal fideismo ed entriamo decisamente nella dinamica della fede, della speranza e della carità, che sono il vero terreno dove si realizza giorno per giorno la Risurrezione di Gesù.

Lodi: 
Salmo 62 
Salmo 68 
Cantico 
(Ezechiele 37, 1-15)

Vespro:
Salmo 66 
Salmo 84
Cantico 
(Apocalisse 5, 1-13)

Letture: 
Giona (tutto)
Apocalisse 21-22
Luca 24

 

Se sgrani oggi il tuo rosario alla maniera orien tale di':

Cristo Gesù è risorto
è veramente risorto

e dillo fino a che senti la bocca asciutta.

E prima di notte loda Maria così:

O Vergine, da te,
come da montagna non tagliata,
fu staccato Cristo, la pietra angolare 
che ha unito le nature divise.
Per questo ci rallegriamo
e ti magnifichiamo, o Teotòkos!
Venite, ricordiamo con cuore puro e animo sobrio 
la Figlia del Re, lo splendore della Chiesa,
più brillante dell' oro,
e magnifichiamola!
Salve! e gioisci, o Sposa del gran Re, 
tu che rifletti splendidamente
la bellezza del tuo sposo,
ed esclami con il tuo popolo:
O Datare della vita,
ti magnifichiamo!
O Salvatore, dona il tuo celeste aiuto alla tua Chiesa;
essa non riconosce altro Dio
e liberatore all'infuori di te,
che hai dato la tua vita per essa
e ti glorifica in conoscenza.
Accetta le suppliche del tuo popolo,
o Vergine Madre di Dio,
ed intercedi senza posa presso tuo Figlio, affinché liberi noi che ti lodiamo
dai pericoli e tentazioni.
Tu sei infatti la nostra ambasciatrice
e la nostra speranza.

Andrea di Creta

9 GIORNO 
Indirizzo biblico

9 GIORNO 
Indirizzo contemplativo

CON MARIA

 

Lodi:
Salmo 89
Salmo 103
Cantico della Gerusalemme Celeste 
(Apocalisse 21)

 

Vespro: 
Salmo 91
Salmo 104
Cantico di Maria 
(Luca 1,46-55)

 

Letture:
Isaia 42
Lettera ai Filippesi 
Giovanni 17

 

Eccoci alla conclusione del breve ritiro di 9 giorni fatto in compagnia di Maria. Devi scegliere, meglio, forgiare la tua giaculatoria fondamentale, il tuo «segreto» che d'ora innanzi ripeterai come espressione d'amore quando t'incontrerai con Lui. Vedrai che ti aiuterà a raggiungere la «preghiera continua ».

A Compieta recita:

Lasciamoci guidare dalle parole di Gabriele, cittadino del cielo, e diciamo: Salve, o piena di grazia, il Signore è con te!
Ripetiamo con lui: Salve
, o nostra tanto bramata letizia!
Salve, o esultanza della Chiesa!
Salve, o nome pieno di profumo!
Salve, o viso illuminato dalla luce di Dio
e che emana bellezza!
Salve, o memoriale tutto di venerazione!
Salve, o vello salutare e spirituale!
Salve, o chiara madre della luce nascente!
Salve, o intemerata madre della santità! 
Salve, o fonte zampillante d'acqua viva! 
Salve, o madre novella e modellatrice della nuova nascita!
Salve, o madre piena di mistero e inspiegabile! ... 
Salve, o vaso d'alabastro dell'unguento di santificazione!
Salve, tu che valorizzi la verginità!
Salve, o modesto spazio, che ha accolto in sé Colui che il mondo non può contenere! 


Teodoto di Ancyra