ESERCIZI DI SCRITTURA     Ballata delle cose piccine     POESIE

Guardaci dai, siam le cose piccine
Senza attenzione vederci non puoi
Ma se rallenti, se non t’affretti
Ecco che cosa scoprire potrai:

della prima rugiada una gocciolina
una formica sulla panchina
la piuma sottile di un passerotto
un pezzettino di vetro rotto

l’artiglio di un gatto sfuggito a un agguato
il giorno più corto dell’anno passato
il passo furtivo di un topolino
un seme di sesamo sopra un panino

un picciolo di mela
un chicco di grano
un fiocco di neve
che scende giù piano

di pane una briciola sulla tovaglia
un anello di latta, un filo di paglia
una lacrima, un grillo, un fiore d’Aprile
un momento qualunque, una parola gentile,

il tappo metallico di una bottiglia
un frullar d’ali un batter di ciglia
l’odore di latte di un bimbo piccino
la prima parola, il primo dentino.

Un bottone scucito
Del miele su un dito
Un biscotto glassato
Un bacio ben dato

Un abbraccio sincero,
un sorriso vero
una stretta di mano
un frutto su un ramo.

un guscio di noce che fa da barchetta
un granello di sabbia, una biglia perfetta,
una pozzanghera col riflesso del sole,
quel che non riesci ad esprimere con le parole.

Siam cose piccine, ma molto importanti
Siam luce che illumina tanti momenti
Sembriam quasi niente, ma non t’ingannare!
Fin dentro ad un sogno ti possiam portare.

Siam cose piccine, ma se ci dai retta
La vita non sembrerà più così stretta
Per trovarci non devi andare lontano
ti basta guardare nella tua mano!

( ANNA BOCCIA )