PICCOLI GRANDI LIBRI   Andrewes - Newman  PREGHIERE
HO PENSATO A TE, SIGNORE
Preghiamo
con John Henry Newman
Traduzione di Clarissa Demarcus e Angelo Colacrai

      Presentazione      
PRIMO GIORNO SECONDO GIORNO TERZO GIORNO QUARTO GIORNO QUINTO GIORNO SESTO GIORNO SETTIMO GIORNO
Creatore della luce
Risuscitaci a novità di vita
Signore misericordioso e gentile
Ricorda di che sono fatto
Per amore del tuo nome
Non dimentico i miei peccati
Signore, non mi sgridare
Abbi misericordia di me, o Dio
Alzerò le mie mani
Credo, Signore, in te
Aiuta la mia incredulità
Speranza di tutta la terra
Signore dei morti e dei vivi
Signore della messe
Signore dei signori
Tu che stabilisci ogni autorità
Dio nostro e dei nostri figli
Unica è la tua compassione
Mi affido a te
In alto i cuori
Te che le stelle inneggiano
Benedetto sii tu, Signore
Confesserò i miei peccati
Pietà di me, figlio di Davide
Allontana da me il male
Concedimi, o Dio
Credo in Dio
Dio creatore, ascoltaci
Dio salvatore, ascoltaci
Dio amore, ascoltaci
Dio di misericordia, ascoltaci
Benedirò il Signore

 

 

 

 

All'aurora ti cerco
Sii misericordioso verso di me
Cerco il tuo volto
Ascolta, Signore, e abbi pietà
Ricordati, Signore
Perfeziona in me i tuoi doni
Guida i nostri passi
Credo
Signore, concedi benedizioni
Tu, Signore, sii lodato in Sion
L'anima mia loda te, Signore
Gloria a te, Signore

 

 

 

 

Ho pensato a te, Signore
Signore, sei tu nostro padre
Per amore del tuo nome
Concedimi il pentimento
Signore salvami
Difendimi, o Dio
Concedimi, o Dio
Credo la santa Trinità
Eccellente è la tua bontà
Apri la tua mano
Ricordati d'ogni cristiano
Concedi a tutti pace profonda
Nell'immensa tua compassione
Di tutto il tuo popolo ricordati
Concedi pace e amore
Il tuo splendore brilli su noi
Lode a te di eternità in eternità


 

Benedetto sii tu, Signore
Convertici, Signore, a te
Porgimi l'orecchio e ascolta Fammi grazia, Signore
Credo che egli c'è
Signore della pace
Con Maria tua madre
Per la grazia del Signore Gesù
Cristo
Signore, mio Signore
Cosa renderò al Signore?

 

 

 

 

Fin dal mattino a te la mia preghiera
Sii benedetto per il seme che dà vita
T'ho resistito, Signore
Hai risollevato la mia vita Guardami, Signore
Volgiti a me, Dio
Per la tua grazia, o Dio
O Cristo, santificami
Credo che tu m'hai creato
Prego per tutti i fratelli in Cristo
Sia benedetto il tuo nome
Tu sei degno, o Signore

 

 

 

 

Signore, sii benigno con noi
Elevo a te il mio volto
Sei il Dio dei penitenti
Gesù maestro, abbi misericordia
Signore, perdono
Signore, facci dono
Credo in te, Padre Figlio Spirito
Santo
Re del cielo
A Dio sia gloria
Benedetto, lodato, celebrato Tu solo sei il Santo
Dio sarà il nostro Dio, alleluia

 

 

 

SECONDO GIORNO

Dio disse: «Sia il firmamento in mezzo alle acque
per separare le acque dalle acque ».
Dio fece il firmamento e separò le acque che sono sotto il firmamento,
dalle acque che son sopra il firmamento.
E così avvenne. Dio chiamò il firmamento cielo.
E fu sera e fu mattina: secondo giorno.
(Gn 1,6-8)

BENEDETTO SII TU, SIGNORE

Dovrai sentire ancora la mia voce,
Signore,
sin dal mattino presto
dirigerò a te le orazioni
e guarderò in alto.

Benedetto sii tu,
Signore mio,
che facesti il firmamento del cielo,
e un cielo di cieli,
e potenze altissime,
e angeli, arcangeli,
cherubini, serafini,
e oceani sopra i cieli,
e foschie
ed evaporazioni sulla terra,
per gli acquazzoni, le rugiade,
la grandine, la neve come lana,
la brina come cenere,
il ghiaccio a cubetti,
le nubi per confini della terra,
e lampi, tuoni, venti gagliardi
che tiri fuori dalle tue riserve,
e le tempeste;
e tutte le acque sulla terra,
per bere e per bagnarci.

 


CONFESSERÒ I MIEI PECCATI

Confesserò i miei peccati
e le colpe dei miei padri,
poiché ti ho oltrepassato
e trascurato, Signore,
camminando tortuosamente davanti a te.

Non rappresentarti, Signore, i miei misfatti,
e la mia vita non scrutarla
alla luce del tuo volto,
perdona invece l'iniquità del tuo servo,
a misura della tua infinita misericordia;
poiché sei stato generoso con me
sin da bambino,
e sempre fino a oggi.
Ho peccato, cosa farò vicino a te,
custode di ogni vita umana?
Perché mi poni a bersaglio della tua ira,
sì che io diventi peso a me stesso?
Perdona invece la mia trasgressione
e scaccia la mia malizia.
 

 

PIETÀ DI ME, FIGLIO DI DAVIDE

Trattienimi dal franare nell'abisso,
perché un riscatto per me tu l 'hai trovato.
Pietà di me, Figlio di Davide,
Signore, aiutami.
Sì, Signore,
perfino i cagnolini mangiano le briciole
che cadono dalla mensa del padrone.
Pazienza con me, Signore,
ancora non ho di che ripagarti,
lo confesso;
ma perdonami l'intero debito,
te ne supplico.

Per quanto tempo vorrai dimenticarmi,
Signore? Per sempre?
Per quanto tempo vorrai nascondermi
il tuo volto?
Per quanto ancora dovrò consigliarmi
con la mia anima
e affliggermi interiormente giorno e notte?
Per quanto i miei nemici
festeggeranno a mie spese?
Pensaci e ascoltami, Signore Dio,
tieni i miei occhi aperti,
ché io non m'appesantisca
nel sonno della morte,
per timore che il mio nemico dica:
Ho vinto io contro di lui,
poiché se crollo, quelli che mi emarginano
se ne rallegreranno;
la mia fiducia è però
nella tua misericordia.

 


ALLONTANA DA ME IL MALE

Allontana da me
1. ogni iniquità, superstizione spiritica e ipocrisia,
2. il culto di idoli, di personalità,
3. i giuramenti affrettati e le bestemmie,
4. negligenza e incuria in chiesa,
5. alterigia e avventatezza,
6. conflitti e rancori,
7. licenziosità e corruzione,
8. indolenza e frode,
9. menzogna e parolacce,
10. ogni comunicazione maligna,
ogni pensiero osceno,
ogni desiderio meschino,
ogni pensiero scadente.

 

CONCEDIMI, O DIO

Concedimi
1. di essere religioso e devoto,
2. di adorarti e servirti,
3. di benedire e attestare la verità,
4. di confessare con proprietà di linguaggio la fede,
5. affetto e obbedienza,
6. pazienza e calma,
7. sobrietà e purezza,
8. contentezza e bontà,
9. verità e incorruttibilità,
10. pensieri buoni,
perseveranza fino alla fine.
 

 

CREDO IN DIO

Credo in Dio
l. il Padre, Onnipotente,
Creatore di cielo e terra.
2. E in Gesù Cristo,
suo Figlio Unigenito, nostro Signore,
concepito dallo Spirito santo,
nato dalla sempre vergine Maria,
che patì sotto Ponzio Pilato,
fu crocifisso,
morì,
fu sepolto,
discese agli inferi,
è risuscitato dai morti,
è asceso al cielo,
è assiso alla destra del Padre,
per ritornare di là
a giudicare vivi e morti.
3. E nello Spirito santo,
la santa Chiesa
cattolica,
la comunione dei santi,
la remissione dei peccati,
la risurrezione della carne,
la vita eterna.
E ora, Signore, qual è la mia speranza?
Davvero la mia speranza
è ancor sempre in te;
in te, Signore, ho confidato,
che non rimanga mai deluso.

 

DIO CREATORE, ASCOLTACI

Preghiamo Dio,
per tutto il creato;
per i frutti delle stagioni,
sane, feconde, pacifiche;
per tutta la specie umana;
per i non cristiani;
per la conversione degli atei,
dei senza Dio;
i gentili, i musulmani e gli ebrei;
per tutti i cristiani;
per il rinnovamento di tutti quelli
che languiscono in errori e peccati;
per la confermazione di tutti quelli
a cui sono state donate
verità e grazia;
per il soccorso e il conforto
di tutti quelli che sono scoraggiati,
gli infermi, gli stressati,
gli instabili di umore,
uomini e donne;
per la gratitudine e la sobrietà
di tutti coloro
che sono robusti e sani,
prosperi, calmi,
uomini e donne.

 


DIO SALVATORE, ASCOLTACI

Per la Chiesa cattolica
per la sua stabilità e la sua crescita;
per l'Oriente,
per la sua liberazione e unità;
per l'Occidente,
per la sua riorganizzazione e la pace;
per l' episcopato, il presbiterato
e il popolo cristiano;
per tutti gli stati del mondo;
per le nazioni cristiane,
per i lontani e i vicini,
per noi,
per i nostri governanti;
per quelli che occupano un posto
di responsabilità in tribunale,
per i parlamentari e i magistrati,
per l'esercito e la polizia,
per impiegati e funzionari,
per i contadini, gli allevatori,
i pescatori, i commercianti,
per i tecnici e i metalmeccanici
fino ai manovali e ai più poveri,
per la nuova generazione che cresce;
per professori e studenti universitari,
per le scuole di città e di paese,
per gli apprendisti artigiani.

 


DIO AMORE, ASCOLTACI

Per quelli che hanno diritti
su di me per parentela,
per fratelli e sorelle:
che la benedizione di Dio scenda
su tutti loro, e i loro figli;
per i benefici conferitimi,
che la tua ricompensa raggiunga tutti
quelli che mi hanno fatto del bene,
che mi hanno assistito nella vita
di tutti i giorni;
o per la fiducia che hanno riposto in me,
per tutti quelli che ho educato,
per tutti quelli che ho ordinato preti:
per la mia diocesi, la mia parrocchia,
per il clero, la gente, i collaboratori,
i gruppi per la caritas diocesana,
o a motivo di riconoscenza,
per quelli che mi amano,
anche se non li conosco;
o a motivo dell'amore di Cristo,
per quelli che mi odiano senza ragione,
alcuni anche a ragione della verità
e della rettitudine;
o a motivo dell' amore del prossimo, per i vicini di casa,
in pace e rispetto;
o a motivo di promesse,
per coloro ai quali ho detto di ricordarli nelle mie preghiere;
o a motivo dei doveri di stato,
per tutti coloro che mi ricordano nelle loro preghiere,
e mi chiedono di fare lo stesso;
o a motivo dell'ansia per i tanti impegni,
per quelli che per motivi presunti trascurano di rivolgersi a te;
per quelli che non hanno intercessori,
per coloro che ora sono in lotta
con necessità estreme
o profonde afflizioni;
per quelli che tentano sempre
di fare opere buone
a gloria del nome di Dio
o un qualche bene grande alla Chiesa.

 

 

DIO DI MISERICORDIA, ASCOLTACI

Per quelli che trattano con dignità
sia le cose sacre sia i poveri;
per coloro che ho offeso
sia a parole sia a fatti.

Dio abbia misericordia di me e mi benedica;
mi mostri la luce del suo volto
e abbia pietà di me.

Dio, benedicimi, tu ancora nostro Dio,
benedicimi e accogli la mia preghiera;
dirigi i miei passi ai tuoi comandamenti,
santificami l'anima,
purificami il corpo,
correggi miei pensieri,
monda i miei desideri,
anima e corpo, mente e spirito,
cuore e reni

Rinnovami dentro e fuori, mio Dio,
poiché, se vuoi, lo puoi.


 

BENEDIRÒ IL SIGNORE

Il Signore, il Signore Dio,
misericordioso e compassionevole,
paziente e ricco di pietà, giusto,
benigno per migliaia d'anni,
che cancella iniquità, empi età
e peccati di ogni tipo;
che non disobbliga il colpevole,
ma punisce le colpe dei padri nei figli.
Benedirò il Signore in ogni tempo,
la sua lode sia sempre sulla mia bocca.
Gloria a Dio altissimo
e in terra pace e bontà verso tutti.