DICEMBRE 2010

DIARIO

  FEBBRAIO 2011

Gennaio 2011

Compendio del Catechismo

.

1 S

364. Quale relazione esiste tra libertà e responsabilità?

2 X

365. Perché ogni uomo ha diritto all'esercizio della libertà?

3 L

366. Come si colloca la libertà umana nell'ordine della salvezza?

4 m

367. Quali sono le fonti della moralità degli atti umani? 

5 M

368. Quando l'atto è moralmente buono? 

6 G

369. Vi sono atti che sono sempre illeciti?

7 V

370. Che cosa sono le passioni? 

8 S

371. Le passioni sono moralmente buone o cattive? 

9 X

372. Che cos'è la coscienza morale? 

10 L

373. Che cosa implica la dignità della persona nei confronti della coscienza morale? 

11 m

374. Come si forma la coscienza morale perché sia retta e veritiera? 

12 M

375. Quali norme la coscienza deve sempre seguire? 

13 G

376. La coscienza morale può emettere giudizi erronei? 

14 V

377. Che cos'è la virtù?

15 S

378. Che cosa sono le virtù umane?

16 X

379. Quali sono le virtù umane principali?

17 L

380. Che cos'è la prudenza?

18 m

381. Che cos'è la giustizia?

19 M

382. Che cos'è la fortezza?

20 G

383. Che cos'è la temperanza?

21 V

384. Che cosa sono le virtù teologali?

22 S

385. Quali sono le virtù teologali?

23 X

386. Che cos'è la fede?

24 L

387. Che cos'è la speranza?

25 m

388. Che cos'è la carità?

26 M

389. Che cosa sono i doni dello Spirito Santo?

27 G

390. Che cosa sono i frutti dello Spirito Santo?

28 V

391. Che cosa comporta per noi l'accoglienza della misericordia di Dio?

29 S

392. Che cos'è il peccato?

30 X

393. Esiste una varietà dei peccati?

31 L

394. Come si distingue il peccato, quanto alla gravità?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

364. Quale relazione esiste tra libertà e responsabilità?

La libertà rende l'uomo responsabile dei suoi atti nella misura in cui sono volontari, anche se l'imputabilità e la responsabilità di un'azione possono essere sminuite e talvolta annullate dall'ignoranza, dall'inavvertenza, dalla violenza subita, dal timore, dagli affetti smodati, dalle abitudini.

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

365. Perché ogni uomo ha diritto all'esercizio della libertà?

Il diritto all'esercizio della libertà è proprio d'ogni uomo, in quanto è inseparabile dalla sua dignità di persona umana. Pertanto tale diritto va sempre rispettato, particolarmente in campo morale e religioso, e deve essere civilmente riconosciuto e tutelato nei limiti del bene comune e del giusto ordine pubblico.

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

p

 

 

366. Come si colloca la libertà umana nell'ordine della salvezza?

La nostra libertà è indebolita a causa del primo peccato. L'indebolimento è reso più acuto dai peccati successivi. Ma Cristo «ci ha liberati perché restassimo liberi» (Gal 5, 1). Con la sua grazia lo Spirito Santo ci conduce alla libertà spirituale, per farci suoi liberi collaboratori nella Chiesa e nel mondo.

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

p

 

 

367. Quali sono le fonti della moralità degli atti umani?

La moralità degli atti umani dipende da tre fonti: dall'oggetto scelto, ossia un bene vero o apparente; dall'intenzione del soggetto che agisce, e cioè dal fine per cui egli compie l'azione; dalle circostanze dell'azione, ivi comprese le conseguenze.

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

p

 

 

368. Quando l'atto è moralmente buono?

L'atto è moralmente buono quando suppone ad un tempo la bontà dell'oggetto, del fine e delle circostanze. L'oggetto scelto può da solo viziare tutta un'azione, anche se l'intenzione è buona. Non è lecito compiere il male perché ne derivi un bene. Un fine cattivo può corrompere l'azione, anche se il suo oggetto, in sé, è buono. Invece un fine buono non rende buono un comportamento che per il suo oggetto è cattivo, in quanto il fine non giustifica i mezzi. Le circostanze possono attenuare o aumentare la responsabilità di chi agisce, ma non possono modificare la qualità morale degli atti stessi, non rendono mai buona un'azione in sé cattiva.

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

369. Vi sono atti che sono sempre illeciti?

Vi sono atti, la cui scelta è sempre illecita a motivo del loro oggetto (ad esempio la bestemmia, l'omicidio, l'adulterio). La loro scelta comporta un disordine della volontà, cioè un male morale, che non può essere giustificato con il ricorso ai beni che eventualmente ne potrebbero derivare.

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

370. Che cosa sono le passioni?

Le passioni sono gli affetti, le emozioni o i moti della sensibilità - componenti naturali della psicologia umana - che spingono ad agire o a non agire in vista di ciò che è percepito come buono o come cattivo. Le principali sono l'amore e l'odio, il desiderio e il timore, la gioia, la tristezza, la collera. Passione precipua è l'amore, provocato dall'attrattiva del bene. Non si ama che il bene, vero o apparente.

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

371. Le passioni sono moralmente buone o cattive?


Le passioni, in quanto moti della sensibilità, non sono né buone né cattive in se stesse: sono buone quando contribuiscono ad un'azione buona; sono cattive in caso contrario. Esse possono essere assunte nelle virtù o pervertite nei vizi.

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

372. Che cos'è la coscienza morale?

La coscienza morale, presente nell'intimo della persona, è un giudizio della ragione, che, al momento opportuno, ingiunge all'uomo di compiere il bene e di evitare il male. Grazie ad essa, la persona umana percepisce la qualità morale di un atto da compiere o già compiuto, permettendole di assumerne la responsabilità. Quando ascolta la coscienza morale, l'uomo prudente può sentire la voce di Dio che gli parla.

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

373. Che cosa implica la dignità della persona nei confronti della coscienza morale?

La dignità della persona umana implica la rettitudine della coscienza morale (che cioè sia in accordo con ciò che è giusto e buono secondo la ragione e la Legge divina). A motivo della stessa dignità personale, l'uomo non deve essere costretto ad agire contro coscienza e non si deve neppure impedirgli, entro i limiti del bene comune, di operare in conformità ad essa, soprattutto in campo religioso.

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

374. Come si forma la coscienza morale perché sia retta e veritiera?

La coscienza morale retta e veritiera si forma con l'educazione, con l'assimilazione della Parola di Dio e dell'insegnamento della Chiesa. È sorretta dai doni dello Spirito Santo e aiutata dai consigli di persone sagge. Inoltre giovano molto alla formazione morale la preghiera e l'esame di coscienza.

 

 

 

 


 

 
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

375. Quali norme la coscienza deve sempre seguire?

Ce ne sono tre più generali: 1) non è mai consentito fare il male perché ne derivi un bene; 2) la cosiddetta Regola d'oro: « Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro» (Mt 7,12); 3) la carità passa sempre attraverso il rispetto del prossimo e della sua coscienza, anche se questo non significa accettare come un bene ciò che è oggettivamente un male.

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

376. La coscienza morale può emettere giudizi erronei?

La persona deve sempre obbedire al giudizio certo della propria coscienza, ma può emettere anche giudizi erronei, per cause non sempre esenti da colpevolezza personale. Non è però imputabile alla persona il male compiuto per ignoranza involontaria, anche se esso resta oggettivamente un male. È quindi necessario adoperarsi per correggere la coscienza morale dai suoi errori.

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

377. Che cos'è la virtù?

La virtù è una disposizione abituale e ferma a fare il bene. «Il fine di una vita virtuosa consiste nel divenire simile a Dio» (san Gregorio di Nissa). Vi sono virtù umane e virtù teologali.

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

378. Che cosa sono le virtù umane?

Le virtù umane sono perfezioni abituali e stabili dell'intelligenza e della volontà, che regolano i nostri atti, ordinano le nostre passioni e indirizzano la nostra condotta in conformità alla ragione e alla fede. Acquisite e rafforzate per mezzo di atti moralmente buoni e ripetuti, sono purificate ed elevate dalla grazia divina.

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

379. Quali sono le virtù umane principali?

Sono le virtù denominate cardinali, che raggruppano tutte le altre e che costituiscono i cardini della vita virtuosa. Esse sono: prudenza, giustizia, fortezza e temperanza.

 

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

 

380. Che cos'è la prudenza?

La prudenza dispone la ragione a discernere, in ogni circostanza, il nostro vero bene e a scegliere i mezzi adeguati per attuarlo. Essa guida le altre virtù, indicando loro regola e misura.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

381. Che cos'è la giustizia?

La giustizia consiste nella volontà costante e ferma di dare agli altri ciò che è loro dovuto. La giustizia verso Dio è chiamata «virtù della religione».

 

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

382. Che cos'è la fortezza?

La fortezza assicura la fermezza nelle difficoltà e la costanza nella ricerca del bene, giungendo fino alla capacità dell'eventuale sacrificio della propria vita per una giusta causa.

 

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

383. Che cos'è la temperanza?

La temperanza modera l'attrattiva dei piaceri, assicura il dominio della volontà sugli istinti e rende capaci di equilibrio nell'uso dei beni creati.

 

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

384. Che cosa sono le virtù teologali?

Sono le virtù che hanno come origine, motivo e oggetto immediato Dio stesso. Infuse nell'uomo con la grazia santificante, esse rendono capaci di vivere in relazione con la Trinità e fondano e animano l'agire morale del cristiano, vivificando le virtù umane. Sono il pegno della presenza e dell'azione dello Spirito Santo nelle facoltà dell'essere umano.

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

385. Quali sono le virtù teologali?

Le virtù teologali sono la fede, la speranza e la carità.

 

 

 

 

 

 

 

  

 
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

386. Che cos'è la fede?

La fede è la virtù teologale per la quale noi crediamo a Dio e a tutto ciò che egli ci ha rivelato e che la Chiesa ci propone di credere, perché Dio è la stessa Verità. Con la fede l'uomo si abbandona a Dio liberamente. Perciò colui che crede cerca di conoscere e fare la volontà di Dio, perché «la fede opera per mezzo della carità» (Gal 5,6).

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

387. Che cos'è la speranza?

La speranza è la virtù teologale per la quale noi desideriamo e aspettiamo da Dio la vita eterna come nostra felicità, riponendo la nostra fiducia nelle promesse di Cristo e appoggiandoci all'aiuto della grazia dello Spirito Santo per meritarla e perseverare sino alla fine della vita terrena.

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

388. Che cos'è la carità?

La carità è la virtù teologale per la quale amiamo Dio al di sopra di tutto e il nostro prossimo come noi stessi per amore di Dio. Gesù fa di essa il comandamento nuovo, la pienezza della Legge. Essa è «il vincolo della perfezione» (Col 3,14) e il fondamento delle altre virtù, che anima, ispira e ordina: senza di essa «io non sono nulla» e «niente mi giova» (1 Cor 13,1-3).

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

389. Che cosa sono i doni dello Spirito Santo?

I doni dello Spirito Santo sono disposizioni permanenti che rendono l'uomo docile a seguire le ispirazioni divine. Essi sono sette: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timore di Dio.

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

390. Che cosa sono i frutti dello Spirito Santo?

I frutti dello Spirito Santo sono perfezioni plasmate in noi come primizie della gloria eterna. La tradizione della Chiesa ne enumera dodici: «Amore, gioia, pace, pazienza, longanimità, bontà, benevolenza, mitezza, fedeltà, modestia, continenza, castità» (Gal 5,22-23 volg.).

 

 

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

391. Che cosa comporta per noi l'accoglienza della misericordia di Dio?

Essa comporta che riconosciamo le nostre colpe, pentendoci dei nostri peccati. Dio stesso con la sua Parola e il suo Spirito svela i nostri peccati, ci dona la verità della coscienza e la speranza del perdono.

 

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

392. Che cos'è il peccato?

Il peccato è «una parola, un atto o un desiderio contrari alla Legge eterna» (sant'Agostino). È un'offesa a Dio, nella disobbedienza al suo amore. Esso ferisce la natura dell'uomo e attenta alla solidarietà umana. Cristo nella sua Passione svela pienamente la gravità del peccato e lo vince con la sua misericordia.

 

 

 

 

 
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

393. Esiste una varietà dei peccati?

La varietà dei peccati è grande. Essi possono essere distinti secondo il loro oggetto o secondo le virtù o i comandamenti ai quali si oppongono. Possono riguardare direttamente Dio, il prossimo o noi stessi. Si possono inoltre distinguere in peccati di pensiero, di parola, di azione e di omissione.

 

 

 

 

 

 

   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   
   

 

 

 

 

 

 

 

p

 

 

394. Come si distingue il peccato,
quanto alla gravità?

Si distingue in peccato mortale e veniale.