PICCOLI GRANDI LIBRI   FRANCO GIULIO BRAMBILLA

Chi è Gesù?
alla ricerca del volto

EDIZIONI QIQAJON
COMUNITÀ DI BOSE

La mappa della ricerca.

IL VOLTO, LO SGUARDO E LE IMMAGINI DI GESÙ
1. Il tema: alla ricerca del Volto
2. Il triplice sguardo di Gesù
3. L'unico volto e le molte immagini
4. Il volto autentico e il vangelo quadriforme

LA RICERCA DI GESÙ COME FORMA DEL VANGELO DI LUCA
1. L'inizio e la fine
2. Galilea e Gerusalemme
3. In viaggio verso Gerusalemme
4. Al centro: la ricerca del regno di Dio

Primo episodio.

"PERCHÉ MI CERCAVATE?"
LA RICERCA DI GESÙ DA PARTE DEI "SUOI" (I GENITORI): Lc 2,39-52
1. Il racconto e la struttura
2. La sapienza e la grazia
3. Gerusalemme e la Pasqua
4. I tre momenti della ricerca
5. La prima (e l'ultima) parola di Gesù nel vangelo
6. Ritorno a Nazaret
Primo ascolto.
IL MISTERO DI NAZARET
1. L'inizio della ricerca: !'incubazione della Parola
2. La direzione della ricerca: Gerusalemme e la Pasqua
3. I tempi della ricerca: perdere, non trovare, ricercare
4. La prima tessera del volto di Gesù

Secondo episodio.

"E LE FOLLE LO CERCAVANO..."
LA RICERCA DI GESÙ A CAFARNAO DA PARTE DELLE FOLLE: Lc 4,42-44
1. Gesù a Cafarnao e la ricerca delle folle
2. Gesù si sottrae alle folle
3. La ricerca spasmodica delle folle
4. La seconda autopresentazione di Gesù
Secondo ascolto.
IL BISOGNO DELLE FOLLE
1. La ricerca che nasce dal bisogno
2. Sottrazione e disorientamento
3. Il desiderio della ricerca del Regno

Terzo episodio.

"E CERCAVA DI VEDERLO"
ERODE CERCA DI VEDERE GESÙ: Lc 9,7-9
1. La ricerca di Gesù da parte di Erode
2. Le opinioni per sentito dire su Gesù
3. La domanda di Erode e il desiderio di vedere Gesù
4. L'esito della ricerca di Erode
Terzo ascolto.
IL NULLA DI UNA RICERCA REMOTA
1. Una ricerca per sentito dire
2. L'attesa miracolistica separata dalla vicenda di Gesù
3. Lo smascheramento del nulla della ricerca

Quarto episodio.

"CERCATE PIUTTOSTO IL REGNO DI DIO"
GESÙ MAESTRO DI RICERCA DEL REGNO: Lc 12,22-32
1. Gesù maestro di ricerca sulla via verso Gerusalemme
2. I due ammonimenti di Gesù
3. Lo sguardo di Gesù
4. Piuttosto cercate il regno di Dio
Quarto ascolto.
LA RICERCA ASSOLUTA DEL REGNO
1. "La tua grazia vale più della vita"
2. Di tutte queste cose si preoccupano i pagani
3. Cercate anzitutto il Regno!
4. Il Padre vostro celeste darà lo Spirito...!

Quinto episodio.

"IL FIGLIO DELL'UOMO È VENUTO A CERCARE E SALVARE"
ZACCHEO CERCA DI VEDERE GESÙ ED È CERCATO DA LUI: Lc 19,1-10
1. La duplice ricerca che s'incontra
2. Il parallelismo tra il cieco nato e Zaccheo
3. La ricerca di Zaccheo
4. La casa dell'incontro
5. La ricerca del Figlio dell'uomo
Quinto ascolto.
LA RICERCA COME INCONTRO
1. L'uomo è cercatore di Dio
2. Dio è cercatore dell'uomo in Gesù
3. Il luogo dell'incontro tra le due ricerche
4. La ricerca dell'incontro e come incontro
5. Un incontro pasquale anticipato

Sesto episodio.

"PERCHÉ CERCATE TRA I MORTI COLUI CHE E IL VIVENTE?"
LA RICERCA DI GESÙ DA PARTE DEI "SUOI" (LE DONNE) AL SEPOLCRO: Lc 24,1-12
1. Il quadro del capitolo 24 di Luca
2. Le donne al sepolcro
3. L'apparizione angelica e l'annuncio della resurrezione
4. La reazione delle donne e l'annuncio agli Undici
Sesto ascolto.
IL VOLTO DEL VIVENTE
1. La ricerca ripresa e il luogo della memoria
2. Il corpo sottratto e la conversione della speranza
3. Perché cercate tra i morti? Non è qui!
4. Il Vivente è il Crocifisso!

La configurazione della ricerca.


"DUE DISCEPOLI CAMMINAVANO E CERCAVANO INSIEME"
PER IL LETTORE FUTURO: Lc 24,13-35
1. La cornice: sul cammino in fuga da Gerusalemme
2. La presenza assente: la meraviglia incredula
3. La ripresa memoriale: la libertà credente dinanzi alla dedizione incondizionata
4. La dimora: si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero
5. Il ritorno testimoniale: la comunità, segno reale per ogni uomo

La mappa della ricerca

LA RICERCA DI GESÙ

COME FORMA DEL VANGELO DI LUCA

La ricerca di Gesù come forma del vangelo: ecco, dunque, il nostro tema e il nostro cammino. Scelgo il vangelo di Luca perché mi è molto caro ed è quello che ci può condurre meglio al nostro scopo: la ricerca del volto di Gesù. La ricerca nei vangeli è principio generatore del racconto non solo perché ne determina la struttura, ma perché presiede al movimento dinamico della narrazione. Senza volermi sporgere in affermazioni impegnative a proposito del vangelo di Luca, dirò che certamente il tema della ricerca rappresenta una linea dinamica decisiva nella strutturazione della trama e del tessuto del racconto lucano. Seguirò questo filo rosso per camminare insieme a voi questa settimana.

Il tema della ricerca di Gesù si staglia nel vangelo sullo sfondo del tema della ricerca di Dio (quaerere Deum)1. I verbi utilizzati nella Bibbia ebraica sono biqqesh (LXX: zetéo) che significa cercare, domandare, chiedere, investigare, eccetera, e darash (LXX: sy(n)-zetéo) che significa cercare, domandare, investigare, mendicare, consultare. In linea con il nostro tema, nei salmi l'espressione "cercare il volto del Signore" (o di Dio: Sal 24,6b; 27,8a.8b; I05,4b) si riferisce, secondo alcuni, all'ambito profano del linguaggio di corte, dove cercare il volto del re indicava la ricerca di un'udienza per ottenere il suo favore (IRe 10,24; 2Cr 9,23; Pr 29,26). L'espressione più diffusa è "cercare Dio", la più frequente nel Salterio: con il verbo darash in Sal 9, 11; 14,2; 22,27; 24,6a; 34,5.Il; 53,3; 69,33; 77,3; 78,34a; I05,4a; Il9,2.IO, e con biqqesh in Sal 40,17; 69,7; 70,5; 105,3. La ricerca di Dio nei salmi sarebbe un bel tema da investigare personalmente in questi giorni 2. La radice b q sh significa"cercare ciò che si è perduto" (per avere) (A T: 45X), invece il significato di darash significa "cercare in senso conoscitivo" (per sapere) (AT: 160x). La radice ha prevalentemente caratteristiche teologiche e cultuali: 1'espressione si dipana in due direzioni, nella ricerca di Dio e della sua Parola, o nella ricerca dell' altro (nella storia di Giuseppe, in Genesi 37-50, e nella ricerca dell' Amato, nel Cantico 3,1-5 e 5,2-6,3). In conclusione possiamo dire che la ricerca di Gesù nel NT si staglia sullo sfondo del cercare Dio. La ricerca di Dio, soprattutto nei salmi, è il luogo per scoprirne le armoniche fondamentali. In tal modo anche nel tema della ricerca di Gesù vengono alla parola le tensioni fondamentali della ricerca di Dio.

Nel NT la "ricerca" è un tema diffuso, con le seguenti occorrenze:

- "cercare" (zetéo): Mc IO, Mt 14, Lc 25, Gv 34, At IO, resto NT 24 (totale: I Il);

- "cercare con cura" (ana-zetéo): Lc 2, At I (totale: 3);

- "chiedere conto" (ek-zetéo): Lc 2, At I, resto NT 4 (totale: 7);

- "desiderare/bramare/esigere" (epi-zetéo): Mt 3, Lc 2, At 3, resto NT 5 (totale: 13);

- "cercare insieme, discutere" (sy(n)-zetéo): Mc 6, Lc 2, At 2 (totale: 10).

Si può notare come il tema sia distribuito nelle fasi della vicenda di Gesù secondo questo quadro:

- nella storia delle origini di Gesù (Mt 2,13.20; Lc 2,44-45.48-49);

- nella vita pubblica (Mc 1,27.37; 8,Il; 9,10.14-16; II,18; 12,12.28; Mt 12,46-47; 16,4; 21,46; Lc 4,42; 6,19; 11,16.29; 19,3; Gv 1,39; 5,18; 6,24.26; 7,19.20.25.30. 34.36; 8,21.37-40; 10,39; 11,8.56; 13,33; 16,19);

- nel racconto della passione (Mc 14,1.11.55; Mt 26,16.59; Lc 22,2.6.23; Gv 18,4.7.8; 19,12);

- nel racconto della Pasqua (Mc 16,6; Mt 28,5-6; Le 24,5-15; Gv 20,15).

Introduciamo ora il tema della ricerca di Gesù nel vangelo di Luca. È utile, sempre in fase statistica, notare la distribuzione del tema sulla bocca di Gesù, su quella del narratore e su quella di altri soggetti. Osserviamo in Luca il congiungersi di due linee di tendenza che sono rispettivamente prevalenti in Matteo e in Marco: per un verso, Luca accentua la linea prevalente di Matteo, che presenta Gesù come maestro della vera ricerca; per 1'altro verso, riprende la linea di Marco che ci presenta i suoi personaggi in ricerca. Abbiamo così una felice sintesi delle due linee degli altri sinottici: Luca si pone come discepolo (narratore) della ricerca di Colui che è il maestro stesso della ricerca (l'originario narratore).

1) Sulla bocca di GESÙ (17X):

- l'equivalente dell'intera presenza del verbo in ciascun altro sinottico;

- tutte le occorrenze sono presenti solo nella sezione del viaggio a Gerusalemme;

- caratterizzate fortemente nel senso di una grande istruzione;

- tranne 2,49, che ne è così l'anticipazione: 1,9.10.24.29.50(ek-).51(ek-); 12,29.30(epi-).31.48; 13,6. 7.24; 15,8; Il,33; 19,10.

2) Sulla bocca del NARRATORE (14X): 2,42 (epi-)-44-45(ana-); 5,18; 6,19; 9,9; II,16; 19,3-47; 20,19; 22,2.6.23(syn-); 24, 15(syn-).

3) Sulla bocca di ALTRI soggetti (2X): la madre di Gesù (2,48) e i due angeli (24,5).

Ora, se andiamo a collocare i brani ritrovati dentro la dinamica narrativa del testo e guardiamo la scheda allegata, ci troviamo come dinanzi a uno schema concentrico dove le sezioni si rispecchiano a due a due:

- nelle sezioni più esterne (A - A') sta la ricerca di Gesù da parte de "i suoi" (i genitori e le donne);

- nella seconda e penultima sezione (B - B') abbiamo la ricerca da parte di un gruppo (la folla e le autorità), due sezioni chiuse rispettivamente dalla ricerca di un capo: Erode e Zaccheo (con due esiti opposti);

- nella sezione centrale (C) si svolge il viaggio verso Gerusalemme, dove Gesù si fa a sua volta maestro di ricerca, prima attraverso i segni (con il tema "cercate e troverete"), e poi con una ricerca della propria vita (con il tema "chi cerca la propria vita la perderà");

- nel cuore della sezione centrale (X) abbiamo il brano che parla dell' assolutezza della ricerca del regno di Dio. Il Gesù di Luca ci fa cercare Dio, il Padre suo misericordioso.

Ora faremo passare queste tre sezioni attorno al tema della ricerca del Regno, per mostrare la dinamica narrativa che attraversa il testo e la scelta dei brani che faranno da canovaccio al nostro percorso.

1. L'inizio e la fine

Nelle sezioni più esterne (A - A') abbiamo due brani di ricerca di Gesù da parte de "i suoi", al tempio (2,39-52) e al sepolcro (24,1-12). Sono anche gli unici due brani in cui i verbi della ricerca non sono sulla bocca del narratore o di Gesù (la madre e i due uomini/angeli). I personaggi di questi due brani li potremmo definire "i suoi" (i genitori e le donne): qui abbiamo una bella inclusione e un parallelismo tra la ricerca dei genitori, che vedono scomparire Gesù e lo ritrovano dopo tre giorni durante la Pasqua, e la ricerca delle donne che il terzo giorno vanno al sepolcro a cercare Gesù. Sono due episodi configurati secondo lo schema di rivelazione divina e reazione umana, e al centro si rivela l'identità di colui che si cerca: !'identità di Gesù adolescente nella prima apparizione "adulta" come "colui che deve essere nelle cose del Padre suo"; l'identità di colui che "non è più nella morte ma è il Vivente". A questo livello non c'è solo il parallelismo, ma anche il rapporto tra anticipazione e compimento. Molti altri elementi fanno da richiamo: stesse circostanze di tempo; medesimo incipit "e avvenne"; vocabolario di smarrimento, angoscia, timore; la terminologia della ricerca con la coppia cercare/(non) trovare; lo stesso dialogo interpretante; Maria e Giuseppe che trovano il Gesù che cercano, ma non lo capiscono; le donne che non trovano il Gesù che cercano, ma ricordano e alla fine lo riconoscono come il "Vivente"; infine il tema del ricordare a partire da una parola di Gesù, che risulta incomprensibile per Maria, ma che diventa successivamente integrabile e di cui far memoria. I due episodi dunque non sono solo paralleli, ma si nota in essi anche un bellissimo "effetto della fine": l'inizio anticipa la fine, ma la fine compie l'inizio.

2. Galilea e Gerusalemme

Nella seconda e penultima sezione (B - B') abbiamo un parallelismo tra la ricerca in Galilea e quella a Gerusalemme, riferita a due gruppi (la folla - l'autorità): nel primo quadro vi sono tre ricerche con soggetto la "folla" e nel secondo tre ricerche con soggetto l'''autorità''. Questi due gruppi in ricerca hanno molti elementi di corrispondenza: Gesù "entra" nella casa di Simone (4,38), mentre satana "entra" in Giuda (22,3); sui due pannelli, da un lato abbiamo gli scribi e i farisei, dall' altro gli scribi e i sommi sacerdoti, con in mezzo la folla che fa da ostacolo (5, l 9 e 20,19); a livello di dinamica narrativa vi sono due domande guida: da un lato "che cosa è più facile" (5,23) e dall'altro "che devo fare"; in entrambi i lati abbiamo i temi della paura e dello scandalo (5,21 e 20,16). Ora osserviamo, sempre nei due quadri in questione, il tema della ricerca da parte della folla e dell' autorità: vediamo, da un lato, insegnamento e ascolto, dall' altro accoglienza della folla e ostilità dell' autorità, con il successo della ricerca nel primo caso e l'insuccesso nel secondo. Il risultato è che nella prima scena Gesù guarisce, nel secondo lo si cerca per farlo perire.

Alla fine del primo quadro e all'inizio del secondo è importante il parallelismo in forma concentrica tra Erode (9,7-9) e Zaccheo (19,1-10): si tratta di due capi, Erode tetrarca e Zaccheo l'arcipubblicano. È interessante vedere il linguaggio con cui si esprime il loro desiderio di cercare Gesù: "Chi è dunque costui? E cercava di vederlo" (9,9), "E cercava di vedere Gesù: chi è?" (19,3): Erode e Zaccheo rappresentano due esiti diversi del desiderio di vedere Gesù.

3. In viaggio verso Gerusalemme

Nella sezione centrale (C) abbiamo il tema della ricerca nel contesto dell'istruzione sul cammino verso Gerusalemme. Il cerchio è aperto e chiuso da due marcatori: il "cercate e troverete" di rr,I-13 e il "chi cerca la propria vita la perderà" di 17,20-37; sono gli estremi della grande istruzione di Gesù, le prime e ultime parole rivolte ai suoi discepoli: il tema del regno di Dio attraversa tutta l'istruzione. Nella ricerca di Gesù è in gioco la ricerca del Regno, la centralità di Dio. Nel primo quadro abbiamo la ricerca dei segni da parte di questa generazione, una volta sulla bocca del narratore (rr,Q-23), una volta sulla bocca di Gesù (rr,29-32): i temi sono il giudizio, la conversione e l'identità di Gesù che è "di più" di Giona e Salomone. Nel secondo quadro troviamo un'antitesi tra Dio che "cerca molto da chi ha molto avuto" (12,35-48) e i molti che "cercheranno di entrare nel Regno ma non ci riusciranno" (13,22-30). Anche qui vi sono i temi del giudizio, della punizione e dell'esclusione. Tralasciamo altri particolari.

4. Al centro: la ricerca del regno di Dio

Nel cuore della sezione centrale (X) (12,22-32) sta il testochiave della ricerca del regno di Dio, riferito alla ricerca dei beni immediati "che cosa mangerete" (12,29), alla negazione di questa ricerca come interesse tipico dei pagani: "tutte queste cose ricercano (epizetousin) i pagani" (12,30), e alla pointe di tutto il nostro percorso: "cercate piuttosto il regno di Dio!" (12,31).

In sintesi possiamo notare due leggi fondamentali. La prima proviene dalla struttura concentrica: in sé essa è abbastanza statica, anche se abbiamo visto che tra i quadri corrispondenti ci sono molti intrecci, richiami, progressioni, rimandi, oltrepassamenti; al centro di questa struttura sta la ricerca assoluta del regno di Dio. La seconda è una legge più nascosta, narrativa, dove si nota che il testo procede da una prefigurazione (A), attraverso un annuncio in segni (B), un'istruzione contrastata sul viaggio verso Gerusalemme (C) con al centro la ricerca assoluta del Regno (X), una ricerca distorta e insidiosa (B') per approdare alla ricerca del Vivente (A'). Le due leggi sono quindi tra loro profondamente intrecciate: la prima esprime il baricentro che è la ricerca di Dio, del suo Regno, la seconda è dinamica e svetta nella ricerca del Crocifisso risorto. Ricerca di Dio e ricerca di Gesù sono radicalmente intrecciate: l'una gravita sul centro del testo, l'altra culmina alla fine del racconto!

Infine, vi indico i brani che faranno da canovaccio al nostro percorso. Questi sono stati i criteri per la scelta di alcuni tra i più significativi testi lucani, tra i 23, riguardanti la ricerca. Ho scelto sette brani secondo questo criterio:

1) Anzitutto, i testi della ricerca "assoluta" di Gesù, dove egli è l'oggetto diretto. Sono tre: la ricerca da parte dei "suoi" al tempio (2,39"52), quella della folla, dopo la giornata di Cafarnao (4,42-43) e quella delle donne al sepolcro (24,1-12);

2) in secondo luogo, l'unico testo, in cui il soggetto della ricerca è il "Figlio dell' uomo": Zaccheo (19, 1-10), in rapporto alla ricerca di Erode (9,7-9);

3) in terzo luogo, il brano che, sia a livello strutturale sia a livello contenutistico, è al centro del vangelo: l'assolutezza della ricerca del regno di Dio (12,22-32);

4) infine, il brano che in qualche modo ricapitola tutti i temi: la ricerca dei discepoli di Emmaus (24,13-35).

[1] Si veda il volume dell' Associazione Biblica Italiana, Quaerere Deum. Atti della XXV Settimana biblica, Paideia, Brescia 1980; e il volume Cercare Dio, di PSV 35, EDB, Bologna 1997.
[2]
Cf. L. Manicardi, '''Dall'aurora ti cerco' (Salmi)", in PSV 35 (1997), pp. 23-28.