PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

Salmo 113 (112)
L' ALLELUJA DEGLI ANTICHI VESPERI

Servi del Signore, o fanciulli, umile gente anonima; e tu piccolo resto d'Israele delle sprovvedute liturgie mattutine, continuate a cantare anche per chi non canta più. 
Voi, monaci e angeli, tornate con i vostri cori a riempire di voci 
le absidi delle vostre abbazie deserte; 
e sia il vostro canto unito al canto degli uccelli del bosco e della torre del monastero, 
che salutano l'apparire e lo sparire della luce sul mondo.

l Alleluja! Al Signore cantate!
Cantate voi tutti,
o servi del Signore,
al nome del Signore.

2 E sia benedetto
il nome del Signore
da ora e per sempre.

3 Dall'alba al tramonto
il nome del Signore
lodate ogni giorno.

4 Più grande delle genti
s'innalza il Signore,
più alto dei cieli.
La gloria sua è grande:

5 chi è pari al Signore,
il nostro unico Dio?
Pure assiso sull'alto

6 si china a guardare
sui cieli e la terra.

7 I poveri e i reietti
trae fuori e solleva
da fango e rifiuti.

8 tra principi li pone,
i principi più nobili
del popolo eletto.

9 E dona alla sterile
di esser madre lieta
in seno alla sua casa.

 

Con questa breve composizione si apre il celebre «Hallel egiziano», un fascicolo di Salmi (113-118) così chiamato a causa del Salmo 114 dedicato all'esodo dall'Egitto ed usato nella liturgia giudaica della Pasqua. Molto amato anche dalla tradizione cristiana che l'ha considerato un po' il Magnifica! dell' Antico Testamento a causa dei contatti che l'inno di Maria rivela col tema fondamentale del salmo, questo cantico celebra JHWH nella sua presenza lungo la linea orizzontale del tempo (vv. 1-3), lungo quella verticale dello spazio (vv. 4-6), ma soprattutto lungo la storia della salvezza. In essa si assiste alle scelte di Dio che ribalta i troni per scegliere con tenerezza coloro che affondano nel fango e nei rifiuti (vv. 7-9). Un canto degli ultimi che agli occhi di Dio sono i primi.

Dossologia

A te, Padre, la gloria,
a te, Figlio, l'amore,
a te, Spirito, il canto.

Preghiera

O Dio, che ami gli umili e i poveri
e per loro compi prodigi,
chinati ancora dall'alto dei cieli
e vedi le infinite oppressioni
che imperversano dovunque sulla terra:
per ogni fratello che soffre violenza
sia il tuo intervento
fonte di vera liberazione.
Amen.