PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

Salmo 123 (122)
COME OCCHI DI SCHIAVA

Ma pure i tuoi occhi, o Dio, sono amorosamente fissi sopra i tuoi giusti. Nessuno degli altri dèi è geloso quanto tu sei geloso del tuo umile fedele «poiché hai guardato all'umiliazione della tua serva, ecco che tutte le genti mi chiameranno beata».

 

1 Gli occhi miei a te ora innalzo,
a te, Dio, che siedi nei cieli:

2 proprio come gli occhi dei servi
pronti al cenno del loro padrone.
O come occhi di schiava alla mano
di matrona se mai fa cenno:
sono così i nostri occhi in Dio
finche abbia di noi pietà.

3 Pietà, Dio, pietà di noi tutti:
ingozzati da troppi insulti,

4 di sputi e scherni di folli e potenti
arcisazia è la nostra gola.

 

La celebre scultura del Museo del Cairo che raffigura lo scriba con la mano pronta sul papiro e gli occhi fissi al suo signore sembra quasi la rappresentazione dell'immagine centrale di questa bella lirica dei «canti delle ascensioni». Gli occhi dei servi spiano con estrema attenzione le mani dei loro padroni per cogliere anche il più piccolo segno della loro volontà e della loro benevolenza. Gli occhi del povero e dell'emarginato sono anch'essi fissi sulle mani del Signore perché appena esse si muoveranno, creeranno giustizia e libertà distruggendo «i folli e i potenti». È particolarmente forte la descrizione della «sazietà» a cui il giusto è ora sottoposto: ingozzato da troppi insulti, con la gola sazia di sputi e di scherni (vv. 3-4).

Dossologia

Ma io amici vi chiamo, non servi,
a voi il cuore del Padre ho svelato
e vi ho dato il suo Spirito santo:
nella gioia vivete e cantate.

Preghiera

Padre, donaci occhi sempre fissi ai tuoi cenni,
uno spirito sempre attento
a tutte le tue ispirazioni,
a ogni segno, piccolo o grande,
dei tuoi misteriosi interventi
nella vita dell'uomo,
sicuri che non abbandoni i tuoi fedeli
in balia di nessuno.
Amen.