PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

Salmo 145 (144)
GIORNO PER GIORNO TI VOGLIO
LODARE

«Ricordò il precetto secondo il quale la preghiera deve essere recitata lentamente e come uno che conti monete d'oro. E infatti le sacre parole non erano forse più preziose di qualsiasi moneta? Il Signore è giusto in tutti i suoi modi... Il Signore è con tutti coloro che lo invocano... il Signore esaudirà il desiderio di quanti lo temono; egli ascolterà il loro grido... Quali parole!... Quanto pallide erano le folne del mondo dinnanzi alla verità» (I. B. Singer).

«L'uomo, che è una particella della tua creazione, ti vuole lodare! Tu fai sì che procuri gioia il fatto di lodarti, poiché tu ci hai fatti per te e il nostro cuore è inquieto finche non trovi riposo in te» (S. Agostino).


1 Voglio esaltarti, mio re e mio Dio,
e benedire il tuo nome per sempre,

2 giorno per giorno ti voglio lodare
e benedire il tuo nome per sempre.

3 Grande il Signore, a lui solo la lode,
una grandezza che è oltre ogni scienza,

4 le tue gesta le età si tramandano,
tutte annunziano i tuoi prodigi.

5 La gloria tua, il terso splendore
approfondir io voglio nel canto;

6 la tua potenza, i tuoi atti terribili
ancora incidere in canti e racconti;

7 delle tue grazie che faccian memoria,
la tua giustizia acclamino ovunque.

8 Egli è il Signore d' amore e pazienza,
lento all'ira, più pronto al perdono.

9 Dio è sempre benigno con tutti,
sua tenerezza è su ogni creatura.

10 A te la lode dalle opere tue,
te benedicano i tuoi fedeli.

11 Sia resa gloria da tutti al tuo regno,
ognun proclami la tua potenza.

12 Sappiano gli uomini quanto sia grande,
come il suo regno glorioso risplende.

13 È il tuo regno un Regno eterno,
il tuo dominio i secoli abbraccia.

14 Egli sostiene chi sta per cadere,
rialza pietoso chi è già caduto.

15 Gli occhi di tutti aspettano te
e dai a ciascuno a tempo il suo cibo.

16 A piene mani largisci i tuoi beni,
la brama sazi di ogni vivente.

17 Nelle sue vie il Signore è giusto,
egli è fedele in tutti i suoi atti.

18 Sempre è vicino a chiunque lo invochi,
a chi lo cerca con cuore sincero.

19 Le attese appaga di quanti lo temono,
il loro grido ascolta e li salva.

20 Su quanti l'amano veglia il Signore,
ma tutti gli empi confonde e disperde.

21 La bocca mia al Signore dia lode
e benedica il santo suo nome.

22 Sì, benedica il nome suo santo
ogni vivente, per sempre, in eterno.

 

Il Salmo 145 è l'ultimo inno alfabetico del Salterio (vedi il Salmo 25) ed è una celebrazione solenne della regalità di Dio, come è attestato dal cuore tematico e spaziale del salmo, i vv. 11-13. Per il resto l'inno è una litania in onore delle azioni di salvezza e delle qualità proprie del Dio dell'alleanza: la sua onnipotenza svelata nelle grandi gesta della storia della salvezza, il suo amore per i poveri (v. 14), il suo saziare l'affamato (vv. 15-16), la sua vicinanza al giusto (v. 18), la sua infinità (vv. 3.6.8), la sua eternità (vv. 1.2.13.21), la sua bontà (vv. 7.9), la gloria (vv. 5.11.12), la maestà (vv. 5.12), 10 splendore (v. 5), la giustizia (vv. 7.17), la grazia (v. 8), la santità (v. 21), il suo nome potente (vv. 1.2.21). Lode, ringraziamento, fiducia si fondono in questo canto a JHWH re amoroso e tenero nei confronti delle sue creature.

Dossologia

Sia gloria al Padre, al Figlio, allo Spirito,
come in principio sia ora e per sempre. 

Preghiera

Più che la tua infinita grandezza
che non sappiamo neppure immaginare,
ci commuove, Dio, la tua umiltà e il tuo amore;
egli infiniti segreti in cui ti nascondi,
e gli impensati modi con cui intervieni:
in segno di quanto ti amiamo così come sei
e per tutto quello che non sappiamo di te,
ti chiediamo che la nostra stessa vita
si faccia un canto ininterrotto di grazia e di lode.
Amen.