PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

 

Salmo 17 (16)

GRIDO DELL'INNOCENTE TORTURATO

Pure di notte innocenza e colpa egli vede
e giustizia per tutti egli compie: lui solo!
O fedele, attendi sereno che spunti l'alba
di quando il suo volto potrai vedere.

1 Signore, accogli la giusta mia causa
e sii attento a quanto ti grido:
porgi l' orecchio alla mia preghiera
che non proviene da labbra bugiarde.

2 Venga da te la sentenza attesa,
la mia giustizia scandaglia a fondo,

3 scruta il mio cuore, esplorami al buio,
provami al fuoco: malizia non trovi!
Mai la mia bocca si è resa colpevole

4 nell'imitare umani discorsi:
sempre fedele alla tua parola,
ho evitato i sentieri dell'empio.

5 Sulle tue vie conferma i miei passi,
che il mio piede non abbi a tremare:

6 mio Signore, ti chiamo: rispondimi,
porgi l'orecchio, o Dio, ascoltami!

7 Del tuo amore rivela i prodigi
e dai nemici difendi i fedeli:

8 come pupilla dell'occhio proteggimi,
l'ombra mi copra dell'ali tue, Dio.

9 Da ogni perfido, Dio, nascondimi
e dall'assalto di tutti i violenti:

10 essi hanno chiuso il cuore all'amore,
su quelle bocche c'è solo arroganza!

11 Ormai m'incalzano, serrano il cerchio,
gli occhi puntati per stendermi a terra:

12 come leone in cerca di preda,
o leoncello che arde in agguato.

13 Sorgi, affrontalo, battilo, Dio!
con la tua spada da gli empi difendimi:

14 tu di tua mano distendili a terra,
strappali via, recisi dai vivi.
Di tua ira riempi il lor ventre
e ne avanzino ai figli e lor piccoli:

15 lo innocente vedrò il tuo volto
sazio sarò nel goderti al risveglio.


Una protesta d'innocenza davanti al Giudice supremo (vv. 1-5) e un 'intensa supplica indirizzata al Salvatore (vv. 6-15): sono questi i due registri sui quali si svolge questo poemetto. Da un Iato emerge con forza la certezza che Dio difende i suoi fedeli, anzi li protegge come la pupilla dei suoi occhi e li avvolge all'ombra delle sue ali, simbolo dell'arca dell'alleanza con le ali dei cherubini, segno della vicinanza di JHWH al suo popolo (v. 8). D'altra parte, però, Dio si erge anche come l'alfiere della giustizia che ingaggia una violenta colluttazione coi perversi. Le scene finali, di stile barocco, dipingono la sua vittoria trionfale sul male che è colpito sin nelle sue più lontane propaggini, nei figli degli empi, secondo la visione antica della solidarietà familiare nel bene e nel male (v. 14).

Dossologia

Pur nelle prove ora dunque cantiamo
insieme al Figlio che vince la morte,
già noi siamo con lui nello Spirito
sempre in attesa, o Dio, di vederti.

Preghiera

Padre, cui nulla è nascosto del cuore dell'uomo, ascolta la preghiera dei tuoi figli, non abbia su di noi alcun potere l'antico avversario, affinché, quando aprirai i nostri occhi al risveglio possiamo contemplare senza fine il tuo Volto. Amen.