PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 2

BACIATEGLI I PIEDI CON CUORE TREMANTE

Almeno da noi sgorghi un umile canto
al Dio che sopra ogni cosa ci ama:
un canto al suo regno di pace,
composto da liberi figli.

 

1 Perché le nazioni sono sempre in tumulto
e tramano vani progetti i popoli?

2 Contro il Signore e contro il suo Messia
complottano i principi insieme,

3 «Rompiamo - dicono - le loro catene,
il loro giogo spezziamo e gettiamo»,

4 Colui che siede nei cieli sorride,
il Signore si beffa di loro e ne ride;

5 ad essi tuona nella sua ira
e li sgomenta nel suo furore:

6 «Sono io che ho stabilito il Sovrano
sopra il mio monte santo di Sion» .

7 Di Dio il bando ora annunzio,
è quanto egli mi disse:
«Figlio mio tu sei:
oggi io stesso ti ho generato»,

8 Chiedimi e ti darò le genti in possesso,
le terre più remote saranno tua eredità.

9 Li spezzerai con scettro di ferro,
farai di essi dei vasi infranti.

10 E dunque, o re, tornate in voi stessi,
riprendete coscienza, o grandi del mondo:

11 servite Dio in timore e amore,
baciategli i piedi con cuore tremante,

12 perché non esploda nell'ira sua grande
e voi non abbiate a finire per via:
divampa infatti in fulmineo furore.
Solo è beato
chi in lui si rifugia.

 

Ecco una delle pagine più celebri del Salterio: col Salmo 110 essa rappresenta la classica preghiera messianica del cristianesimo. In se, però, il carme è un testo della solenne liturgia d'incoronazione del re di Giuda. In quel giorno, secondo una prassi orientale, egli veniva dichiarato essere divino: «Figlio mio tu sei: oggi io stesso ti ho generato» (v. 7). Se per Israele il sovrano resterà solo figlio adottivo e non naturale del Signore, nella rilettura cristiana il re-messia del salmo sarà il Cristo, il Figlio per eccellenza. Sullo sfondo si odono rumori di ribellioni, ma Dio si schiera dalla parte del «figlio» il cui scettro infrangerà ogni resistenza del male quasi fosse vaso di coccio. E tutti si prostreranno a lui «baciandogli i piedi con cuore tremante».

Dossologia

Gloria al Padre che ha stabilito
il Primogenito avanti l'aurora
vero Signore di tutte le genti,
nel santo Spirito canti la terra.

Preghiera

Padre santo, Dio dell'amore e della giustizia,
che hai costituito il tuo Figlio, Signore di tutto il creato,
dona ai potenti di rinsavire affinché non siano più odiati da nessuno;
e a noi da' la grazia di porci sempre al servizio di lui,
il tuo Unigenito nascosto nell'ultimo di tutti gli uomini:
per noi egli dilati la sua Signoria sul mondo
e tutti lo riconoscano unico e vero Signore, modello di umanità. Amen.