PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 50 (49)
FEDE E RELIGIONE

«Ma voi non credete in Dio: se credeste in Dio credereste anche in me»; «andate a vedere cosa vuoi dire: io voglio misericordia e non sacrificio». - Signore, donaci la grazia di convertirci sempre dalla religione alla fede; che sia «una fede esigente e concreta, una fede sociale e pur contemplativa». «Se io rientro in me stesso, io troverò là ciò che devo immolare... la mia coscienza sarà il tuo altare. Non avrò bisogno di acquistare ciò che ti devo offrire, perché tu me lo hai già dato» (S. Agostino).

 

1 parla Dio, il Signore degli dèi:
da levante a ponente egli grida

2 alla terra: da Sion, splendore
di bellezza, s'irradia Iddio:

3 Viene Iddio, ne sta in silenzio,
divorante un fuoco l'annunzia,
viene dentro tremende tempeste:

4 cielo e terra dall' alto egli convoca;
la sua gente egli chiama a giudizio:

5 Radunategli i suoi fedeli,
quanti han stretto con lui l'alleanza
e con vittime hanno firmato.

6 Parla il cielo, giustizia annunzia,

7 il giudizio è di Dio; «Mio popolo
sono io che parlo, ascolta:
ammonirti, Israele, io voglio!
lo sono l'Iddio, il tuo Dio,

8 io lamenti non faccio su vittime,
l'abbondanza dei tuoi olocausti
mi sta sempre davanti agli occhi!

9 Non ti rubo da casa i giovenchi,
non i capri dai tuoi recinti: -

10 sono mie le fiere dei boschi,
animali a migliaia sui monti.

11 I volatili tutti conosco,
è mio quanto nei campi vi brulica;

12 se ho fame, a te non lo dico,
mio è il mondo e quanto contiene.

13 Mangio forse la carne dei tori?
Bevo forse il sangue dei capri?

14
Sacrifici di lode offri a Dio,
all'altissimo sciogli i tuoi voti !

15 Nelle prove allora invocami
e sarò io la tua salvezza,
mentre tu mi darai la gloria!».

16 D'altro invece all'empio egli parla:
«Come osi insegnar le mie leggi
e aver sempre in bocca il mio patto?

17 Tu detesti la mia condotta-
le parole mie getti alle spalle!

18 Vedi un ladro e corri con lui,
dei corrotti sei subito amico,

19 la tua bocca distilla malizia,
e non sai che ordire inganni!

20 Siedi e sparli del tuo fratello,
di tua madre il figlio infanghi.

21 Questo hai fatto: dovrei tacere?
Come te tu credevi che fossi!
Sono questi i motivi d'accusa
le tue colpe ti getto in faccia.

22 Smemorati di Dio, riflettete:
se mi adiro, nessuno vi salva.

23 Mi dà gloria colui che di cuore
sacrifici di lode mi offre: -
a chi il giusto sentiero percorre
mostrerò la salvezza di Dio! ».

 

Col maggior teologo protestante del '900, K. Barth, potremmo riassumere il salmo con questa preghiera: «Signore, liberami dalla religione e dammi la fede!». Nello spirito della predicazione profetica il salmista apre un vero e proprio processo (in ebraico rfb, «lite giudiziaria» ) nei confronti di un Israele attento solo all'osservanza religiosa esteriore. Alla lista sacrificale di sette tipi di animali (vv. 7-15) il poeta oppone la lista morale di sette impegni esistenziali (vv. 16-23), espressione di una fede viva. Dio non ha bisogno di freddi esecutori rituali, non ha necessità di vittime per cibarsi come affermavano gli antichi miti perche suo è tutto il creato, non tollera ipocriti oranti le cui mani grondano ingiustizia e forse sangue. «Mi dà gloria colui che di cuore sacrifici di lode mi offre» (v. 23). Fede ed amore si intrecciano di necessità. Anche nel 2100 a.C. in Egitto un sapiente scriveva: «La divinità gradisce più .volentieri le qualità dell'uomo dal cuore giusto che non il bue dell'uomo perverso». E il profeta Osea, citato anche da Gesù, ribadirà: «Misericordia io voglio e non sacrificio» (6,6; leggi anche Isaia 1,10-20 e Michea 6,6-8).

 

Dossologia

E venuto ed è questo il tempo
di adorarlo con libero cuore:
egli cerca credenti sinceri
più che offerte, amore egli vuole.


Preghiera

Padre, insegnaci a camminare sempre
dalla religione alla fede:
che nessuno mai ti faccia su propria misura;
tu sei un Dio che non i cieli
e neppure i cieli dei cieli
ti possono contenere!
Amoroso Signore dell'universo
tu vuoi che tutta la tua creazione sia rispettata,
perciò chiedi solo opere di giustizia
e che ognuno ti renda il dovuto sacrificio di lode
con una vita fedele e libera.
Amen.