PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 59 (58)
COME CANI RITORNAN LA SERA

Canto notturno

«Nulla risulta più capestro della storia di un Dio falsato e messo lì a indorare di sacro leforme morali, economiche, sociali già fatte» (I. Mancini). Il Dio della Bibbia è la provocazione continua che rimette in discussione le comode nicchie entro cui si rifugia l'ingiusto. Questa preghiera. ..diventa un appello a condividere questa provocazione e questa lotta di Dio... Il linguaggio è quello semitico... carico di passione e di sdegno, ma lo scopo da raggiungere è limpido e cristiano.

 

2 Dai nemici, Signore, proteggimi,
dalle loro aggressioni riparami,

3 dalle forze malvagie, Dio, strappami,
dal violenti accorri a salvarmi.

4 Essi insidiano l' anima mia,
mi s'avventano sopra, assassini !
Non ho, Dio, peccato ne colpa,

5 senza colpa mi sciamano contro.
Sorgi, vienimi incontro e guarda,

6 delle schiere Signore Iddio,
d'Israele Iddio, su balza
a punire le genti infedeli.
Non avere pietà per i perfidi:

7 come cani ritornano la sera
e ringhio si s'aggirano in branchi,
nell'intera città van latrando.

8 Vomitare non sanno che insulti,
hanno labbra che sembrano spade:
«Chi ci sente?» essi gridano forte,

9 ma tu, Dio, ti ridi di loro.
Ti fai scherno di tutti  i pagani:

10 o Potenza mia, a te mi rivolgo,
sei tu, Dio, la mia fortezza:
il mio Dio mi viene in aiuto!

11 La sua grazia mi pasce la vista
nel vedere umiliati i nemici:

12 non ucciderli, o Dio, Signore,
che non abbia a scordarli il mio popolo.
La tua forza li abbatta e disperda,
nostro scudo, o Signore Iddio;

13 è bestemmia ogni loro parola:
gli spergiuri e bugie che dicono!

14 Sia l'orgoglio il loro capestro!
Con furore, o Dio, annientali,
tu annientali e più non esistano:
solo Dio in Giacobbe comanda.
E comanda su tutta la terra:

15 come cani ritornan la sera
e ringhio si s'aggirano in branchi,
nell'intera città van latrando.

16 Si aggirano in cerca di preda,
e insaziati li senti ululare:

17 ma io canto la tua potenza,
la tua grazia al mattino esalto.
Tu sei stato la mia fortezza
solo tu, mio Dio e Signore,
ogni giorno in ogni pericolo
nell'angustia il mio rifugio.

18 Mia potenza, ti voglio cantare:
Dio tu sei la mia salvezza,
il mio solo baluardo tu sei,
della mia lealtà il Signore.

 

È notte fonda, il poeta è serrato in casa, fuori i cani randagi s'aggirano per le vie della città ringhiando: il quadro, percorso dalle fosforescenze di una tragedia, diventa nella supplica una parabola delle paure della vita, dei suoi mostri, delle spade pronte a colpire il debole. Il ritornello sui cani (vv. 7.15) è, perciò, l'evocazione simbolica degli incubi del male che ci assediano. Ma alla fine l'orizzonte si apre: è l'alba, nelle strade ritorna il silenzio, la luce del sole riporta la vita. È questa la parabola della salvezza che il «solo baluardo», Dio, può offrire all'uomo impaurito. E quest'uomo si mette a cantare (vv. 17-18) il suo inno di gratitudine e di speranza. Si chiude, così, una notte che non è tanto cronologica quanto spirituale.

Dossologia

Città santa, al tuo Cristo ora canta:
Babilonia è stata annientata!
Al tuo Dio ora rendi giustizia:
da ogni male ti ha liberata.

Preghiera

O Padre, nostro rifugio e unica fonte di salvezza,
a te ci rivolgiamo nell'ora della prova,
quando il maligno ci insidia e minaccia:
non allontanare da noi il tuo sguardo,
perché non venga meno la nostra debole fede.
Amen.