PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 61 (60)
NELLA TENDA SARÒ IL TUO OSPITE

E preghiamo anche per i re. Che mai nessuno sia escluso dalla preghiera. 
Ma prima di lunga vita, abbiano la grazia di governare bene. 
E chiediamo perdono anche
per loro: che la terra non diventi mai una «regione infernale».

 

2 Dio, ascolta il mio lamento,
sii attento alla mia preghiera.

3 Da regioni infernali ti chiama
il mio cuore che trema e vien meno.
O Dio, guidami tu sulla rupe
per me troppo alta, inaccessibile.

4 Sei per me il mio solo rifugio,
la mia torre in faccia al nemico.

5 Nella tenda sarò il tuo ospite
e all'ombra dell'ali tue, Dio,
in eterno io trovi riparo.

6 Sì, tu hai ascoltato i miei voti:
così erede mi fai, o Signore,
di chi teme il santo tuo nome.

7 Giorni ai giorni aggiungi al re:
viva egli per anni infiniti,
per innumeri generazioni!

8 Regni sotto i tuoi archi per sempre:
lo conservino grazia e amore!

9 In eterno io canti al tuo nome
adempiendo i miei voti ogni giorno.

 

Rupe alta e inaccessibile, unico rifugio, torre in faccia al nemico, tenda, ombra delle ali, riparo: queste immagini che costellano la supplica evocano il Tempio e il suo abitante divino, JHWH. Nell'area sacra di Sion l'orante trova rifugio spirituale e protezione giuridica attraverso il diritto d'asilo del santuario. Giunto nell'interno del Tempio, egli professa la sua fiducia in Dio e la sua lealtà politica con una giaculatoria regale, conservata nei vv. 7-8, un «ad multos annos!» indirizzato al re. La tradizione giudaica e cristiana ha letto il salmo in chiave messianica. Infatti per gli antichi scrittori ecclesiastici protagonista della preghiera era il popolo di Dio, esule sulla terra, che anela alla patria celeste. Il re eterno, il Cristo, offre la comunione eterna con Dio nella Gerusalemme celeste. È questo uno dei tanti esempi di libera interpretazione del senso di un salmo, pur conservandone letteralmente i vari elementi originari.

Dossologia

Pellegrini del cielo, cantiamo:
a te solo, o Cristo, la gloria!

Preghiera

Signore, i capi di queste nazioni
signoreggiano e spadroneggiano
e si fanno chiamare perfino benefattori:
non sia così per i rappresentanti
del tuo popolo e per i poveri:
fa' che non ci siano capi fra noi;
e tu mostrati di essere l'unico nostro Padre
salvandoci da queste potenze;
e almeno la tua chiesa
sia per tutti un esempio
di una umanità veramente libera.
Amen.