PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 67 (66)
IL CANTO DELLA TERRA

Potessero almeno i «campesini» di ogni paese, di ritorno a casa, la sera, coi frutti della terra; e con la terra che sia loro; non rapinati più da nessuno, potessero finalmente cantare così, con tutti gli uomini del mondo:

 

2 Abbia Dio pietà di noi tutti,
d'ogni benedizione ci colmi,
il suo volto su noi risplenda!

3 Sia nota alla terra intera
la tua via e a ogni nazione
manifesta la tua salvezza!

4 A te cantino i popoli, o Dio,
a te i canti da tutte le genti,

5 le nazioni esultino e cantino !
Con giustizia tu giudichi i popoli,
delle genti sei il giudice giusto,
le nazioni tu reggi nel mondo.

6 A te cantino i popoli, o Dio,
a te i canti da tutte le genti,

7 or la terra ha dato il suo frutto!
Il Dio nostro ci ha benedetti!

8 Benedica noi sempre Iddio:
il timore suo riempia il mondo.

 

«La terra ha dato il suo frutto!». Queste parole esprimono la gioia primitiva del contadino palestinese che, da una terra avara, ha ottenuto il dono delle messi, segno sperimentabile della benedizione divina. Questo salmo, composto in epoca postesilica (dopo il VI sec. a.C.) a causa della sua visione universalistica (vedi i vv. 3-5), è appunto il ringraziamento corale per il frutto della terra, segno dell'amore di Dio. A questa felicità spontanea è chiamato a partecipare il mondo intero che dal Creatore attende il sostentamento fisico e la guida in mezzo alle stagioni della storia (v. 5). «Figli di Sion - scriveva il profeta Gioele - rallegratevi, gioite nel Signore vostro Dio perché vi dà la pioggia in giusta misura e così le aie si riempiono di grano e i tini traboccano di mosto e di olio» (2,23-24).

Dossologia

Al Signore che siede sul trono,
all ' Agnello la benedizione,
la potenza e la gloria nei secoli.

Preghiera

O Padre, che in noi hai fatto risplendere il volto della tua infinita potenza, donaci di essere fedeli alla tua giustizia, perché possiamo essere un segno di speranza e di lode gioiosa per tutti gli uomini. Amen.