PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

 

Salmo 72 (71)
LA TERRA ABBONDI DI GRANO

E noi dovremmo essere questi monti di pace; le messi di grano che ondeggiano sulle colline.
Noi la fioritura di questa giustizia messianica, segno che egli è venuto, e viene, e verrà.
Ma potremmo cantare, con cuore pacifico, questo Amen
davanti alle sempre deluse speranze
dei poveri?

 

1 Dio, affida i tuoi giudizi al re,
al regale Messia la tua giustizia.

2 Con giustizia governi il tuo popolo,
il diritto difenda dei miseri.

3 Pace portino i monti al popolo
e giustizia inondi le alture.

4 Sia dei poveri il giusto giudice,
salvi Iddio del misero i figli,
l'oppressore abbatta e calpesti!

5 Il tuo regno più duri di quanto
splenderanno il sole e la luna,
più ancora che il fluire dei secoli.

6 Egli scenda qual pioggia sull'erba,
come acqua che irrora la terra.

7 E fiorisca giustizia ai suoi giorni,
pace abbondi finche non si spegne la luna.

8 E domini da mare amare,
dal fiume ai confini del mondo.

9 Alla sua faccia si curvino le tribù del deserto
e i nemici lambiscan la polvere.

10 Dalle isole portino offerte
re di Tarsis e re dell ' Arabia,
e da Saba verranno ad offrire tributi.

11 Tutti i re si prostrino a lui,
a lui servano tutte le genti.

12 Egli udirà certamente il grido del misero,
del povero che non ha un aiuto,
e scenderà a liberarli.

13 Si muova a pietà per il debole,
dei tapini e oppressi egli salvi la vita.

14 Da violenze e soprusi li salvi:
è prezioso ai suoi occhi il lor sangue.

15 Che viva! e da Seba gli portino oro,
e sempre si preghi per lui,
e sia benedetto ogni giorno.

16 La terra abbondi di grano,
sulla cima dei monti ondeggi:
le sue spighe sian come un Libano,
i fiori coprano come erba la terra.

17 Duri in eterno il suo nome:
il suo nome a lungo germogli quanto il sole,
si dicano in lui benedette tutte le genti,
lo proclamino i popoli beato.

18 Benedetto sia il Signore Iddio,
il Dio d'Israele,
il solo che compie prodigi.

19 Benedetto il suo nome glorioso in eterno,
della sua gloria è piena la terra:
Amen, Amen!

 

Coi Salmi 2; 89; 110 il Salmo 72 costituisce la tetralogia classica dei Salmi regali riletti in chiave messianica dalla tradizione giudaica e cristiana. Dietro il volto del giovane re che sta per essere incoronato, a cui si augura un regno di giustizia e di lunghi anni, si profila il volto del re perfetto, il «consacrato-messia» supremo che veramente sarà «giusto giudice dei poveri» e veramente «abbatterà e calpesterà l'oppressore» (v. 4). È proprio in questa prospettiva lunga e gloriosa che i toni encomiastici e curiali dell'innologia monarchica si trasformano nella realtà sperata dal Messia: la sua giustizia sarà perfetta, il suo dominio universale, il suo regno eterno, il cosmo intero sarà coinvolto nella pace, il celebre e atteso shalom che il v. 16 dipinge coi colori agricoli di un paradiso terrestre (le spighe di grano ondeggeranno persino sugli aridi picchi montuosi). L 'inno, dalla struttura molto raffinata segnata da giaculatorie regali (vv. 5.11.17), è chiuso da una benedizione posteriore (vv. 18-19). Essa è stata aggiunta dalla tradizione liturgica giudaica che aveva diviso il Salterio in cinque libri: finiva qui, con questa benedizione, il secondo libro, iniziato col Salmo 42.

Dossologia

Anche noi ti rendiamo la gloria,
Padre santo il cui nome è sublime;
con il Figlio e lo Spirito santo
sempre gloria nei secoli eterni.

Preghiera

Dio, che sei e che eri, e sarai, per te la terra continua a fiorire e a sperare; per te fiorisce anche il diritto e la giustizia: e cioè, il tuo Figlio continui a venire, il suo nome sorpassi ogni tempo e risplenda più a lungo del sole. Amen.