PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

Salmo 79 (78)
GERUSALEMME INSANGUINATA

Ma oggi chi è pagano e chi fedele? E quali i luoghi santi della tua presenza, i luoghi del tuo possibile incontro? Abbiamo visto I 'Europa piena di cadaveri; abbiamo visto i forni crematori fumare giorno e notte; per interminabili anni, fumare come ciminiere. E benedetti gli eserciti degli uni e degli altri. Abbiamo camminato sulla cenere di milioni di morti, sparsa nelle vie e in spazi tenuti a giardino intorno agli stessi forni. Avevamo per anni il lezzo dei cadaveri nelle narici. Eppure, ancora oggi, continuano le stesse stragi, anche da parte di cristiani! E in mille altri paesi. E cioè: i fedeli precisamente dove sono, e chi sono?

 

1 Sono arrivati, o Dio, i pagani,
hanno invaso il tuo possesso,
han profanato il tuo santuario,
Gerusalemme è ridotta in macerie.

2 Han dato in pasto agli uccelli del cielo
spoglie e carni dei tuoi fedeli,
agli animali selvaggi i cadaveri:
così han fatto finire i tuoi servi!

3 Hanno versato il sangue com'acqua
intorno a Gerusalemme, Signore:
nessun becchino ci dava una fossa:

4 obbrobrio siamo dei nostri vicini!
Piaga immonda su tutti i confini!

5 Ma fino a quando, Signore Iddio,
così adirato sarai con noi?
La gelosia sarà il tuo fuoco?

6 Versa il tuo sdegno su altre nazioni,
contro i regni che non ti adorano, -
su chi non prega il santo tuo nome:

7 perché essi hanno distrutto Giacobbe!
Han devastato la sua dimora!

8 Non imputarci le colpe dei padri,
presto ci venga incontro il tuo amore,
perché noi siamo davvero felici.

9 Dio, aiutaci, o nostra salvezza,
per il glorioso e grande tuo nome,
sempre in grazia del santo tuo nome
vieni a salvarci, perdona le colpe!

10 Perché dovrebbero dir le nazioni
«Il loro Dio dov'è?». Gli occhi nostri
vedano come tu vendichi il sangue
dei servi tuoi in seno alle genti.

11 Dei prigionieri ti giunga il gemito,
salvi il tuo braccio i votati alla morte:

12 per sette volte ai nostri vicini
ritorni l'onta con cui ti offesero.

13 E noi che siamo il popolo tuo,
gregge che pasci nei pascoli tuoi,
noi in eterno a te canteremo
di età in età grazie e canti di gloria!

 

Come nel Salmo 74, anche in questa lamentazione nazionale Gerusalemme appare come un cumulo di macerie insanguinate, dopo che Nabucodonosor, nel 586 a.C., è passato su di essa con le sue armate, come un turbine. L 'elegia entra di colpo nel dramma puntando l'obiettivo subito sulla città santa devastata: il Tempio è diroccato e profanato, qua e là si inciampa in cadaveri in decomposizione, lugubri rapaci si aggirano sulle prede, il sangue brilla sulle pietre, il silenzio e la vergogna avvolgono tutto Israele come un manto (vv. 1-4). Ecco allora che il poeta corre alla ricerca delle cause profonde che stanno alla base della tragedia ebraica: non c'è solo la crudeltà degli oppressori, c'è anche il peccato d'Israele (vv. 5-9). È necessario che Dio torni a perdonare, torni a raccogliere Israele come il suo gregge, torni a mostrare la sua fama di difensore dei poveri contro i trionfatori della storia (vv. 10-13). Questa preghiera nella tragedia si rivela, allora, anche come un appello contro ogni sterile rassegnazione. Il Dio che ci ha abbandonati è un Dio vivo e giusto che conosce il perdono e la speranza nei confronti dell'uomo. 
Claudel ha rielaborato questa supplica nel Salmo di Varsavia, dedicato alle vittime del ghetto della capitale polacca sotto la ferocia nazista.

Dossologia

A te che hai detto ai sette tuoi angeli:
«le sette coppe versate dell'ira»,
e non dimentichi il sangue dei giusti,
gloria e vittoria nei secoli, amen!

Preghiera

Ma oggi, Signore, non ci sono pagani e no,
cristiani e no, e solo tu sai chi operi per il regno;
quanti forse pensano di essere dentro
invece si troveranno ad essere fuori, esclusi;
e quanti si penseranno esclusi
e invece si troveranno attesi
per l'abbraccio finale con te e con tutti i fratelli;
perché tale dovrebbe essere la fine: una sorella morte,
e la vita un viaggio verso il sole.
E dunque, Padre, donaci di" essere così anche noi:
gregge che conduci con mano d'amore;
vedi l'afflizione di quanti ti invocano
e diffondi ancora il tuo Spirito santo
perché, rinvigoriti dal suo agire incessante,
possiamo camminare con fiducia
verso il tuo Regno.
Amen.