PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 85 (84)
IL SUO NOME SARÀ EMANUELE

Già le tue mani nuove e la terra nuova
spandono profumi insieme,
e l'«Arida» riprende a fiorire
al passo leggero di Dio
che torna alla sua fattoria.

Sempre nella certezza che torna: «Allora l'uomo giocherà Con il cielo, e terra e sole, e Con le creature: tutte le creature proveranno anche un piacere, un amore, una gioia lirica e rideranno Con te e tu a tua volta riderai Con loro» (Lutero).

 

2 Dio, la tua terra tu hai benedetto,
hai di Giacobbe raccolto gli esuli.

3 Hai perdonato le colpe al tuo popolo,
steso un velo sui suoi peccati.

4 Tu hai spezzato il tuo furore,
della tua ira placato l'ardore.

5 Dio, a noi torna, o nostra salvezza,
di nuovo spegni il tuo sdegno per noi.

6 Forse per sempre sarai irritato,
prolungherai la tua ira negli evi?

7 Non tornerai a ridarci la vita
perché in te si allieti il tuo popolo?

8 Mostraci, Dio, che tu sei fedele,
donaci ancora la tua salvezza.

9 Ascolterò cosa dice il Signore:
Dio annunzia di nuovo la pace
al suo popolo e ai suoi fedeli,
ad ogni cuore che a lui ritorna.

10 Per chi lo teme salvezza è vicina,
la terra nostra vivrà la sua gloria.

11 A Verità Fedeltà si abbraccia,
Giustizia e Pace si scambiano il bacio.

12 La Fedeltà salirà dalla terra,
si affaccerà la Salvezza dai cieli.

13 Quando il Signore darà il suo bene,
la nostra terra darà il suo frutto.

14 Davanti a lui andrà la Giustizia,
sulle sue orme verrà la Bellezza.

 

Costruito sul verbo ebraico shub, il vocabolo del «ritorno», cioè della conversione e quindi della restaurazione di Israele, questo salmo è il canto di un mondo nuovo in cui tutti gli attributi gloriosi del Dio dell'alleanza si iscrivono come cittadini. Così, la Verità e la Fedeltà amorosa di Dio si abbracceranno, la Giustizia e la Pace si baceranno, dal terreno germoglierà la Fedeltà e dai cieli scenderà la Salvezza. Il poeta inglese Milton ha elaborato questa visione di pace e di speranza nella sua Ode del Natale: «Sì, fedeltà e giustizia ritorneranno verso gli uomini, avvolte in un arcobaleno; e, gloriosamente vestita, la bontà si siederà nel mezzo assidendosi con un lampo celeste, raccogliendo ai suoi piedi scintillanti un tessuto di nubi. E il cielo, come per una festa, aprirà totalmente le porte del suo grande palazzo». La tradizione cristiana, infatti, ha riletto questo canto del «ritorno» di Israele alla sua terra e al suo Dio, e del «ritorno» di Dio verso Israele, sua sposa, come la celebrazione dell'abbraccio perfetto in Cristo tra natura umana e natura divina.

 

Dossologia

Insieme a tutto il creato che geme
nella speranza di essere libero
sempre cantiamo al Cristo vivente,
a lui che viene a salvarci da morte.

Preghiera

Dio, Signore della vita,
che sempre perdoni l'infedeltà del tuo popolo,
svelaci il mistero della perenne liberazione
che in Cristo, tuo Figlio,
continuamente si compie,
e donaci di collaborare al tuo Regno che viene,
Regno di giustizia e di pace senza fine.
Amen.