PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

Salmo 86 (85)
CANTO DEL SERVO ANGOSCIATO

Ma tu, Dio, così orgoglioso e pieno di gelosia per i tuoi poveri, non provi nessun rossore davanti a simili preghiere? A sentirti invocato con una tale umiltà e remissività e insistenza? Con il diritto poi, da parte dei poveri - quando non li ascolti - di dirti almeno: «Ecco, non è giusto!». 
Perciò ascoltali sempre, Signore.

 

1 Tendi l'orecchio, o Dio, e rispondimi
perché io sono povero e misero,

2 preserva la mia vita
perché io sono fedele:
mio Dio, salva il tuo servo
che tutto in te si abbandona.

3 O mio Signore, pietà di me:
così per l'intero giorno vado gemendo.

4 Fa' lieta l'anima del servo tuo,
quest'anima che a te protendo, Signore.

5 Perché tu sei buono e indulgente
e clementissimo
con quanti innalzano a te i loro gridi.

6 Porgi l'orecchio, Dio, alla mia preghiera,
sii attento alla voce delle mie suppliche.

7 In questo giorno di mia angoscia
a te grido perché mi risponda.

8 Nessuno fra tutti gli dèi
è pari a te, Signore,
nessuno eguaglia ciò che tu fai.

9 Tutte le genti son tue creature e verranno
a prosternarsi davanti a te, Signore:
gloria renderanno al tuo nome!

10 Perché grande tu sei,
o prodigioso, o solitario Iddio.

11 Iddio, la tua via insegnami:
che io cammini nella tua verità.
Riversami gioia nel cuore
perché io tema il tuo nome.

12 Con tutto il cuore, mio Dio e Signore,
comporrò canti e laudi
a gloria del tuo nome per sempre.

13 Perché grande è la tua fedeltà verso di me:
tu dal profondo degli inferi
l'anima mia hai fatto risalire.

14 Dio, gente arrogante
si è levata contro di me:
bande di violenti mi attentano la mia vita,
gente che non ti tiene di certo
davanti ai suoi occhi.

15 Ma tu, Signore, Dio di clemenza e pietà,
lento all'ira
e infinitamente fedele e verace:

16 volgiti a me e abbi pietà,
al tuo servo infondi la stessa tua forza,
salva il figlio della tua ancella.

17 Dammi un segno del bene che mi vuoi
e lo vedano sgomenti i nemici:
vedano tutti che mi hai soccorso,
che mi hai consolato, mio Dio.

 

 

In una struttura concentrica molto raffinata per cui tutti gli elementi si compongono in un'immagine quasi speculare, l' orante esprime con piena sincerità la sua supplica angosciata al Signore. Egli si autodefinisce «servo e figlio della tua ancella» (v. 16): l'espressione in Oriente indica chi è nato da genitori al servizio di un signore, all'interno della famiglia di quel signore. 
Si ha, quindi, un legame particolare; l'orante sente quasi di appartenere alla famiglia di Dio. Ed è a lui che egli si rivolge nel pericolo con un appello pieno di fiducia (vv. 1-7). Spontaneamente gli si affacciano alla memoria tutti i gesti di amore e di potenza che questo Signore, padre della sua famiglia, ha compiuto in passato, giungendo al punto di strappare il suo «servo» dalle fauci degli inferi (vv. 8-13). Ora c'è anche attorno al fedele un incubo mortale, un cerchio di ostilità si sta stringendo col desiderio di cancellare la vita dell'orante. Ma Dio si volgerà di nuovo verso «il figlio della sua ancella» egli darà un altro segno del bene che gli vuole (vv. 14-17). Scrive un commentatore:
«Questa preghiera non si confonde con altre, simili, grida di sofferenza verso una divinità amica. In essa si sente già il dialogo amoroso e confidente del Vangelo: Chiedete ed otterrete».

 

Dossologia

A te, o Padre, sorgente di vita,
al Figlio tuo risorto da morte,
eletti figli dal santo tuo Spirito
nella speranza del Regno cantiamo.

Preghiera

Padre di ogni clemenza, guarda al tuo popolo
che nell'angoscia a te innalza suppliche e grida:
donaci un cuore forte e rinnovato
e ci sostenga il tuo Spirito nella fatica
di spingerci sempre più allargo. 
Amen.