PICCOLI GRANDI LIBRI  David Maria Turoldo  Gianfranco Ravasi

I SALMI
traduzione poetica e commento

OSCAR CLASSICI MONDADORI

I libro: Sa 1-41 (dossologia finale: Sal 41,14)

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

II libro: Sal 42-72 (dossologia finale: Sal 72,18-19)

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

III libro: Sal 73-89 (dossologia finale: Sal 89,53)

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

IV libro: Sal 90-106 (dossologia finale: Sal 106,48)

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

V libro: Sal 107-150 (dossologia finale: Salmi 146-150, che fungono da conclusione non solo del V libro, ma dell'intero Salterio)

107

108

109

110

111

112

113

114

115

116

117

118

119

120

121

122

123

124

125

126

127

128

129

130

131

132

133

134

135

136

137

138

139

140

141

142

143

144

145

146

147

148

149

150

 

 

Salmo 9-10

EGLI NON DIMENTICA IL GRIDO DEI POVERI.

Noi sappiamo che pregare è fare giustizia,
noi sappiamo che Dio è sempre dalla parte dei poveri:
donaci la forza di cambiare le cose
le stare dalla parte tua, Signore.

I(9)

2 Dal cuore trabocca una lode al Signore,
le tue meraviglie io voglio narrare:

3 Alla tua gioia ispirarmi e danzare,
cantare al tuo nome, o Altissimo:

4 Mentre i nemici davanti a te.
arretrano e inciampano e cadono;

5 e tu nelle mani tue hai preso,
il mio diritto e la causa mia,
tu assi so sul trono, Giudice giusto.

6 Terrore .agli increduli tu sei, agli empi sterminio
sia cancellato il loro nome in eterno.

7 Siano i nemici un' eterna e infinita rovina,
e delle loro città si sradichi perfino il ricordo.

8 Ecco, il Signore ha eretto il suo trono,
in perpetuo vi siede a giudizio:

9 con giustizia egli giudica il mondo,
con rettitudine decide le cause dei popoli.

10 Dell'oppresso e umiliato e offeso
baluardo si farà lo stesso Signore:
rocca sicura, e riparo all'oppresso
per ogni tempo di pena e angoscia.

11 Rifugio in te ritrovino quanti
conoscono il tuo nome, Signore:
quanti ti cercano tu non deludi.

12 A Dio che abita in Sion cantate,
le sue gesta narrate alle genti.

13 Egli vendica il sangue versato,
egli si ricorda di loro,
egli non dimentica il grido dei poveri.

14 Pietà di me, Signore,
vedi in che misero stato mi trovo
a causa dei miei oppressori.

15 Che io possa annunziar le tue lodi,
e poiché tu mi hai salvato
io danzi davanti alle porte di Sion.

16 Nella fossa che hanno scavato
sprofondano gli oppressori.
Nella tagliola da essi nascosta
li resti impigliato il lor piede.

17 Il Signore si è rivelato:
giustizia è fatta!
L'empio è caduto nella rete
tesa dalle stesse sue mani.

18 Morte agli empi: vadano agli inferi
i miscredenti che rinnegano Dio.

19 Non per sempre Dio dimentica il misero,
non per sempre andrà delusa
la speranza dei disperati.

20 Sorgi, Signore, non prevalga l'uomo,
tutte le genti raduna a giudizio.

21 Spavento di te le sommerga:
sappiano tutti che son figli di morte.

 

Dossologia

A Dio Padre, nostra sola speranza,
al suo Figlio che è venuto a salvarci,
allo Spirito che sempre ci libera,
pur se oppressi, o nel pianto, cantiamo.

Preghiera

Dio d 'infinita misericordia, che del povero e dell'oppresso serbi memoria, e nel tuo amore vendichi il giusto, non abbandonare in preda al maligno o in balia dei potenti il popolo di poveri che confida in te e a te innalza l'inno di lode per la mirabile opera della tua salvezza. Amen.