PICCOLI GRANDI LIBRI   Mohandas Karamchand Gandhi
OGNI GIORNO UN PENSIERO

Titolo originale: A thaught for the day compiled and translated in English by T. Hingorani
Traduzione: Sandra Danieli
EMI 1989

1-88 89-188 189-288 289-388 389-488 489-588 589-688

589 Se sei veramente umile, non. disprezzare mai, neppure nel sogno, coloro che non praticano le austerità che tu pratichi.

590 Chi non ha l'abitudine di mettere ogni cosa al suo posto, è uno sciocco: perderà un mucchio di tempo a cercare ciò di cui ha bisogno.

591 La potenza divina è tale che nulla potrà mai prevalere contro di essa.

592 Noi lodiamo Dio quando tutto ci va bene; ma un vero devoto Lo loda anche quando le cose vanno male.

593 Trova se stesso chi perde il proprio io.

594 Cerca invano, chi vuole il ramo e dimentica la radice.

595 Il nettare della invocazione del nome di Dio dà gioia all'anima e libera il corpo dalle malattie.

596 L'uomo muore quando si separa da Dio, sua sorgente; non quando l'anima lascia il corpo.

597 Nessuno diventa stupido se perservera nella meditazione.

598 Chi per server a nella meditazione diventa forte e limpido.

599 Come una goccia dopo l'altra riempiono un lago, cosi anche un s910 minuto di preghiera sincera benefica l'anima.

600 Nulla è l'uomo da solo. Ma quando si abbandona a Dio, diventa tutto.

601 Quando Dio ci guida non c'è nulla da temere.

602 Chi perde la pazienza, perde anche la Verità e la nonviolenza.

603 Nessun bene è migliore della Verità, nessun male maggiore della menzogna.

604 Che cosa strana! L'uomo sa dove può trovare la vera felicità, eppure sperpera la vita seguendo il falso!

605 Non dobbiamo fare nulla per piacere o non piacere agli uomini, ma unicamente per piacere a Dio.

606 Anche se qualcuno non ti ascolta dopo che gli hai ripetuto per centinaia di volte la stessa cosa, persevera nello sforzo. Questa è pazienza.

607 Un servizio accettato controvoglia e svolto senza gioia, diventa un peso insopportabile.

608 Occorre molta cautela, nel reprimere la natura.

609 Quando c'è qualche cosa di cattivò nella natura, non si tratta di reprimere, ma di sradicare.

610 Chi vuol salvare il suo tempo, non fa neppure una sola cosa inutile.

611 Chi obbedisce alla legge di Dio non si preoccupa di tutte le altre leggi che le fossero contrarie.

612 È giusto che qualcuno lasci un'opera buona non perché lo vuole, ma per compiacere gli amici?

613 Non c'è servizio maggiore di quello di pulire le latrine.

614 Per guidare qualcuno alla verità, ci vuole una pazienza inesauribile.

615 Per quanto grande sia la furia della tempesta, il mare profondo conserva la sua calma.

616 Perché l'uomo non si dà pace, quando non riesce a compiere il suo dovere?

617 Bontà e grandezza sono nella semplicità, non nel benessere.

618 Il fuoco dell'amore scioglie qualunque crisi.

619 Finché non c'è armonia tra corpo, mente ed anima, nulla riesce bene.

620 Per chi si è votato alla Verità, lode e disapprovazione devono avere lo stesso valore: non farà caso alla lode e non si angustierà per la disapprovazione.

621 Chi è faccia a faccia con Dio, non parla: non lo potrebbe.

622 L'uomo ha due occhi e due orecchi, ma una lingua soltanto. Dovrebbe parlare metà di quanto vede, metà di quanto sente.

623 È incredibile quanto l'uomo sia capace di ingannare se stesso.

624 Da' tutto: avrai tutto.

625 Tieni tutto: perderai tutto.

626 C'è piccolo e grande, nel peccato? Il peccato è sempre peccato. Chi pensa diversamente, inganna se stesso.

627 È facile distruggere; costruire, lo si può solo con grande abilità e fatica.

628 Quando pensiamo agli altri, siamo costretti a smettere di pensare a noi stessi.

629 La pazienza porta avanti molte cose; l'impazienza ne rovina molte.

630 La semplicità non si può fingere: essa deve avere il colore della naturalezza.

631 Chi cerca fuori di sé non crescerà mai. Lo spazio per la crescita è interiore.

632 L'amore puro vince ogni stanchezza.

633 Come può pretendere di essere umano chi agisce come una bestia?

634 Quando c'è conflitto tra la fede e la ragione, è meglio lasciarsi guidare dalla fede.

635 Chi teme la critica del popolo, non riuscirà mai a fare bene qualche cosa.

636 Ogni cosa è pulita e in ordine quando è al suo posto. Fuori posto, anche la cosa più bella diventa sporcizia.

637 Sembra che l'uomo non riesca a sfuggire l'insidia della esagerazione.

638 Dobbiamo insistere sulla verità e sulla menzogna. L'uomo non riesce a sfuggire l'insincerità e trova tanta difficoltà a raggiungere la verità.

639 L'uomo non deve né agire né leggere senza capire.

640 Il Gange fluisce nel cuore umano, eppure l'uomo non riesce a bagnarvisi e non ne resta toccato.

641 Può offrire il sacrificio solamente chi è puro, intrepido e degno.

642 La disperazione divora l'uomo.

643 Se qualcuno vuol conoscere Dio, deve scacciare l'egoismo e la paura.

 

644 Il cedere alla forza, è segno di debolezza di carattere.

 

645 Il vero servizio da rendere agli intoccabili è quello di renderli senza paura e liberi dalla disperazione.

 

646 Soprattutto, il silenzio!

 

647 La luce della sapienza non abbandona mai il coraggioso.

 

648 Senza l'acqua, non si disseta alcuno; senza Dio, non si sazia alcuna anima.

 

649 Nessuno progredisce, se non è contrastato.

650 Ogni uomo deve cercare la Sorgente del suo essere.

651 Chi non si conosce, è perduto.

652 Il corpo umano è come uno strumento musicale: se ne può ricavare qualsiasi nota.

653 Il pensiero attraversa anche una parete di acciaio.

654 Si vince anche morendo.

655 La fede è al timone (della vita).

656 Perché temere la morte? Essa ci è sempre vicina.

657 Siamo tutti pazzi: come possiamo dare del « pazzo» a qualcuno?

658 Se puliamo bene la lavagna, vedremo Dio che vi scrive a chiare lettere.

659 Per quanto la nostra ambizione sia bassa, essa deve abbracciare anche le creature considerate le più basse.

660 Non è possibile intronizzare contemporaneamente nel nostro cuore Dio e Satana.

661 Morire per la religione è una bella cosa; ma non si deve né vivere né morire per fanatismo religioso.

662 La forza interiore cresce con la preghiera.

663 Se vedessi la bellezza interiore, ogni altra bellezza impallidirebbe fino a diventare insignificante.

664 Solo la vita spesa nel servizio è fruttuosa.

665 È sorprendente come noi ci interessiamo tanto alle cose esteriori e non diamo neppure un pensiero a quelle interiori.

666 Ci andrà tutto bene se, anche nelle ore di lavoro, saremo coscienti della:' presenza di Dio in noi.

667 Quanto più l'uomo si conosce, tanto più progredisce;

668 Una mente turbata dà più pena di un'ulcera.

669 Dicono che la pena della fame sia insopportabile. Se vogliamo vivere da veri uomini, dobbiamo saperci elevare anche al di sopra di questa pena.

670 È solo attraverso l'esperienza che noi riusciamo a capire quanto sia difficile raggiungere il vero distacco.

671 Ogni male viene dall'orgoglio.

672 Una vita priva di pensiero è come la vita di una bestia.

673 Dobbiamo farci quanto più intimi è possibile, a imitazione di Colui che vogliamo raggiungere.

674, Perché ti sdegni delle colpe degli altri? Quanto meglio se ti sdegnassi per le tue!

675 C'è grande differenza tra una fede viva e il semplice desiderio della fede. L'uomo si inganna perché non conosce tale differenza..

676 Non tutti sono chiamati alla conoscenza scientifica, ma tutti possono acquistare la sapienza dello spirito, e lo debbono fare.

677 Di Dio si dice che ha cento braccia, come anche che ne ha quattro. Come si può capire, è solo questione di immaginazione.

678 Se ci abbandoniamo ai cattivi pensieri, questi non ci abbandoneranno mai: diventeranno i nostri cattivi compagni.

679 Una verità semplice e infallibile è questa: se ci abbandoniamo alla invocazione del nome di Dio, tutti i nostri pensieri e le nostre azioni diventeranno buoni.

680 Dobbiamo compiere il lavoro che Dio vuole. Ma come conoscerlo?

681 L'unico modo per conoscere la volontà di Dio è la preghiera fervente e perseverante, e un'azione che vi corrisponda.

682 La fede è il sole della vita.

683 Che importa se gli uomini ti rifiutano? Dio è pronto a prenderti.

684 Se un uomo può divenire perfetto, si può dedurre che tutti gli uomini possono farlo.

687 Che, cosa importa se ci prendono per sognatori?

685 Che cosa miserevole! L'uomo capisce, eppure preferisce cadere.

686 Non dobbiamo pensare alle grandi cose, ma alle cose buone.

688 La possibilità di vivere fino a 125 anni si allontana sempre più. Ma che diritto ha di vivere chi non è ancora riuscito a dominare sufficientemente l'ira e l'attaccamento?

10 - 10 - 1946