PREGHIERE  ALFABETO EBRAICO
LETTERE PER MEDITARE

Tau Sin Res Qof Sade Pe Ain Samec Nun Mem Lamed Kaf Yod Tet Het Zain Vau He Dalet Ghimel Bet Alef

Salmo 119

(PE)
129 Le tue testimonianze sono meravigliose;
perciò l'anima mia le osserva.
130 La rivelazione delle tue parole illumina;
rende intelligenti i semplici.
131 Apro la bocca e sospiro,
per il desiderio dei tuoi comandamenti.
132 Volgiti a me e abbi pietà,
come usi fare con chi ama il tuo nome.
 

133 Guida i miei passi nella tua parola
e non lasciare che alcuna iniquità mi domini.
134 Liberami dall'oppressione degli uomini
e osserverò i tuoi precetti.
135 Fa' risplendere il tuo volto sul tuo servo,
e insegnami i tuoi statuti.
136 Fiumi di lacrime mi scendono dagli occhi,
perché la tua legge non è osservata.

Pe

Pronuncia: P o F, a seconda che ci sia o meno un puntino nella lettera (daghesh).

Esempio: PURIM oppure SHAFAN (coniglio)

Il valore numerico (Ghematria) della Pe e’ 80.

La lettera PE rappresenta parola e silenzio.

La PE sta per PE (bocca), l'organo della parola. Dio creò l'uomo e "gli ispirò nelle narici il soffio vitale , e l'uomo divenne essere vivente". (Genesi 2:7) Onkelos sostiene che il termine essere vivente e’ da interpretare come "anima che parla". Rashi commenta che ciò che differenzia l'uomo dagli animali e’ la capacità di fare un discorso intelligente. La capacità di parlare porta l'uomo in cima alla graduatoria delle quattro categorie di esistenza: DOMEM (silente): TZOMEACH (germogliante); HAI (vivente) e MEDABER (parlante). (Maharal)

La Kabbala nota che la PE e’ formata da una KAF ed una YOD. La KAF rappresenta KLI' (contenitore), che contiene la YOD, ovvero la spiritualita’. La YOD nella KAF rappresenta lo spirito contenuto nel corpo umano, oppure un uccello in gabbia (il Messia), oppure, ancora, i Dieci Comandamenti nell'Arca. (Magen David)

Nell'alfabeto, la AIN precede la PE, dato che l'occhio percepisce e poi la bocca esprime il pensiero. C'e’ comunque un luogo dove la posizione di queste due lettere si inverte. In Eicha (Libro delle Lamentazioni sulla distruzione del Tempio di Gerusalemme) i versi dei primi quattro capitoli sono formate da parole in ordine alfabetico ("acrostico"). In tre capitoli su quattro la AIN precede la PE. L'anomalia allude al fatto che a quel tempo si era deviato dalla via di Dio. La PE senza daghesh (puntino in centro) ha un suono morbido (F), la PE con il daghesh ha invece un suono duro (P). La radice RAFE (curare)e’ usata nella Tora’ con la forma morbida, quando chi cura e’ Dio "Io, il Signore sono colui che ti da’ la salute" (Esodo 15:26), e con la forma dura, quando chi cura e’ il dottore "le cure mediche" (Esodo 21:19) La differenza sta nel fatto che il medico cura con dolore, mentre Dio cura naturalmente. (Baal Haturim)

La PE (bocca) e’ data all'uomo per servire lo scopo morale di usare la parola al servizio di Dio (Tefillah Zaka’). Il lutto e’ il momento del silenzio. Al silenzio si allude mangiando uova e lenticchie, che sono cibi rotondi che non hanno "bocca". (Baba Basra 16b)