PREGHIERE  ALFABETO EBRAICO
LETTERE PER MEDITARE

Tau Sin Res Qof Sade Pe Ain Samec Nun Mem Lamed Kaf Yod Tet Het Zain Vau He Dalet Ghimel Bet Alef

Salmo 119

(BET)
9 Come potrà il giovane render pura la sua via?
Badando a essa mediante la tua parola.
10 Ti ho cercato con tutto il mio cuore;
non lasciare che mi allontani dai tuoi comandamenti.
11 Ho conservato la tua parola nel mio cuore
per non peccare contro di te.
12 Tu sei benedetto, o SIGNORE;
insegnami i tuoi statuti.
 

13 Ho enumerato con le mie labbra
tutti i giudizi della tua bocca.
14 Gioisco seguendo le tue testimonianze,
come se possedessi tutte le ricchezze.
15 Io mediterò sui tuoi precetti
e considererò i tuoi sentieri.
16 Mi diletterò nei tuoi statuti
e non dimenticherò la tua parola.

Bet

Pronuncia: B o V, a seconda che nel centro della lettera appaia oppure no un puntino (daghesh).

Esempio BEN (figlio), EVEN ( pietra)

Il valore numerico (Ghematria) della Bet e’ 2. La lettera BET rappresenta benedizione e creazione; dualita’ e pluralita’. Dato il suo valore numerico (ghematria) di 2, la BET rappresenta il concetto di dualita’, concetto che implica diversita’ in ogni parte della BRIYA' (creazione). L'unicita’ assoluta prevale solo nel Creatore. Letteralmente BET significa casa (BAIT), ed allude sia al punto piu’ santo della terra, (BET HAMIKDASH, il Tempio di Gerusalemme) sia alla casa (BAYT) dell'uomo, casa che egli puo’ trasformare in un BET HAMIKDASH  KATAN, un santuario in miniatura.La differenza tra MIKDASH (tempio,444) e BAYT (casa, 412) e’ 32, ovvero il valore numero di LEV (cuore). Questo ci insegna che soltanto mettendo il proprio cuore in una casa si puo’ trasformarla in un tempio.

Appare simbolicamente significante che AV (padre) ed EM (madre), entrambi iniziano con la lettera BET, mentre BEN (figlio) e BAT (figlia) iniziano con la lettera BET. (Metzaref Dahava)

La Tora' scritta inizia con la lettera BET (Bereshit..), quella orale con la lettera Mem (Meematai...). Le due lettere insieme formano la parola BAM (di queste cose). Nella preghiera dello Shema' e' scritto ..vedibarta' bam belechtecha' baderech.. - e parlerai di queste cose (e non di altre) quando camminerai per strada...(Maghid Taaluma’ ) BET sta per BEYN UBEYN (tra.. e tra), ovvero per la capacita’ di differenziazione e deduzione.. Questi sono i tratti intellettuali che generano la BINA' (comprensione). Rav Bunam di Pshitcha nota che la radice di ADAM (uomo) viene da DAMA' (confronto). L'uomo e’ caratterizzato dalla sua capacita’ di confrontare e mettere in contrasto, di distinguere e differenziare, di analizzare e comprendere. (Otzar Hachaim). BINA' (comprensione) e’ anche la base dell'etica. Rav Israel Salanter diceva che la mitzva’ cardinale e’ "non essere stupido" (Michtav Eliyahu II,95). Egli comprese che un intelletto che ha nella radice la consapevolezza dei sentimenti degli altri e’ un prerequisito per qualsiasi relazione umana.Nella Amida’, la prima richiesta per i nostri bisogni fisici e spirituali non e’ la preghiera di aver successo nella nostra lotta quotidiana per il pane, ma di avere BINA' e saggezza. Dio apparve al re Salomone in sogno e gli chiese: "cosa ti dovrei dare?", e Salomone rispose: "dai al tuo servo un cuore che comprende..in modo da poter discernere tra il male ed il bene" (Re 3:9)

La forma della lettera BET rappresenta una casa con un lato aperto, per insegnarci che la nostra BAYT (casa) deve essere aperta agli ospiti, come insegna la Mishna’ : " Aprite le vostre case" (Avot 1:4).